`Uno Todo Tres´

Autore disco:

Clara de Asís

Etichetta:

Collection PiedNu (F)

Link:

claradeasis.com
www.piednu.fr
www.metamkine.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2016

Titoli:

1) Uno Todo Tres

Durata:

44:02

Con:

Clara de Asís

una chitarrista spagnola con il nome da santa che non suona il flamenco

x rita da cascia (no ©)

C’è da impazzire.
La copertina del CD presenta una catasta di rami sciancati, come dopo un temporale, senza nessuna scritta a indicare l’autore o di che disco si tratta.
Girando si apprende che il nome dell’autore, una femmina, è Clara de Asís.
Cerco su internet per capire chi è costei e m’appare una sfilata di pagine religiose con monache, missioni e quant’altro. Clara di Assisi, gnocca di Devi, come ho fatto a non pensarci prima. Santa Chiara d’Assisi!
Il titolo del disco, e dell’unico brano che comprende, è poi tutto un programma: “Uno Todo Tres” (un tutto tre).
Finalmente giungo a capo dell’arcano: Clara de Asís è una ventottenne chitarrista spagnola con il nome da santa che non suona il flamenco, che si presenta così al suo esordio discografico (quello cosiddetto fisico) dopo una serie di tracce rilasciate in rete.
Mi pare conclamato che la Spagna, in quanto a musica sperimentale, e uno dei fanalini di coda dell’eurotreno, e la nostra Clara, che fa musica sperimentale, ha dovuto cercare rifugio in Francia, esattamente a Marsiglia (tanto per non staccarsi troppo dai torridi climi della madre patria), e qui ha trovato orecchie disposte ad ascoltarla e musicisti in grado di darle un sostegno (ha collaborato con Noël Akchoté, Antez, d’Incise, Golem Mécanique, Emmanuel Lalande, Nicolas Dick e Miguel A. García).
Uno todo tres è un bordone minimale che si sviluppa come una lunga onda, con picco centrale, e si risolve continuamente in un brulicare di timbri. Come un concerto estivo di insetti perso nel silenzio della notte. La de Asís mette in mostra uno stupefacente controllo sia sullo strumento sia sui volumi, e state pur certi che risentiremo parlare di lei.
L’acquisto è un dovere gli aficionados Di Eliane Radigue, Phil Niblock e Rafael Toral, ma è comunque consigliato anche a tutti gli altri.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 14/2/2017

`Live At Torrione Jazz Club´  

`The Treasures Are´ // `Up And Out´ // `The Balderin Sali Variations´  

`Do. So´  

`Saillances´ // `MétamOrphée´  

`Rise´  

`Echoes From The Planet´  

`Live At L’Horloge´  

`O’er The Land Of The Freaks´  

`Hipparchus´  

`Autocannibalism´  

`Songs On The Line´  

`Hyperbeatz vol. 1´ // `俳句´ // `Different Constellation´  

`Daily Drone Dream´  

`Combat Joy´  

`Due´  

`The Wroclaw Sessions´  

`Phase Duo´  

`Tracing South´ // `Stereo´  

`Unknown Shores´  

`Schwingende Luftsäulen 2´  

`That Is Not So´  

`Depth Sounding´ // `quando ero un bambino farò l’astronauta´  

`Soufifex´  

`La bottega del suono (Mario Bertoncini. Maestri e allievi.)´  

`Live At Nikodemus Church´  

`Songs from The Eternal Dump´  

`Cosa potrebbe accadere´  

`Avrei Dovuto Odiarti´  

`The Night Of The 13th’ Moon´  

`10, A Brokken Records Special Edition´  

`OAK´  

`Octo´  

`fourtyfour fiftythree´  

`Antinodal´  

`IMAfiction: Portrait # 01 - # 10´  

`Placid´  

`Music For Cat Movies´  

`Air Skin Digger´ // `Sidereal Deconposition Activity´  

`Milano´ // `Sinking Into A Miracle´  

`Light From Another Light´  

`Drift´  

`Repeat Please!´  

`Sum And Subtraction´ // `2. Akt´ // `Utopia´  

`Metaphysics Of Entropy´  

`Chambery´  

`Flares´  

`OPS…!´  

`W´  

`Live At Kühlspot´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Dance Mystique´  

`Diciotto´ // `Em Portugal!´ // `A Pearl In Dirty Hands´  

`Livebatts!´  

`Doublethink´  

`Explicit´ // `Clairvoyance´