`Carrion, My Wayward Son …´

Autore disco:

Le Flange Du Mal

Etichetta:

Resipiscent Records (USA), Chmafu Nocords (A)

Link:

pilastr.tumblr.com
nocords.net/

Formato:

LP

Anno di Pubblicazione:

2015

Titoli:

1) The Indigenous Evaporator 2) Threnody For S.A. 3) Weather War 4) Iacocca 5) Caravan To Montauk 6) …Landmines 7) Shaved Women

Durata:

29:00 ca

Con:

Liz Allbee, Chris Cones, Chris Rolls, Jason Stamberger

la pianta del cocco e le sue noci

x andrea bertelli (no ©)

La fiamma del suono anarchico, quella che in passato ha riscaldato i nostri cuori attraverso le sembianze di Mother Of Invention, Gong, Caroliner, Deviants, Crass, Dog Faced Hermans e Chumbawamba, è un po’ come la pianta del cocco, affida agli oceani le sue noci e si fa trasportare fino a piantare le proprie radici in terre lontane.
È così che oggi la vediamo rispuntare in California pronta a lenire la nostra sete di viandanti, enigmaticamente camuffata dietro la sigla Le Flange Du Mal.
Ma basta posare la puntina e far partire il disco per scoprire l’inghippo, seppure una rantolomania alla Germs o, vista l’assenza pressoché totale di chitarre, un synth-punk in stile Screamers giochino sporco per ingarbugliare le acque.
Chi non è ancora convinto non deve far altro che scorrere la lista dei brani, troverà così la Shaved Women, firmata Crass / Annie Anxiety, che inaugurò su 7 pollici la discografia del gruppo guidato da Steve Ignorant, Eve Libertine e Joy De Vivre.
Migrante lei stessa, la fiamma del suono anarchico non può che stare dalla parte dei migranti.
Vita eterna allo spirito errante di Михаи́л Алекса́ндрович Баку́нин!


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 14/2/2017

`Gratitude´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Vostra Signora Del Rumore Rosa´  

`777+2 Per Aspera Ad Astra´  

`Emblema´  

`Tajaliyat´  

`Moondrive´  

`Collected Wreckages´ // `Shallow Nothingness In Molten Skies´ // `Blind Tarots´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Giraffe´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`Live At Konfrontationen Nickelsdorf 2012´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´  

`Edges´  

`Una piccola tregua (Live)´  

`Settembre´  

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`Plastic Fantastic´  

`Z/Rzw-Shiiiiiii´  

`Vegir´  

`Quadrature´  

`Lo stretto necessario´  

`Food Foragers´  

`AB+´  

`Disappearing´  

`Porteremo gli stessi panni´  

`Words Delicate Flight´  

`The Irresistible New Cult Of Selenium´  

`Floatin’ Pieces´  

`Girovago´  

`Un tempo, appena´  

`Inscapes´  

`Ortiche´  

`Maledette rockstar´  

`Exuvia´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´