`First Metheoretical Bulletin´

Autore disco:

Sad Cambodia

Etichetta:

Sincope, Under My Bed (I)

Link:

www.undermybed.org
sincoperec.altervista.org

Formato:

MC, D

Anno di Pubblicazione:

2017

Titoli:

1) Metheoretical Bulletin I.Theory 2) Metheoretical Bulletin II. Field Report #1

Durata:

30:10

Con:

Stefano Santabarbara, Massimo Onza

collaborazione ai vertici

x mario biserni (no ©)

Inquadrare la musica major è una cosa piuttosto semplice mentre non lo è affatto farlo con le cosiddette produzioni indipendenti, settore nel quale si passa da etichette discografiche che funzionano come piccole major, senza avene peraltro i mezzi e sfiorando a volte i limiti del truffaldino, a etichette dedite a reali e intransigenti esperienze di autoproduzione e DIY. Sincope e Under My Bed Records si pongono ai livelli più bassi nella scala sociale che regola il pianeta della musica indipendente, non è quindi un caso se i gestori dei due marchi, a dispetto di attitudini musicalmente tutt’altro che affini, hanno finito con il collaborare. Le sognanti melodie di My Dear Killer, dettate sulla chitarra acustica, vanno così a collidere con il noise elettronico di Wound. Il connubio, evidentemente non facile, riesce molto più logico e gradevole di quanto l’immaginazione lasci presupporre. Guidati da un intendimento comune su come produrre musica, più che da inesistenti affinità estetiche, i due riescono laddove altri centomila avrebbero fallito e realizzano due brani nei quali acustico ed elettronico, suoni concreti e suoni digitali, non solo convivono, ma si abbracciano in un amplesso carico di tensioni e di significati. I numeri sono quelli dell’underground più under, 70 copie della cassetta e nessun limite per il download digitale, ma quelli che sono i fanalini di coda per me stanno comunque al vertice. Basta guardare le cose dal basso verso l’alto.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 30/4/2018

`Hyperbeatz vol. 1´ // `俳句´ // `Different Constellation´  

`Tracing South´ // `Stereo´  

`Unknown Shores´  

`Schwingende Luftsäulen 2´  

`That Is Not So´  

`Depth Sounding´ // `quando ero un bambino farò l’astronauta´  

`Soufifex´  

`La bottega del suono (Mario Bertoncini. Maestri e allievi.´  

`Live At Nikodemus Church´  

`Songs from The Eternal Dump´  

`Cosa potrebbe accadere´  

`Avrei Dovuto Odiarti´  

`The Night Of The 13th’ Moon´  

`10, A Brokken Records Special Edition´  

`OAK´  

`Octo´  

`fourtyfour fiftythree´  

`Antinodal´  

`IMAfiction: Portrait # 01 - # 10´  

`Placid´  

`Music For Cat Movies´  

`Air Skin Digger´ // `Sidereal Deconposition Activity´  

`Milano´ // `Sinking Into A Miracle´  

`Light From Another Light´  

`Drift´  

`Repeat Please!´  

`Sum And Subtraction´ // `2. Akt´ // `Utopia´  

`Metaphysics Of Entropy´  

`Chambery´  

`Flares´  

`OPS…!´  

`W´  

`Live At Kühlspot´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Dance Mystique´  

`Diciotto´ // `Em Portugal!´ // `A Pearl In Dirty Hands´  

`Livebatts!´  

`Doublethink´  

`Explicit´ // `Clairvoyance´  

`Gratitude´  

`Kalvingrad´  

`Damn! Freistil-Samplerinnen 4 + 5´  

`L’inottenibile´  

`Four Waves´  

`Beats´  

`Vostra Signora Del Rumore Rosa´  

`777+2 Per Aspera Ad Astra´  

`Emblema´  

`Tajaliyat´  

`Moondrive´  

`Collected Wreckages´ // `Shallow Nothingness In Molten Skies´ // `Blind Tarots´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´