`The Last Five Minute´

Autore disco:

Alberto Carozzi & Matteo Uggeri

Etichetta:

Grey Sparkle, Dethector, Stella*Nera (I)

Link:

www.greysparkle.com
dethector.wordpress.com
www.anarca-bolo.ch

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2020

Titoli:

1) The Last Five Minutes 2) The Last Four Minutes 3) The Last Three Minutes 4) The Last Two Minutes 5) This Last Minute

Durata:

41:02

Con:

Alberto Carozzi, Matteo Uggeri, Nora Uggeri, Olivia Uggeri

un disco inaspettato e, proprio per questo, ancor più prezioso

x mario biserni (no ©)

Sembrano esserci più stimoli dietro la nascita di questo disco. In primo luogo il suggerimento dato da Marco Pandin di Stella Nera che, colpito da una lunga coda di feedback chitarristici in chiusura di un concerto, ha invitato il Carozzi a lavorarci sopra. In secondo luogo l’amicizia di Albero Carozzi con Matteo Uggeri, derivante da anni di collaborazione negli Sparkle In Grey, amicizia che ha portato quest’ultimo a lavorare a distanza sulle registrazioni, aggiungendo anche del suo in termini di suoni vari. In terzo luogo l’ambiente familiare dell’Uggeri, al cui interno probabilmente non si respira ossigeno ma musica, che ha portato al progetto altra linfa nella figura delle figliolette di due e cinque anni. Prima di tutto, però, viene Alberto Carozzi, con la sua chitarra e il suo interesse nella musica improvvisata. Tant’è che mi resta difficile non attribuirgli il disco al 70-80%, anche perché è comunque sua la scintilla iniziale.
Se tali sono gli stimoli, il risultato appare tutt’altro che scontato e deciso a priori e appare come una miscela di psichedelia cosmica e paesaggismo sonoro, con sfondi ritmico-ritualistici, che sembra racchiudere in se i feedback di Gabor Sazbo, il minimalismo di LaMonte Young, le sinfonie di Glenn Branca, l’industrial tribale dei Test Dept, gli ambienti sonori quartomondisti di Jon Hassell e le family sessions dei Red Crayola. Tutto ciò, naturalmente, esclusivamente da un punto di vista teoretico, ché “The Last Five Minute” ha una vita, una storia e una personalità tutte sue. Un disco inaspettato e, proprio per questo, ancor più prezioso. Godetevelo, oh gente ignara e sfiduciata.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 4/9/2020

`Canto Fermo´  

`Colmorto´  

`Namatoulee´  

`Passato, presente, nessun futuro´  

`Liquid Identities´  

`Out For Stars´  

`Collera City´  

`Harraga´  

`Rumpus Room´  

`CEPI Meets HIC´  

`Prèludes´  

`The Last Five Minute´  

`Left Hand Theory (Live At Il Torrione)´  

`Collectable Items´  

`Duos & Trios´  

`Sleepless Nights / Lysergic Mornings´ // `Impressioni organizzate di ansie liquide´  

`L’inizio della neve´  

`Another Year Is Over, Let’s Wait For Springtime´  

`Memory Loss´  

`Other Colors´  

`Ebbs And Flow´ // `Staggered Twisted Angled´  

`Live In Pisa´  

`Fellini 100 I Compani 35´  

`The Whole Thing´  

`Composition O´  

`είμαρμένη´ // `Kaczynski Tape Sessions – The Commercial Tape´  

`Awake´ // `Timewise´  

`Wood(Winds) at Work´  

`Poem Pot Plays Pantano´  

`Celante´  

`Busy Butterflies´  

`The Next Wait´  

`Devotion´ // `Kammern I-V´ // `As If You Were Here´ // `Glassware´ // `Kimmig – Studer - Zimmerlin And George Lewis´  

`Live At B-Flat´  

`Sul Filo´  

`Colorless Green Ideas Sleep Furiously´  

`D C´  

`Kaczynski Tape Sessions – The Urban Tape´  

`Laylet el Booree´  

`La Louve´  

`Suites And Seeds´ // `Extended ● For Strings And Piano´ // `Zeit´  

`Dropping Stuff And Other Folk Songs´  

`Amore per tutti´  

`Live At Torrione Jazz Club´  

`The Treasures Are´ // `Up And Out´ // `The Balderin Sali Variations´  

`Astonishment´  

`Do. So´  

`Saillances´ // `MétamOrphée´  

`Rise´  

`Echoes From The Planet´  

`Live At L’Horloge´  

`O’er The Land Of The Freaks´  

`Hipparchus´  

`Autocannibalism´  

`Songs On The Line´  

`Hyperbeatz vol. 1´ // `俳句´ // `Different Constellation´