`Hide & Squeak´

Autore disco:

Alan `Gunga` Purves

Etichetta:

Brokken Records (NL)

Link:

corrievanbinsbergen.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2017

Titoli:

1) Who`s There 2) Ghost Ship 3) 7 Ate 9 4) In A Place In Space 5) Zombie Wackers 6) Under The Bramble Tree 7) Speeding Down & Slowing Up 8) Crystal Eyes 9) Pig Happy 10) Gunga`s Din 11) Amar Rock`n 12) Still Standing Still (at 694 km/s) 13) Till Squeak Shut Up 14) Hide & Squeak

Durata:

57:16

Con:

Alan `Gunga` Purves

divertente, giocoso e giocattoloso

x mario biserni (no ©)

Alan Purves è un batterista e "Hide & Squeak" è un suo disco solista. Però non si tratta di un disco di solo batteria e neppure di sole percussioni anche se, in ogni caso, è il disco in solitudine di un batterista. In "Hide & Squeak" vengono infatti utilizzati tutti quei ninnoli, pifferi, piccoli strumenti, oggetti e 'toys' vari che sono ormai patrimonio comune nell'armamentario di ogni percussionista che si rispetti. Indubbiamente in Purves è riflessa tutta l`attività svolta negli anni da `mastro` Han Bennink, ma nel suo lavoro viene meno l`aspetto dada sostituito da una logica costruttivista. I 14 pezzi di “Hide & Squeak” hanno quindi un aspetto bizzarro, certamente, ma sorretto da una forma compositiva estremamente studiata ed elaborata. Divertente, cariglionoso, giocoso e giocattoloso, ma anche ricco di sfumature, questo è un disco che, se avete ben compreso di cosa sto parlando, dovreste acquistare all`istante e senza troppi tentennamenti.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 9/12/2018

`INCIDENTI – Lo schianto´ // `O´  

`In Her Words´  

`Paint Your Lips While Singing Your Favourite Pop Song´  

`Alpine Variations´ // `Watering A Paper Flower´  

`Promontory´  

`« … »´  

`Katacombe Vol. 3´  

`In Vivo´  

`Eight Pieces For The Buchla 100 Series´  

`Aterraterr´  

`Cabrioles cérébrale et accidents psychotiques´  

`2013 – 2021 dal diario di Luigi La Rocca, Cittadino´  

`A Secret Code´ // `Echolocation´  

`Avvolgistanti´  

`Elements´  

`Blues Pour Boris´  

`The Other Lies´  

`Kora´  

`Over The Ridge´  

`Nut´  

`Medusa Dreaming´  

`Melancholia´ // `Cure And Mound´  

`Justinian Intonations´  

`Transmitter´  

`Fernweh´  

`Totale!´  

`Post Jazz Chamber Music´  

`Pulsioni Oblique Vol. 2´ // `Hardboiled´  

`Cirrus´  

`Saca Los Cuernos al Sol´  

`Approximately Grids With A Plan´  

`Eris I Dysnomia´ // Ixtlahuaca´ // ‘Box Of Black´  

`Beats The Plague´  

`Parallelism´  

`Mother Afrika´  

`Non Dweller´ // `Erosion´  

`Music For A Different Room´  

`Thrīe Thrēo Drī ´  

`Reverse Drift / Reverse Charge´  

`An Established Color And Cunning´  

`Postcard From A Trauma´  

`Notturno´  

`Nova esperanto (l’album perduto del 2006)´  

`Duo Sutera Novali´  

`Absum´  

`Convex Mirrors´  

`Township Nocturne´  

`Let It Fall´// `Does The Moon Not Dream´  

`Special Adaptations Volume 1´  

`Kranenburg Tree´  

`Nothing´  

`Subtle Matters´  

`WE3´  

`Solos And More At Studio 304´  

`Bureau´