`Carrion, My Wayward Son …´

Autore disco:

Le Flange Du Mal

Etichetta:

Resipiscent Records (USA), Chmafu Nocords (A)

Link:

pilastr.tumblr.com
nocords.net/

Formato:

LP

Anno di Pubblicazione:

2015

Titoli:

1) The Indigenous Evaporator 2) Threnody For S.A. 3) Weather War 4) Iacocca 5) Caravan To Montauk 6) …Landmines 7) Shaved Women

Durata:

29:00 ca

Con:

Liz Allbee, Chris Cones, Chris Rolls, Jason Stamberger

la pianta del cocco e le sue noci

x andrea bertelli (no ©)

La fiamma del suono anarchico, quella che in passato ha riscaldato i nostri cuori attraverso le sembianze di Mother Of Invention, Gong, Caroliner, Deviants, Crass, Dog Faced Hermans e Chumbawamba, è un po’ come la pianta del cocco, affida agli oceani le sue noci e si fa trasportare fino a piantare le proprie radici in terre lontane.
È così che oggi la vediamo rispuntare in California pronta a lenire la nostra sete di viandanti, enigmaticamente camuffata dietro la sigla Le Flange Du Mal.
Ma basta posare la puntina e far partire il disco per scoprire l’inghippo, seppure una rantolomania alla Germs o, vista l’assenza pressoché totale di chitarre, un synth-punk in stile Screamers giochino sporco per ingarbugliare le acque.
Chi non è ancora convinto non deve far altro che scorrere la lista dei brani, troverà così la Shaved Women, firmata Crass / Annie Anxiety, che inaugurò su 7 pollici la discografia del gruppo guidato da Steve Ignorant, Eve Libertine e Joy De Vivre.
Migrante lei stessa, la fiamma del suono anarchico non può che stare dalla parte dei migranti.
Vita eterna allo spirito errante di Михаи́л Алекса́ндрович Баку́нин!


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 14/2/2017

`Il polmone d’acciaio´  

`A Common Day Was Born´  

`Thalidomusic For Young Babies´  

`Rurale´ // `Fassbinder Wunderkammer´  

`Harpoon´  

`Alveare´ // `Cinza´  

`Electroacoustic Works´  

`H´  

`Il De’ Blues´ // `Sì´  

`Menhir´  

`Un incubo stupendo´  

`Coriandoli´  

`Divus´  

`Learn To Live´  

`Right Error´  

`Les Ravageurs´  

`Falling Apart´  

`Traum´  

`Re-Birth´  

`Le nove ombre del caos´  

`Rumore austero´ // `Sitcom Koan´ // `Maps And Mazes´  

`Variazioni Gracchus´  

`The Miracles Of Only One Thing´  

`Become Zero´  

`Prossime trascendenze´  

`Live Spomen Dom´  

`The White Side, The Black Side´  

`Primio´  

`Beyond Time´  

`Zentuary´ // `Pasar Klewer´  

`Silentium´  

`Maledetta Dopamina´  

`Way´  

`Apnea´  

`Dieci´ // `La porta stretta´  

`Fabuloseries´  

`Awake´  

`Examination Of The Eye Of A Horse´  

`Bad Habits´  

`Hypno-pop´  

`City Of Vorticity´  

`Vostok´  

`Appartamento in centro´  

`KIKEΩN´  

`Farfalle e Falene´  

`Méthodologie Contextuelle´ // `Sequenze per raffigurazioni mentali #1´  

`Creatura´  

`The Stabbing´ // `Acephale´ // `in Fin dei Corpi´  

`Autotrophy´  

`Eagle Prayer´  

`Memoria Istruttiva´ // `Funeral Parties´  

`Chi va piano va già troppo veoce (Sulla lentezza del bradipo)´  

`Arpe Eolie´ // `Ragionamenti musicali in forma di dialogo: X e XII´  

`Tectonic Shifts´ // `Modus Of Raw´