`Shimmer´ // `A Rose Is A Rose´

Autore disco:

Jasch // Victor Joaquim

Etichetta:

dOc recordings (A)

Link:

www.jasch.ch/sounds.html
joaquim.emf.org
doc.test.at

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2004

Titoli:

1) morphogenesis 2) shimmer 3) archipetalia auriculata 4) java housepm 5) illieit ripple 6) nonosphere nenuphar 7) levity`s rainbow 8) phenotype // 1) - 8) senza titolo

Durata:

67:56 // 56:52

Con:

Jan Schacher // Victor Joaquim

derive elettroniche

x Alfredo Rastelli

“Shimmer” e “A rose is a rose” sono le due recenti uscite dell`etichetta austriaca dOc recordings, giovane label dedita alla sperimentazione elettroacustica, con in catalogo una serie di interessanti uscite. Gli autori dei dischi in questione sono lo svizzero Jasch e il portoghese Victor Joaquim che ci presentano due lavori che hanno creato e prodotto in completa solitudine: non sono però i classici album `solo` sebbene da Jasch, essendo un contrabbassista, non era difficile aspettarselo. Invece l`artista svizzero realizza un disco che pur basatosi per la maggior parte su suoni ricavati dal suo strumento principale esula da quello che è il comune contesto. L`opera di Jan Schacher (questo il vero nome, di cui `Jasch` è la contrazione) stupisce e cattura per la quantità , nonchè la qualità , dei suoni prodotti, distanti dal minimalismo di una, ad esempio, Pauline Oliveiros che peraltro ricorda, sullo sfondo, in certe sospensioni e crescendi sonori, soprattutto nella prima parte del disco. Sebbene gli strumenti utilizzati siano molto ridotti (un contrabbasso processato e un computer) è la ricchezza di suoni ciò che risalta da subito; una musica che avanza per sovrapposizioni creando l`effetto di onde sonore (shimmer ), seguita da movimenti sinfonici e battute percussive, nonchè soundscapes che richiamano field recordings e suoni concreti.
Un lavoro notevole tutto da gustare, che trova terreno fertile nell`improvvisazione (phenotype), residuo probabilmente dai trascorsi dell`artista svizzero in ambito di avanguardia jazz (java housepm; illieit ripple), così come nelle migliori sperimentazioni avanguardistiche elettroniche tra cui quelle di Philip Jeck e Christian Marclay, per l`abilità con cui vengono trattati i campionamenti (levity`s rainbow).
Per quanto riguarda Victor Joachim, chiunque abbia familiarità col giro della Crónica lo conoscerà sicuramente. Il portoghese è dedito a una ricerca elettronica che in questo “A rose is a rose” sconfina con l`industrial. Il disco è molto bello ed è lavorato con cura certosina; Victor Joachim sembra un pittore che con la sua tavolozza crea soundscapes ambientali dai vari toni e accenti. Bip elettronici creano rumori d`ambiente e più corposi beat incalzanti vengono fuori dal nulla. Il portoghese riesce benissimo a produrre e rendere in musica, come un alchimista, gli elementi, dell`acqua, del vento e della natura in generale. Nella parte finale del disco emergono anche indovinati riferimenti all`industrial cupo e inquietante di Throbbing Gristle e Coil (approposito: John Balance r.i.p.). Una musica che al di là dei vari riferimenti più o meno identificabili, della sua ripetitività e circolarità , risulta alla fine essere uguale a se stessa al pari della rosa della Stein a cui il titolo sembrerebbe far riferimento.
Due dischi ottimi, con uno, quello di Jash, davvero straordinario e un`etichetta da cui è certo ne sentiremo ancora delle belle.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 14/2/2005

`Ornettiana´ // `Monk On Viola´  

`Ochotona Calls´  

`Zanshou Glance At The Tide´  

`OSSI – Album Su LP´  

`Quadrivium´  

`An Artist’s Life Manifesto´  

`Terrestrial Journeys´  

`Uragano´  

`Live at De Roze Tanker´ // `Left Side Right´  

`Tetrapylon´  

`Orchid Music´ // `Green Album´  

`333´  

`From Solstice To Equinox´ // `Starlight And Still Air Reworked´ // `Out Of Standard!! – Italia 11´  

`All The Way Down´  

`Twofold´ // `Made Out Of Sound´ // `Decameron´  

`Conjugate Regions´  

`Wells´  

`Spiralis Aurea´  

`Black Holes Are Hard To Find´  

`Níjar´  

`Songs in Time of Plague´  

`Austin Meeting´  

`Arkinetics´  

`Shirwku´  

`Le Jardin Sonore´ // `TMR´  

`Folk! Volume 1´ // `Folk! Volume 2´  

`Ilta´  

`Sings´  

`Tempoo´  

`After The Storm (complete recordings)´  

`Virus´  

`Blue Horizon´  

`Hide Nothing´ // `BeforeThen´  

`Signals´  

`You’re Either Standing Facing Me Or Next To Me´ // `Yurako´ // `My Lord Music, I Most Humbly Beg Your Indulgence In The Hope That You Will Do Me The Honour Of Permitting This Seed Called Keiji Haino To Be Planted Within You´  

`The Soundtrack Of Your Secrets´  

`Transmutation Of Things´  

`Run, The Darkness Will Come!´ // `Fetzen Fliegen´ // `Two Sides Of The Moon´  

`Double Exposure´  

`People And Places´  

`Landscapes And Lamentations´  

`The Living, The Dead, The Sleepers And The Insomniacs´  

`White Eyes´  

`Rainforest IV´  

`In Otherness Oneself´ // `Soothe My Soul, Feed My Thought´  

`Pan Project´