`Live At Torrione Jazz Club´

Autore disco:

Tell No Lies

Etichetta:

autoprodotto (I)

Link:

www.tellnoliesmusic.wixsite.com/tellnolies

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2019

Titoli:

1) Bemodai 2) Anamnesi 3) Zadina / Leili 4) Skulls` Dance 5) Kronstadt 6) Anteo

Durata:

56:24

Con:

Edoardo Marraffa, Filippo Orefice, Nicola Guazzaloca, Luca Bernard, Andrea Grillini, Federico Pierantoni

l`emblema della società ideale

x mario biserni (no ©)

Quello che nel disco precedente poteva apparire unicamente come titolo del lavoro era in realtà anche il nome del gruppo, un quintetto con due sax, pianoforte, contrabbasso e batteria. In questo “Live At Torrione Jazz Club” il quintetto si ripresenta tale e quale, strumentalmente parlando, seppure appaia umanamente cambiato nella figura di Filippo Orefice che rimpiazza al sax tenore Gabriele Di Giulio. Quella di Federico Pierantoni al trombone è invece una presenza limitata al brano di chiusura.
Questo secondo CD è poco più che una copia promozionale volta a pubblicizzare la distribuzione digitale su SoundCloud. Peccato, dal momento che si tratta di un`autentica bomba, con il gruppo che sembra debordare dal freddo supporto di plastica per invadere l`ambiente e all`uopo uscire fuori per invadere le strade e le piazze del circondario. La musica è una new thing compatta e trascinante, che ruota attorno al pernio rappresentato dalla tastiera di Guazzaloca, definibile autentico mattatore se non fosse che gli altri ricoprono i loro ruoli con altrettanta vivacità (se non virulenza), e riporta alla memoria le incendiarie jam alla Fondation Maeght del 1969-70.
Stupisce come il collettivo non annulli mai i bisogni espressivi dei singoli e come le velleità di questi ultimi non si manifestino mai a detrimento dell`interesse collettivo. Tell No Lies è la raffigurazione della società perfetta.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 17/12/2020

`Eight Pieces For The Buchla 100 Series´  

`Katacombe Vol. 3´  

`In Vivo´  

`2013 – 2021 dal diario di Luigi La Rocca, Cittadino´  

`A Secret Code´ // `Echolocation´  

`Avvolgistanti´  

`Elements´  

`Blues Pour Boris´  

`The Other Lies´  

`Kora´  

`Over The Ridge´  

`Nut´  

`Medusa Dreaming´  

`Melancholia´ // `Cure And Mound´  

`Justinian Intonations´  

`Transmitter´  

`Fernweh´  

`Totale!´  

`Post Jazz Chamber Music´  

`Pulsioni Oblique Vol. 2´ // `Hardboiled´  

`Cirrus´  

`Saca Los Cuernos al Sol´  

`Approximately Grids With A Plan´  

`Eris I Dysnomia´ // Ixtlahuaca´ // ‘Box Of Black´  

`Beats The Plague´  

`Parallelism´  

`Mother Afrika´  

`Non Dweller´ // `Erosion´  

`Music For A Different Room´  

`Thrīe Thrēo Drī ´  

`Reverse Drift / Reverse Charge´  

`An Established Color And Cunning´  

`Postcard From A Trauma´  

`Notturno´  

‘Nova esperanto (l’album perduto del 2006)´  

`Duo Sutera Novali´  

`Absum´  

`Convex Mirrors´  

`Township Nocturne´  

`Let It Fall´// `Does The Moon Not Dream´  

`Special Adaptations Volume 1´  

`Kranenburg Tree´  

`Nothing´  

`Subtle Matters´  

`WE3´  

`Solos And More At Studio 304´  

`Bureau´  

`Dawn Ceremony For Dreadful Days´  

`Der Verboten´  

`Two Sing Too Swing´ // `Two Creams Too Scream´  

`Monólogos a Dois´ // `Solo Acoustic Guitar Improvisations I´  

`Jar’a´  

`Altbüron´  

`Microstorie´  

`Sleeping Beauty´