`Uno Todo Tres´

Autore disco:

Clara de Asís

Etichetta:

Collection PiedNu (F)

Link:

claradeasis.com
www.piednu.fr
www.metamkine.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2016

Titoli:

1) Uno Todo Tres

Durata:

44:02

Con:

Clara de Asís

una chitarrista spagnola con il nome da santa che non suona il flamenco

x rita da cascia (no ©)

C’è da impazzire.
La copertina del CD presenta una catasta di rami sciancati, come dopo un temporale, senza nessuna scritta a indicare l’autore o di che disco si tratta.
Girando si apprende che il nome dell’autore, una femmina, è Clara de Asís.
Cerco su internet per capire chi è costei e m’appare una sfilata di pagine religiose con monache, missioni e quant’altro. Clara di Assisi, gnocca di Devi, come ho fatto a non pensarci prima. Santa Chiara d’Assisi!
Il titolo del disco, e dell’unico brano che comprende, è poi tutto un programma: “Uno Todo Tres” (un tutto tre).
Finalmente giungo a capo dell’arcano: Clara de Asís è una ventottenne chitarrista spagnola con il nome da santa che non suona il flamenco, che si presenta così al suo esordio discografico (quello cosiddetto fisico) dopo una serie di tracce rilasciate in rete.
Mi pare conclamato che la Spagna, in quanto a musica sperimentale, e uno dei fanalini di coda dell’eurotreno, e la nostra Clara, che fa musica sperimentale, ha dovuto cercare rifugio in Francia, esattamente a Marsiglia (tanto per non staccarsi troppo dai torridi climi della madre patria), e qui ha trovato orecchie disposte ad ascoltarla e musicisti in grado di darle un sostegno (ha collaborato con Noël Akchoté, Antez, d’Incise, Golem Mécanique, Emmanuel Lalande, Nicolas Dick e Miguel A. García).
Uno todo tres è un bordone minimale che si sviluppa come una lunga onda, con picco centrale, e si risolve continuamente in un brulicare di timbri. Come un concerto estivo di insetti perso nel silenzio della notte. La de Asís mette in mostra uno stupefacente controllo sia sullo strumento sia sui volumi, e state pur certi che risentiremo parlare di lei.
L’acquisto è un dovere gli aficionados Di Eliane Radigue, Phil Niblock e Rafael Toral, ma è comunque consigliato anche a tutti gli altri.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 14/2/2017

`Materia´ // `Triptych (Tautological)´  

`Beyond The Tranceries´  

`Don’t Worry Be Happy´  

`Infected Burst´  

`Tracce XX´  

`Spime 2019´  

`The Hovering´  

`Canto Fermo´  

`Anasyrma´  

`Live´  

`Colmorto´  

`Vocabularies´  

`Blue Horizon´  

`Namatoulee´  

`Passato, presente, nessun futuro´  

`Liquid Identities´  

`Out For Stars´  

`Collera City´  

`Harraga´  

`Rumpus Room´  

`CEPI Meets HIC´  

`Prèludes´  

`The Last Five Minute´  

`Left Hand Theory (Live At Il Torrione)´  

`Collectable Items´  

`Duos & Trios´  

`Sleepless Nights / Lysergic Mornings´ // `Impressioni organizzate di ansie liquide´  

`L’inizio della neve´  

`Another Year Is Over, Let’s Wait For Springtime´  

`Memory Loss´  

`Other Colors´  

`Ebbs And Flow´ // `Staggered Twisted Angled´  

`Live In Pisa´  

`Fellini 100 I Compani 35´  

`The Whole Thing´  

`Composition O´  

`είμαρμένη´ // `Kaczynski Tape Sessions – The Commercial Tape´  

`Awake´ // `Timewise´  

`Wood(Winds) at Work´  

`Poem Pot Plays Pantano´  

`Celante´  

`Busy Butterflies´  

`The Next Wait´  

`Devotion´ // `Kammern I-V´ // `As If You Were Here´ // `Glassware´ // `Kimmig – Studer - Zimmerlin And George Lewis´  

`Live At B-Flat´  

`Sul Filo´  

`Colorless Green Ideas Sleep Furiously´  

`D C´  

`Kaczynski Tape Sessions – The Urban Tape´  

`Laylet el Booree´  

`La Louve´  

`Suites And Seeds´ // `Extended ● For Strings And Piano´ // `Zeit´  

`Dropping Stuff And Other Folk Songs´  

`Amore per tutti´  

`Live At Torrione Jazz Club´  

`The Treasures Are´ // `Up And Out´ // `The Balderin Sali Variations´