`Lucca And Bologna Concerts´

Autore disco:

Szilárd Mezei & Nicola Guazzaloca

Etichetta:

Amirani Records (I)

Link:

www.amiranirecords.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2017

Titoli:

1) First Improvisation In Lucca 2) Second Improvisation In Lucca 3) Third Improvisation In Lucca 4) Fourth Improvisation In Lucca 5) First Improvisation In Bologna 6) Second Improvisation In Bologna 7) Third Improvisation In Bologna 8) Fourth Improvisation In Bologna

Durata:

62:46

Con:

Szilárd Mezei, Nicola Guazzaloca

semplicemente… guazzaloca (+ szilárd mezei)

x mario biserni (no ©)

Penso sia inutile tessere per l’ennesima volta le qualità di Nicola Guazzaloca, e della scuola popolare di musica Ivan Illich alla quale il suo nome è legato, perché vorrebbe dire parlare ai già convertiti o, peggio ancora, a chi è impermeabile al fascino trasmesso dalla sua musica.
Voglio piuttosto sottolineare la caratteristica base degli improvvisatori, che sta nel rigenerare i propri stimoli attraverso la continua ricerca di nuove collaborazioni e, conseguentemente, di nuovi impasti ai quali sottoporre il suono del loro strumento.
Seguendo le vicende di un improvvisatore è quindi giocoforza fare continuamente nuove conoscenze. È il caso dell’ungherese Szilárd Mezei che, peraltro, aveva già collaborato con Guazzaloca anche in passato (discograficamente il riferimento è un disco del 2011 su Leo Records in trio con Tim Trevor-Briscoe).
In primis c’è quindi l'occasione per conoscere Mezei che è impegnato alla viola, in altre occasioni lo si può apprezzare anche al violino e al contrabbasso, uno strumento che al di fuori del classico quartetto d’archi non viene abitualmente molto usato.
Nella musica improvvisata, in particolare, non esistono certo molti esempi di duetti fra un pianoforte e una viola.
Questa particolarità fa sì che il disco abbia un suo valore complessivo che va al di là della discografia dei due musicisti coinvolti.
Ma questo è solo un aspetto, dacché c’è in “Lucca And Bologna Concerts” un valore intrinseco altrettanto importante.
Guazzaloca è un pianista molto versatile perché estremamente fantasioso, ma anche perché dotato di una notevole preparazione tecnica e di una vasta cultura musicale. A questo vanno aggiunte le opportunità che vengono offerte da un approccio non legato al solo utilizzo della tastiera, il suo è infatti uno sfruttamento globale del pianoforte, e da vari tipi di preparazione dello strumento volti a modificarne il suono. Mezei da parte sua, considerando le notevoli limitazioni di cui soffre una viola se paragonata a un pianoforte, riesce a tenere il passo del compagno e a dialogare (quasi) da pari a pari. Quasi, perché è come combattere con un coltello contro un tipo armato di mitraglietta, c’è solo da sperare in una mancanza di mira o nell’inceppamento dell’arma ma, nel caso di Guazzaloca, tali speranze sono vane.
Tutti i brani, come si capisce dai titoli stessi, sono composizioni spontanee, ma fa eccezione la coda alla terza registrazione lucchese, dal momento che Mezei nell'occasione ripropone un tema tradizionale del folklore ungherese.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 18/3/2018

`L’inizio della neve´  

`Collectable Items´  

`Another Year Is Over, Let’s Wait For Springtime´  

`Memory Loss´  

`Other Colors´  

`Ebbs And Flow´ // `Staggered Twisted Angled´  

`Live In Pisa´  

`Fellini 100 I Compani 35´  

`The Whole Thing´  

`Composition O´  

`είμαρμένη´ // `Kaczynski Tape Sessions – The Commercial Tape´  

`Awake´ // `Timewise´  

`Wood(Winds) at Work´  

`Poem Pot Plays Pantano´  

`Celante´  

`Busy Butterflies´  

`The Next Wait´  

`Devotion´ // `Kammern I-V´ // `As If You Were Here´ // `Glassware´ // `Kimmig – Studer - Zimmerlin And George Lewis´  

`Live At B-Flat´  

`Sul Filo´  

`Colorless Green Ideas Sleep Furiously´  

`D C´  

`Kaczynski Tape Sessions – The Urban Tape´  

`Laylet el Booree´  

`La Louve´  

`Suites And Seeds´ // `Extended ● For Strings And Piano´ // `Zeit´  

`Dropping Stuff And Other Folk Songs´  

`Amore per tutti´  

`Live At Torrione Jazz Club´  

`The Treasures Are´ // `Up And Out´ // `The Balderin Sali Variations´  

`Astonishment´  

`Do. So´  

`Saillances´ // `MétamOrphée´  

`Rise´  

`Echoes From The Planet´  

`Live At L’Horloge´  

`O’er The Land Of The Freaks´  

`Hipparchus´  

`Autocannibalism´  

`Songs On The Line´  

`Hyperbeatz vol. 1´ // `俳句´ // `Different Constellation´  

`Daily Drone Dream´  

`Combat Joy´  

`Due´  

`The Wroclaw Sessions´  

`Phase Duo´  

`Tracing South´ // `Stereo´  

`Unknown Shores´  

`Schwingende Luftsäulen 2´  

`That Is Not So´  

`Depth Sounding´ // `quando ero un bambino farò l’astronauta´  

`Soufifex´  

`La bottega del suono (Mario Bertoncini. Maestri e allievi.)´  

`Live At Nikodemus Church´  

`Songs from The Eternal Dump´