`Saillances´ // `MétamOrphée´

Autore disco:

Nicolas Souchal & Fred Marty // Nicolas Souchal, Julien Martin, Sylvain Marty & Diemo Schwarz

Etichetta:

Free Sonne (F)

Link:

www.musique-en-friche.com/

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2019

Titoli:

1) Amorce 2) Telluriques 3) Affins 4) Répercussion 5) Asinités 6) Regain 7) Sédimentation // 1) Vif-argent 2) Mi-sommeil 3) Descente 4) Eurydice 5) Orphée sans fin

Durata:

47:05 // 39:05

Con:

Nicolas Souchal, Fred Marty // Nicolas Souchal, Julien Martin, Sylvain Marty, Diemo Schwarz

una piccola A.A.C.M. dal centro della francia

x mario biserni (no ©)

È un dato di fatto che una grossa percentuale della produzione indipendente di musica sperimentale avviene su piccole etichette gestite dagli stessi musicisti (e non sto qui a menarvela se ciò sia giusto o no, sul fatto che i musicisti dovrebbero fare i musicisti e i discografici i discografici, semplicemente prendo atto di una realtà di fatto che non sono certo io, e neppure voi, in grado di cambiare o correggere). Un aspetto positivo di questa contingenza sta nell’emergere di musicisti e piccole scene musicali che un discografico, causa il loro scarso potere commerciale, non si sarebbe mai preso la briga di pubblicare. Free Sonore è un piccolo marchio legato all’eponima associazione e al collettivo Musique en Friche stanziato a Clemont-Ferrand, Francia, e animato soprattutto dal trombettista Nicolas Souchal. Dello stesso è possibile trovare traccia anche in un disco della benemerita Creative Sources nel quale si affianca a nostre vecchie conoscenze tipo Ulrich Phillipp, Elena Margarita Kakaliagou e Hannah Marshall. Souchal è un decostruttore dallo stile caldo e brioso che, pur non proponendo nulla di particolarmente originale o innovativo, non sfigura affatto se accostato a mostri sacri del genere quali Axel Dörner o Greg Kelley.
Questi due dischetti lo raffigurano a fianco del contrabbassista Fred Marty e nel contesto di un ensemble comprensivo di percussioni, voce ed elettroniche.
Chiaramente è il duo che riesce a fotografare più nitidamente lo strumentista, e un compagno d’avventura altrettanto valido, in tutte le numerose sfaccettature dei loro stili. E “Saillances” è quindi preferibile, ma di poche once, a un “MétamOrphée” dove le individualità vengono sacrificate alle esigenze dell’insieme.
Ma qui entriamo in un altro campo, che riguarda la sfera dei gusti personali, come negli anni ’70 sarebbe stato nel dare la preferenza a un disco in solo di Roscoe Mitchell piuttosto che a uno dell’Art Ensemble of Chicago, laddove il motivo principale stava invece nell'esistenza di un’associazione come l’A.A.C.M.. Così in questo frangente il motivo pregnante sembra stare nella segnalazione di una piccola associazione che, stando a questi due interessanti documenti sonori, sta lavorando piuttosto bene.
Lunga vita all’Association Free Sonne.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 22/11/2019

`Live At Torrione Jazz Club´  

`The Treasures Are´ // `Up And Out´ // `The Balderin Sali Variations´  

`Do. So´  

`Saillances´ // `MétamOrphée´  

`Rise´  

`Echoes From The Planet´  

`Live At L’Horloge´  

`O’er The Land Of The Freaks´  

`Hipparchus´  

`Autocannibalism´  

`Songs On The Line´  

`Hyperbeatz vol. 1´ // `俳句´ // `Different Constellation´  

`Daily Drone Dream´  

`Combat Joy´  

`Due´  

`The Wroclaw Sessions´  

`Phase Duo´  

`Tracing South´ // `Stereo´  

`Unknown Shores´  

`Schwingende Luftsäulen 2´  

`That Is Not So´  

`Depth Sounding´ // `quando ero un bambino farò l’astronauta´  

`Soufifex´  

`La bottega del suono (Mario Bertoncini. Maestri e allievi.)´  

`Live At Nikodemus Church´  

`Songs from The Eternal Dump´  

`Cosa potrebbe accadere´  

`Avrei Dovuto Odiarti´  

`The Night Of The 13th’ Moon´  

`10, A Brokken Records Special Edition´  

`OAK´  

`Octo´  

`fourtyfour fiftythree´  

`Antinodal´  

`IMAfiction: Portrait # 01 - # 10´  

`Placid´  

`Music For Cat Movies´  

`Air Skin Digger´ // `Sidereal Deconposition Activity´  

`Milano´ // `Sinking Into A Miracle´  

`Light From Another Light´  

`Drift´  

`Repeat Please!´  

`Sum And Subtraction´ // `2. Akt´ // `Utopia´  

`Metaphysics Of Entropy´  

`Chambery´  

`Flares´  

`OPS…!´  

`W´  

`Live At Kühlspot´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Dance Mystique´  

`Diciotto´ // `Em Portugal!´ // `A Pearl In Dirty Hands´  

`Livebatts!´  

`Doublethink´  

`Explicit´ // `Clairvoyance´