`Sleeping Beauty´

Autore disco:

Srdjan Ivanovic Blazin’ Quartet

Etichetta:

Moonjune Records (USA)

Link:

moonjune.com/

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2020

Titoli:

1) Intro 2) Sleeping Beauty 3) The Man With The Harmonica 4) Guchi 5) Andreas 6) Rue Des Balkans 7) Sleeping Beauty 8) A L’Aube Du Cinquième Jour (Gott Mit Uns) 9) Outro

Durata:

37:43

Con:

Srdjan Ivanovic, Andreas Polyzogopoulos, Federico Casagrande, Mihail Ivanov, Magic Malik

morbidezze hasselliane: quando una copertina parla da sola

x mario biserni (no ©)

Srdjan Ivanovic, che nella costola del CD un refuso ribattezza in Inavovic, è un batterista serbo residente in Francia. È un dato di fatto, quello di un ensemble guidato da un batterista, che mi stimola alla recensione, dacché quadra con quanto scrivo nell’articolo sulla New Wave Of Jazz, anche se poi “Sleeping Beauty” non ha niente a che fare con tale nuova onda. Siamo in presenza di una musica che ha più a che fare con la tradizione del jazz rock e del progressive, o almeno di quello comunemente inteso come tale, con pulsioni vagamente terzomondiste tipiche di certi notturni hasselliani. La ricerca di fondo è diretta verso una bellezza fortemente estetizzante e verso una rilassatezza atta a intorpidire i sensi. Con hasselliani ho detto tutto, ed in effetti il risultato è riconducibile a quanto potrebbe suonare un ensemble guidato da Jon Hassell, con lo stesso alla tromba più batteria, chitarra, contrabbasso e flauto. Da segnalare la presenza di due cover firmate Morricone: The Man With The Harmonica e A L’Aube Du Cinquième Jour (Gott Mit Uns) (rispettivamente dalle colonne sonore di “C’era una volta il West” e “Dio è con noi”). Il brano che da il titolo al disco è suonato solo sulla chitarra da Federico Casagrande, mentre nelle brevi “Intro” e “Outro” (circa un minuto e mezzo entrambe) le musiche fanno da sfondo a un garrulo cinguettare d’uccellini.
Personalmente non comprerei mai un disco simile, ma se avete afferrato il genere servitevi pure: si tratta di un lavoro ben suonato, ben curato e sicuramente suggestivo.

Prossimamente: “Dawn Ceremony For Dreadful Days” dei Tikkun; “Two Sing Too Swing” degli Sparkle In Grey; “WE3” dei WE3; “Solos And More At Studio 304” di Alex Riva; “Bureau” di Giulio Aldinucci & Matteo Uggeri; “Special Adaptations Volume 1” di Alex Levine: Special Adaptations; “Absum” di Osvaldo Coluccino; “Nothing” di Gianni Lenoci & Franco Degrassi …


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 22/8/2021

`Eight Pieces For The Buchla 100 Series´  

`Katacombe Vol. 3´  

`In Vivo´  

`2013 – 2021 dal diario di Luigi La Rocca, Cittadino´  

`A Secret Code´ // `Echolocation´  

`Avvolgistanti´  

`Elements´  

`Blues Pour Boris´  

`The Other Lies´  

`Kora´  

`Over The Ridge´  

`Nut´  

`Medusa Dreaming´  

`Melancholia´ // `Cure And Mound´  

`Justinian Intonations´  

`Transmitter´  

`Fernweh´  

`Totale!´  

`Post Jazz Chamber Music´  

`Pulsioni Oblique Vol. 2´ // `Hardboiled´  

`Cirrus´  

`Saca Los Cuernos al Sol´  

`Approximately Grids With A Plan´  

`Eris I Dysnomia´ // Ixtlahuaca´ // ‘Box Of Black´  

`Beats The Plague´  

`Parallelism´  

`Mother Afrika´  

`Non Dweller´ // `Erosion´  

`Music For A Different Room´  

`Thrīe Thrēo Drī ´  

`Reverse Drift / Reverse Charge´  

`An Established Color And Cunning´  

`Postcard From A Trauma´  

`Notturno´  

‘Nova esperanto (l’album perduto del 2006)´  

`Duo Sutera Novali´  

`Absum´  

`Convex Mirrors´  

`Township Nocturne´  

`Let It Fall´// `Does The Moon Not Dream´  

`Special Adaptations Volume 1´  

`Kranenburg Tree´  

`Nothing´  

`Subtle Matters´  

`WE3´  

`Solos And More At Studio 304´  

`Bureau´  

`Dawn Ceremony For Dreadful Days´  

`Der Verboten´  

`Two Sing Too Swing´ // `Two Creams Too Scream´  

`Monólogos a Dois´ // `Solo Acoustic Guitar Improvisations I´  

`Jar’a´  

`Altbüron´  

`Microstorie´  

`Sleeping Beauty´