`Hide & Squeak´

Autore disco:

Alan ‘Gunga’ Purves

Etichetta:

Brokken Records (NL)

Link:

corrievanbinsbergen.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2017

Titoli:

1) Who’s There 2) Ghost Ship 3) 7 Ate 9 4) In A Place In Space 5) Zombie Wackers 6) Under The Bramble Tree 7) Speeding Down & Slowing Up 8) Crystal Eyes 9) Pig Happy 10) Gunga’s Din 11) Amar Rock’n 12) Still Standing Still (at 694 km/s) 13) Till Squeak Shut Up 14) Hide & Squeak

Durata:

57:16

Con:

Alan ‘Gunga’ Purves

divertente, giocoso e giocattoloso

x mario biserni (no ©)

Alan Purves è un batterista e "Hide & Squeak" è un suo disco solista. Però non si tratta di un disco di solo batteria e neppure di sole percussioni anche se, in ogni caso, è il disco in solitudine di un batterista. In "Hide & Squeak" vengono infatti utilizzati tutti quei ninnoli, pifferi, piccoli strumenti, oggetti e 'toys' vari che sono ormai patrimonio comune nell'armamentario di ogni percussionista che si rispetti. Indubbiamente in Purves è riflessa tutta l’attività svolta negli anni da ‘mastro’ Han Bennink, ma nel suo lavoro viene meno l’aspetto dada sostituito da una logica costruttivista. I 14 pezzi di “Hide & Squeak” hanno quindi un aspetto bizzarro, certamente, ma sorretto da una forma compositiva estremamente studiata ed elaborata. Divertente, cariglionoso, giocoso e giocattoloso, ma anche ricco di sfumature, questo è un disco che, se avete ben compreso di cosa sto parlando, dovreste acquistare all’istante e senza troppi tentennamenti.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 18/2/2018

`The Spring Of My Life´  

`Edges´  

`Una piccola tregua (Live)´  

`Settembre´  

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`Plastic Fantastic´  

`Z/Rzw-Shiiiiiii´  

`Vegir´  

`Quadrature´  

`Lo stretto necessario´  

`Food Foragers´  

`AB+´  

`Disappearing´  

`Porteremo gli stessi panni´  

`Words Delicate Flight´  

`The Irresistible New Cult Of Selenium´  

`Floatin’ Pieces´  

`Girovago´  

`Un tempo, appena´  

`Inscapes´  

`Ortiche´  

`Maledette rockstar´  

`Exuvia´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Magic Pandemonio´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´  

`Hide & Squeak´  

`Neve´  

`Kintsugi´  

`Tell No Lies´  

`Cronache carsiche´  

`Piccola Orchestra Artigianale degli Improvvisatori di Valdapozzo´  

`Cascata´ // `Plancton´  

`Lighthouse´  

`Hawkward´  

`Innlaandds´  

`Francesco Serra´  

`Homo Ebetis´  

`Fear in the corner - prova aperta´  

`Flow´  

`L’oreficeria´  

`La rete di Indra´  

`Classified´  

`Schwingende Luftsäulen´  

`Manifesto della chimica romantica´  

`AMAS´  

`武士´  

`Piramidi´  

`Wet Cats´  

`One Single Sound´ // `Open To The Sea´ // `Grandpa´  

`Peakock Eyes´