`Live At Kühlspot´

Autore disco:

Heisenberg Quintet

Etichetta:

Aut Records (D)

Link:

www.autrecords.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2018

Titoli:

1) Live At Kühlspot 1 2) Live At Kühlspot 2 3) Live At Kühlspot 3

Durata:

59:55

Con:

Anna Kaluza, Niko Meinhold, Hannes Buder, Stephan Bleier, Rui Faustino

berlino è sempre berlino

x mario biserni (no ©)

L’Heisenberg Quintet è un ensemble prettamente tedesco, con l’eccezione del batterista Rui Faustino che è portoghese (seppure viva a Berlino). Oltre alla batteria il quintetto comprende contrabbasso, chitarra, pianoforte e sax alto, mostrandosi all’apparenza come un ibrido fra il trio di Ornette Coleman (quello del Golden Circle) e l’AMM (quella di Prévost, Tilbury e Rowe). Forse più vicino ai secondi, nel suo brulicare di suoni, il quintetto fa pensare a una pentola di liquidi in ebollizione alla quale solo un accurato controllo delle fonti energetiche impedisce di esplodere. Una rigida direzione orchestrale, di Zorn, Morris o chiunque sia, non sarebbe riuscita ad ottenere risultati migliori di quelli ottenuti da questo splendido autocontrollo e da questo mirabile gioco d’incastri. L’aspetto che ho più apprezzato nell’ascoltare questi tre brani riguarda la liquidità, l’armonia e la scorrevolezza dell’insieme con non vengono minimamente inficiate dalle ricercche di tipo timbrico e tecnico sui singoli strumenti.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 13/2/2019

`Depth Sounding´ // `quando ero un bambino farò l’astronauta´  

`Songs from The Eternal Dump´  

`Cosa potrebbe accadere´  

`Avrei Dovuto Odiarti´  

`The Night Of The 13th’ Moon´  

`10, A Brokken Records Special Edition´  

`OAK´  

`Octo´  

`fourtyfour fiftythree´  

`Antinodal´  

`IMAfiction: Portrait # 01 - # 10´  

`Placid´  

`Music For Cat Movies´  

`Air Skin Digger´ // `Sidereal Deconposition Activity´  

`Milano´ // `Sinking Into A Miracle´  

`Light From Another Light´  

`Drift´  

`Repeat Please!´  

`Sum And Subtraction´ // `2. Akt´ // `Utopia´  

`Metaphysics Of Entropy´  

`Chambery´  

`Flares´  

`OPS…!´  

`W´  

`Live At Kühlspot´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Dance Mystique´  

`Diciotto´ // `Em Portugal!´ // `A Pearl In Dirty Hands´  

`Livebatts!´  

`Doublethink´  

`Explicit´ // `Clairvoyance´  

`Gratitude´  

`Kalvingrad´  

`Damn! Freistil-Samplerinnen 4 + 5´  

`L’inottenibile´  

`Four Waves´  

`Beats´  

`Vostra Signora Del Rumore Rosa´  

`777+2 Per Aspera Ad Astra´  

`Emblema´  

`Tajaliyat´  

`Moondrive´  

`Collected Wreckages´ // `Shallow Nothingness In Molten Skies´ // `Blind Tarots´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´