`Phase Duo´

Autore disco:

Phase Duo

Etichetta:

Aut Records (D, I)

Link:

www.autrecords.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2019

Titoli:

1) Prometheus Journey 2) Inner Cliff 3) Space Flow 4) Tangram 5) Wanderlust 6) Scarabeo 7) Hermes 8) Elo`s Arp 9) Ethereal

Durata:

36:52

Con:

Eloisa Manera, Stefano Greco

si può fare meglio

x mario biserni (no ©)

Conoscevo già la violinista Eloisa Manera sia per alcune sue presenze, ultima delle quali nel notevole “Octo” di Roger Rota, sia per l`ottimo CD a suo nome “Invisible Cities”, pubblicato proprio su Aut Records e ispirato “(al)Le città invisibili” di Italo Calvino. A motivo di questa conoscenza mi ero approssimato all`ascolto del suo duo, in collaborazione con il musicista elettronico Stefano Greco (anche al Monochord), con curiosità e tanti buoni auspici che, dispiace dirlo, sono andati parzialmente delusi. Chiarisco subito che sotto l`aspetto tecnico-esecutivo il lavoro del duo appare ineccepibile, ma tali qualità non riescono a mascherare un essenziale povertà di fondo e una relativa mancanza di idee. Phase Duo sta in bilico fra suoni spaziali da colonna sonora e spunti di romanticismo neo-classico, in una sintesi che appare un po` grossolana e adatta a quella fascia di ascoltatori, purtroppo maggioritaria, che si limita a un approccio superficiale. Pensare che quando i due escono dalla strada tracciata, come avviene in Scarabeo ed Hermes, riescono a raccogliere una bella cifra di emozioni. Da questo la convinzione che possono fare molto di più ...


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 29/9/2020

`Anna´  

`INCIDENTI – Lo schianto´ // `O´  

`In Her Words´  

`Paint Your Lips While Singing Your Favourite Pop Song´  

`Alpine Variations´ // `Watering A Paper Flower´  

`Promontory´  

`« … »´  

`Katacombe Vol. 3´  

`In Vivo´  

`Eight Pieces For The Buchla 100 Series´  

`Aterraterr´  

`Cabrioles cérébrale et accidents psychotiques´  

`2013 – 2021 dal diario di Luigi La Rocca, Cittadino´  

`A Secret Code´ // `Echolocation´  

`Avvolgistanti´  

`Elements´  

`Blues Pour Boris´  

`The Other Lies´  

`Kora´  

`Over The Ridge´  

`Nut´  

`Medusa Dreaming´  

`Melancholia´ // `Cure And Mound´  

`Justinian Intonations´  

`Transmitter´  

`Fernweh´  

`Totale!´  

`Post Jazz Chamber Music´  

`Pulsioni Oblique Vol. 2´ // `Hardboiled´  

`Cirrus´  

`Saca Los Cuernos al Sol´  

`Approximately Grids With A Plan´  

`Eris I Dysnomia´ // Ixtlahuaca´ // ‘Box Of Black´  

`Beats The Plague´  

`Parallelism´  

`Mother Afrika´  

`Non Dweller´ // `Erosion´  

`Music For A Different Room´  

`Thrīe Thrēo Drī ´  

`Reverse Drift / Reverse Charge´  

`An Established Color And Cunning´  

`Postcard From A Trauma´  

`Notturno´  

`Nova esperanto (l’album perduto del 2006)´  

`Duo Sutera Novali´  

`Absum´  

`Convex Mirrors´  

`Township Nocturne´  

`Let It Fall´// `Does The Moon Not Dream´  

`Special Adaptations Volume 1´  

`Kranenburg Tree´  

`Nothing´  

`Subtle Matters´  

`WE3´  

`Solos And More At Studio 304´