`Eight Pieces For The Buchla 100 Series´

Autore disco:

Mario Verandi

Etichetta:

Play Loud! Productions (D)

Link:

www.playloud.org
www.marioverandi.de

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2022

Titoli:

1) Modul I 2) Modul II 3) Modul III 4) Modul IV 5) Modul V 6) Modul VI 7) Modul VII 8) Modul VIII

Durata:

36:05

Con:

Mario Verandi

poco fumo e tanto arrosto

x mario biserni (no ©)

«Basta la parola», così specificava Tino Scotti in una vecchia pubblicità. In questo caso le parole sono più d’una e dovrebbero quindi essere più che sufficienti a chiarire sin dal titolo che si tratta di un disco contenente otto brani suonati sul sintetizzatore modulare analogico Buchla 100 Series.
Va invece specificato che l’autore di siffatta impresa è un argentino residente a Berlino.
Gli otto moduli utilizzati implicano altrettante soluzioni sia di tipo più elementare sia di tipo più complesso ed elaborato. Naturalmente l’ambito è quello dei beep, ma le ambientazioni variano dal bucolico al tecnologico, passando dal cyberspazio allo spazio stellare, ripensando realtà che negli anni si sono contraddistinte come psichedelia, musica spaziale, musica cosmica, musica elettronica, techno, cyberpunk e industrial.
“Eight Pieces For The Buchla 100 Series”, registrato all’Ernst Krenek Forum di Krems, è un viaggio in quella che, nonostante il breve lasso di tempo trascorso, è ormai la preistoria della musica elettronica. Particolarmente consigliato a coloro che hanno amato Silver Apples, Suicide e Pan Sonic.
Per concludere vi invito a visitare lo scarno ma interessante sito web della Play Loud! Productions.

Prossimi top: “Aterraterr” di Giuseppe Doronzo & Pino Basile; “INCIDENTI – Lo schianto” di NichelOdeon / InSonar & Relatives; “Anna” di Angelo Bignamini; “Gro Mig En Blomst” // “Skærsgårdslyd” di Astrid Øster Mortensen; “Historic Music Past Tense Future” di Brötzmann, Graves & Parker; “PAN Project” del PAN Project Ensemble; “O” di Enomisossab; “In Otherness Oneself” // “Soothe My Soul, Feed My Thought” di Kaja Draksler; “Run, The Darkness Will Come!” dei Day & Taxi; “You’re Either Standing Facing Me Or Next To Me” // “Concert 2009” // “My Lord Music, I Most Humbly Beg Your Indulgence In The Hope That You Will Do Me The Honour Of Permitting This Seed Called Keiji Haino To Be Planted Within You” di Keiji Haino & The Hardy Rocks // Marteau Rouge & Haino Keiji // Keiji Haino; “Le Jardin Sonore” dei Sonoria // “Tuscany Music Revolution” dei TMR ...


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 10/8/2022

`Aterraterr´  

`Katacombe Vol. 3´  

`In Vivo´  

`Eight Pieces For The Buchla 100 Series´  

`Cabrioles cérébrale et accidents psychotiques´  

`2013 – 2021 dal diario di Luigi La Rocca, Cittadino´  

`A Secret Code´ // `Echolocation´  

`Avvolgistanti´  

`Elements´  

`Blues Pour Boris´  

`The Other Lies´  

`Kora´  

`Over The Ridge´  

`Nut´  

`Medusa Dreaming´  

`Melancholia´ // `Cure And Mound´  

`Justinian Intonations´  

`Transmitter´  

`Fernweh´  

`Totale!´  

`Post Jazz Chamber Music´  

`Pulsioni Oblique Vol. 2´ // `Hardboiled´  

`Cirrus´  

`Saca Los Cuernos al Sol´  

`Approximately Grids With A Plan´  

`Eris I Dysnomia´ // Ixtlahuaca´ // ‘Box Of Black´  

`Beats The Plague´  

`Parallelism´  

`Mother Afrika´  

`Non Dweller´ // `Erosion´  

`Music For A Different Room´  

`Thrīe Thrēo Drī ´  

`Reverse Drift / Reverse Charge´  

`An Established Color And Cunning´  

`Postcard From A Trauma´  

`Notturno´  

‘Nova esperanto (l’album perduto del 2006)´  

`Duo Sutera Novali´  

`Absum´  

`Convex Mirrors´  

`Township Nocturne´  

`Let It Fall´// `Does The Moon Not Dream´  

`Special Adaptations Volume 1´  

`Kranenburg Tree´  

`Nothing´  

`Subtle Matters´  

`WE3´  

`Solos And More At Studio 304´  

`Bureau´  

`Dawn Ceremony For Dreadful Days´  

`Der Verboten´  

`Two Sing Too Swing´ // `Two Creams Too Scream´  

`Monólogos a Dois´ // `Solo Acoustic Guitar Improvisations I´  

`Jar’a´  

`Altbüron´