`Le nuvole si spostano comunque´

Autore disco:

Edoardo Chiesa

Etichetta:

L`alienogatto, Dreamingorilla Records, Molecole Produzioni (I)

Link:

www.edoardochiesa.net

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2018

Titoli:

1) Occhi 2) Dietro al tempo 3) Domenica 4) Le porte 5) La chiave 6) Il filo 7) Se fossi in te 8) Radici 9) Voci 10) Un`altra vita

Durata:

34:50

Con:

Edoardo Chiesa, Damiano Ferrando, Andrea Carattino

cantautorato amichevole

x mario biserni (no ©)

Innanzi tutto una voce che sembra venir fuori con difficoltà , come quando c`è un groppo alla gola, ma senza essere piagnucolosa (può ricordare vagamente quella di Fossati). In secondo luogo i testi che parlano di cose semplici all`apparenza ma complesse nella realtà (un po` l`essenza reale di tutte le cose). Risponde una musica povera e essenziale ma sorprendente e ricca di sorprese e sfumature. Sopra a tutto Un`altra vita, una delle più belle canzoni d`amore mai ascoltate. “Le nuvole si spostano comunque” è un `disco felice`, da intendere nel senso di fortunato. Un disco sulla mutevolezza delle cose e sull`estraniazione dalla realtà .
Tutto qui?
E vi sembra poco!
Assocerei l`ascolto alla visione del film “La leggenda del re pescatore” di Terry Gilliam e alla lettura del libro “Espiazione” di Ian McEwan.
La realtà può essere sempre diversa da come ti appare, tutto dipende dalla tua predisposizione e dall`ottica con cui la guardi.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 31/12/2018

`Aterraterr´  

`Katacombe Vol. 3´  

`In Vivo´  

`Eight Pieces For The Buchla 100 Series´  

`Cabrioles cérébrale et accidents psychotiques´  

`2013 – 2021 dal diario di Luigi La Rocca, Cittadino´  

`A Secret Code´ // `Echolocation´  

`Avvolgistanti´  

`Elements´  

`Blues Pour Boris´  

`The Other Lies´  

`Kora´  

`Over The Ridge´  

`Nut´  

`Medusa Dreaming´  

`Melancholia´ // `Cure And Mound´  

`Justinian Intonations´  

`Transmitter´  

`Fernweh´  

`Totale!´  

`Post Jazz Chamber Music´  

`Pulsioni Oblique Vol. 2´ // `Hardboiled´  

`Cirrus´  

`Saca Los Cuernos al Sol´  

`Approximately Grids With A Plan´  

`Eris I Dysnomia´ // Ixtlahuaca´ // ‘Box Of Black´  

`Beats The Plague´  

`Parallelism´  

`Mother Afrika´  

`Non Dweller´ // `Erosion´  

`Music For A Different Room´  

`Thrīe Thrēo Drī ´  

`Reverse Drift / Reverse Charge´  

`An Established Color And Cunning´  

`Postcard From A Trauma´  

`Notturno´  

‘Nova esperanto (l’album perduto del 2006)´  

`Duo Sutera Novali´  

`Absum´  

`Convex Mirrors´  

`Township Nocturne´  

`Let It Fall´// `Does The Moon Not Dream´  

`Special Adaptations Volume 1´  

`Kranenburg Tree´  

`Nothing´  

`Subtle Matters´  

`WE3´  

`Solos And More At Studio 304´  

`Bureau´  

`Dawn Ceremony For Dreadful Days´  

`Der Verboten´  

`Two Sing Too Swing´ // `Two Creams Too Scream´  

`Monólogos a Dois´ // `Solo Acoustic Guitar Improvisations I´  

`Jar’a´  

`Altbüron´