`Give No Quarter´

Autore disco:

Baars, Kneer & Elgart

Etichetta:

Evil Rabbit Records (NL)

Link:

www.evilrabbitrecords.eu

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2013

Titoli:

1) Anacrusis 2) Eurus 3) Give No Quarter 4) Zephyrus 5) Late Preamble 6) Song For Our Predecessors 7) Specific Gravity 8) Notus 9) Logical Consistency 10) Tale Of The Bewildered Bee 11) Complementary Progress 12) Fundamental Ambush 13) Boreas

Durata:

63:22

Con:

Ab Baars, Meinrad Kneer, Bill Elgart

una grande lezione di storia (e non solo)

x Costante Berciu (no ©)

Fa subito pensare alle classiche formazioni in trio di Rollins e Ayler, questo disco, e il secondo viene addirittura evocato apertamente quando Baars si impegna al sax tenore. Pezzi come Anacrusis e Give No Quarter, seppure non abbiano quella forza evocativa e la materia sonora sia più frammentata, non possono che far pensare all`Albert Ayler Trio (quello con Gary Peakock e Sunny Murray). E` poi sempre Ayler a far capolino nella marcia funebre Song For Our Predecessors e nella lamentazione Tale Of The Bewildered Bee. Un altro collegamento con il sassofonista afroamericano sta nella presenza del batterista Bill Elgart, uomo di punta del jazz statunitense d`annata, che a suo tempo ha fatto accoppiata ritmica proprio con Gary Peacock.
Altrove, quando Baars impugna il clarinetto, è invece il profondo lirismo di Steve Lacy che fa occhiolino da bordo campo.
Se fosse tutto qui plauderei alla grande lezione di storia, razionalmente molto coinvolgente, ma il CD offre anche qualcosa di più.
Robe come Zephyrus e Boreas, con Baars impegnato al flauto giapponese di bambù (shakuhachi), coinvolgono anche emotivamente con le loro atmosfere notturne `zeppe` di paraconcretismi da quarto mondo.
Infine c`è Eurus, gemma incastonata nel tempo, con le atmosfere dilatate, i suoni lunghi e il fraseggio ridotto ai minimi termini, dove le linee melodiche sembrano seguire percorsi propri per intersecarsi armonicamente, secondo un concetto armolodico tipicamente colemaniano ancora difficile da comprendere (probabilmente lo stesso Ornette Coleman non l'ha mai compreso appieno). Potevano intitolarla Song For Our Successors e non avrebbe fatto una piega.
Un`osservazione out per chi come me vede nei Paesi Bassi una sorta di Terra del Bengodi per l`improvvisazione: se un disco simile, registrato in studio nell`Ottobre 2011, ha dovuto fare un`anticamera di ben 2 anni, nonostante la garanzia rappresentata da un nome ormai affermato qual è Ab Baars, vuol dire che anche da quelle parti inizia ad esserci qualche problemino.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 31/5/2014

`I.´ // `Lonely Hymns And Pillars Of Emptibess´  

`Aforismen Aforisme Aforismes´  

`Blonk, Mallozzi & Vandermark´  

`Schwingende Luftsäulen 3´  

`Beats´ // `Phylum´  

‘Derivatives’ // `Haerae´  

`Room For The Moon´ // `Гибкий график´  

`Electric Music´  

`Jin-Brebl-Concert´  

`Kavel´  

`Libertè Égalitè Fraternité´  

`La signora Marron´  

`Live´ // `An Evening In Houston´  

`Archytas Curve´  

`Oltre il cielo alberato´  

`Alimurgia´  

`La Chiamata´  

`Ritual For Expansion´  

`Sketches For Violin And Vinyl´  

`Isopleths´  

`Take The Long Way Home´  

`Strell´  

`Music For Organ´  

`Brittle Feebling´  

`Materia´ // `Triptych (Tautological)´  

`Uncle Faust´  

`Frankenstein´  

`Beyond The Tranceries´  

`Don`t Worry Be Happy´  

`Infected Burst´  

`Tracce XX´  

`Spime 2019´  

`The Hovering´  

`Canto Fermo´  

`Anasyrma´  

`Live´  

`Colmorto´  

`Vocabularies´  

`Blue Horizon´  

`Namatoulee´  

`Passato, presente, nessun futuro´  

`Liquid Identities´  

`Out For Stars´  

`Collera City´  

`Harraga´  

`Rumpus Room´  

`CEPI Meets HIC´  

`Prèludes´  

`The Last Five Minute´  

`Left Hand Theory (Live At Il Torrione)´  

`Collectable Items´  

`Duos & Trios´  

`Sleepless Nights / Lysergic Mornings´ // `Impressioni organizzate di ansie liquide´  

`L`inizio della neve´  

`Another Year Is Over, Let`s Wait For Springtime´