`Login´

Autore disco:

Fausto Balbo

Etichetta:

Afe Records (I) / Snowdonia (I)

Link:

www.aferecords.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2012

Titoli:

1) Login 2) Harvester Of Bits 3) Virus Scan 4) Hardmysticmeeting 5) Hi Mr.Kemp 6) My Chatroom... My Life... My Distress 7) Bird's Room 8) Clozier's Room 9) Walkin' With Klaus 10) Fake Reality – Logout 11) Will Future Man Develop A Third Ear?

Durata:

60:12

Con:

Fausto Balbo

ostico, ostile, ostia che disco

x Matteo Uggeri

Ho un preciso ricordo di Fausto Balbo: Baraonda, 2005, novembre, un freddo cane, 400 persone, all’Afe party. Dietro alle sue macchine siede quest’uomo ‘non più giovanissimo’, serio come pochi al mondo, mentre spippola su tasti e manopole di sintetizzatori a me sconosciuti. Ai piedi: due calzini colorati che viaggiano su pedali dalle funzioni misteriose.
La sto prendendo larga, me ne rendo conto. Ma è perché è dannatamente difficile scrivere di un disco come questo, che parte da un intento programmatico decisamente severo: «"Login" is an imaginary journey through the web, where one can explore new realities - or different views of well known stuff - on a thin line between truth and fiction.» Per realizzare il disco l’autore si auto-impone la scelta di usare solo il Nord Modular G2, nella sua versione free software (« With some creativity you can experiment with unlimited combinations to obtain a huge variety of different sounds») e approda, attraverso di esso, in molteplici territori che vanno dall’ambient quasi Jarriana al noise passando per paesaggi perfino danzerecci e musica contemporanea. Ciò che resta costante è la materia sonora, quel synth vintage che Balbo padroneggia con maestria e trascina attraverso queste inafferrabili undici tracce. Vengono ovviamente in mente i corrieri cosmici, ed un Klaus Schulze che, se indovino, è colui con il quale il Nostro passeggia nella nona traccia. Un disco che riserva anche momenti di lirica bellezza (su tutte Virus Scan e Harvester Of Bits, in odore del compagno di scuderia Raffaele Serra) direi immancabile per i cultori di questo tipo di materia sonora ma decisamente ostico per tutti gli altri: vi sfido a reggere i 17 minuti della finale Will Future Man Develop a Third Year?. Se ce la fate siete coraggiosi come questo disco.
Bellissima l’idea della copertina con il nome inserito come il login di un sito internet.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 5/10/2013

`Gratitude´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Vostra Signora Del Rumore Rosa´  

`777+2 Per Aspera Ad Astra´  

`Emblema´  

`Tajaliyat´  

`Moondrive´  

`Collected Wreckages´ // `Shallow Nothingness In Molten Skies´ // `Blind Tarots´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Giraffe´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`Live At Konfrontationen Nickelsdorf 2012´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´  

`Edges´  

`Una piccola tregua (Live)´  

`Settembre´  

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`Plastic Fantastic´  

`Z/Rzw-Shiiiiiii´  

`Vegir´  

`Quadrature´  

`Lo stretto necessario´  

`Food Foragers´  

`AB+´  

`Disappearing´  

`Porteremo gli stessi panni´  

`Words Delicate Flight´  

`The Irresistible New Cult Of Selenium´  

`Floatin’ Pieces´  

`Girovago´  

`Un tempo, appena´  

`Inscapes´  

`Ortiche´  

`Maledette rockstar´  

`Exuvia´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´