`Metaphysics Of Entropy´

Autore disco:

Lebenswelt

Etichetta:

Under My Bed Recordings (I)

Link:

www.undermybed.org/
undermybedrecordings.bandcamp.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2018

Titoli:

1) Unfinished Piece For Detuned Piano 2) Dance Dance Dance 3) Cold Swollen Hand 4) In The Morning 5) Let Down 6) Distant Colours 7) Illusions Hold (Belaqua Shua’s Version) 8) Metaphysics Of Entropy

Durata:

55:10

Con:

Giampaolo Loffredo, Pier Giorgio Storti, Stefano Stephanowic, Luca Galuppini, Mauro Costagli

dedicati a chi ha amato “The Cold Plan” di My Dear Killer

x mario biserni (no ©)

Due strumentali, in apertura e chiusura, e sei canzoni dal piglio minimale, lo-tech e novembrino, questo è “Metaphysics Of Entropy”. Consiglio di iniziare l’ascolto da Illusions Hold (Belaqua Shua’s Version), e il paragone con i Joy Division di Atmosphere verrà fuori spontaneo. Da lì, e da ciò che è venuto dopo, sembrano scaturire le paturnie di un Giampaolo Loffredo quanto mai concentrato. Molto, in questo disco, hanno da offrire gli ospiti con i loro apporti: violoncello, clarinetto, balalaika, chitarre e feedback, batteria e, soprattutto, la musical saw di Luca Galuppini che, col suo suono fra fischio eolico e lamento di anime inquiete, ben si adatta al clima brumoso di questa musica. Ebbene, tutto questo ben di dio finisce con l’essere una pura e semplice guarnizione alla torta, un arricchimento che non ne cambia minimamente né il sapore né la forma. Un altro aspetto riguarda una genuinità dell’artista, quella che Lester Bangs chiamava sincerità, che traspira da tutti i pori del disco finendo con il coinvolgerti e con il commuoverti intensamente. “Metaphysics Of Entrophy” è un piccolo essere, rannicchiato dentro a insistenti spirali di ripetitività, dal quale si dirama un forte potere magnetico. È un piccolo Davide che, non capisci come, finirà con l’abbattere un intero esercito di giganti.
Non so se tutti capteranno le mie stesse sensazioni ma una cosa è certa, se alla Under My Bed Recordings avessero deciso di fabbricare un artista tagliato a misura per la loro produzione sarebbe venuto alla luce Lebenswelt.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 19/2/2019

`Octo´  

`fourtyfour fiftythree´  

`IMAfiction: Portrait # 01 - # 10´  

`Placid´  

`Music For Cat Movies´  

`Air Skin Digger´ // `Sidereal Deconposition Activity´  

`Milano´ // `Sinking Into A Miracle´  

`Light From Another Light´  

`Drift´  

`Repeat Please!´  

`Sum And Subtraction´ // `2. Akt´ // `Utopia´  

`Metaphysics Of Entropy´  

`Chambery´  

`Flares´  

`OPS…!´  

`W´  

`Live At Kühlspot´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Dance Mystique´  

`Diciotto´ // `Em Portugal!´ // `A Pearl In Dirty Hands´  

`Livebatts!´  

`Doublethink´  

`Explicit´ // `Clairvoyance´  

`Gratitude´  

`Kalvingrad´  

`Damn! Freistil-Samplerinnen 4 + 5´  

`L’inottenibile´  

`Four Waves´  

`Beats´  

`Vostra Signora Del Rumore Rosa´  

`777+2 Per Aspera Ad Astra´  

`Emblema´  

`Tajaliyat´  

`Moondrive´  

`Collected Wreckages´ // `Shallow Nothingness In Molten Skies´ // `Blind Tarots´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Giraffe´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`Live At Konfrontationen Nickelsdorf 2012´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´