`Archytas Curve´

Autore disco:

Koch, Kocher & Badrutt

Etichetta:

Wide Ear Records (CH)

Link:

www.wideearrecords.ch/

Formato:

LP

Anno di Pubblicazione:

2020

Titoli:

1) Tarentum 2) Mechanica 3) The Pigeon 4) Doubling The Cube 5) The Delian Problem 6) Mattinata

Durata:

33:20

Con:

Hans Koch, Jonas Kocher, Gaudenz Badrutt

jazz-wave ben al di sopra della media

x mario biserni (no ©)

Questo ellepì, che però va fatto ruotare a quarantacinque giri, è la seconda prova per l`anomalo trio composto da clarinetto, fisarmonica e strumenti elettronici. In precedenza Koch, Kocher e Badrutt avevano prodotto solo un disco eponimo nel 2015, su marchio Bruit, ma avevano tessuto collaborazioni incrociate in situazioni e/o formazioni di vario tipo (come i Social Insects, creatura di Badrutt e Koch). Il disco è registrato in pubblico e, nonostante i sei brani provengano da date e località diverse (Novi Sad in Serbia, Bienna in Svizzera e Vienna in Austria), sono montati come se si trattasse di un unico concerto, con tanto di finale a manetta liberatoria. Il disco inizia con dialoghi scompaginati fatti di grugniti, soffi e sibili animaleschi, finchè sembra acquietarsi verso un letargo meditativo appena scosso da brevi sussulti. Così termina il primo lato, laddove nel secondo lato si odono sprazzi melodici e si intravedono architetture più stabili, pur proseguendo i richiami animaleschi (però in forma più soft e notturna). Infine, come per miracolo, il risveglio in Mattinata, con il suono che si compatta nel finale di cui s`è già detto. Alla ricerca dell`applauso finale (che non è stato registrato ma che nei concerti è sicuramente esploso caloroso).
Puntate gli occhi sulla Wide Ear Records che, passo dopo passo, si sta pmponendo come uno dei marchi guida nel settore della new wave of jazz.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 8/3/2022

`Aterraterr´  

`Katacombe Vol. 3´  

`In Vivo´  

`Eight Pieces For The Buchla 100 Series´  

`Cabrioles cérébrale et accidents psychotiques´  

`2013 – 2021 dal diario di Luigi La Rocca, Cittadino´  

`A Secret Code´ // `Echolocation´  

`Avvolgistanti´  

`Elements´  

`Blues Pour Boris´  

`The Other Lies´  

`Kora´  

`Over The Ridge´  

`Nut´  

`Medusa Dreaming´  

`Melancholia´ // `Cure And Mound´  

`Justinian Intonations´  

`Transmitter´  

`Fernweh´  

`Totale!´  

`Post Jazz Chamber Music´  

`Pulsioni Oblique Vol. 2´ // `Hardboiled´  

`Cirrus´  

`Saca Los Cuernos al Sol´  

`Approximately Grids With A Plan´  

`Eris I Dysnomia´ // Ixtlahuaca´ // ‘Box Of Black´  

`Beats The Plague´  

`Parallelism´  

`Mother Afrika´  

`Non Dweller´ // `Erosion´  

`Music For A Different Room´  

`Thrīe Thrēo Drī ´  

`Reverse Drift / Reverse Charge´  

`An Established Color And Cunning´  

`Postcard From A Trauma´  

`Notturno´  

‘Nova esperanto (l’album perduto del 2006)´  

`Duo Sutera Novali´  

`Absum´  

`Convex Mirrors´  

`Township Nocturne´  

`Let It Fall´// `Does The Moon Not Dream´  

`Special Adaptations Volume 1´  

`Kranenburg Tree´  

`Nothing´  

`Subtle Matters´  

`WE3´  

`Solos And More At Studio 304´  

`Bureau´  

`Dawn Ceremony For Dreadful Days´  

`Der Verboten´  

`Two Sing Too Swing´ // `Two Creams Too Scream´  

`Monólogos a Dois´ // `Solo Acoustic Guitar Improvisations I´  

`Jar’a´  

`Altbüron´