`The Unsaid Words´

Autore disco:

Canaan

Etichetta:

Eibon (I)

Link:

www.eibonrecords.com
www.canaan.it

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2006

Titoli:

1) The wrong side of things 2) This world of mine 3) Sterile 4) The possible nowheres 5) Fragment # 1 6) Senza una risposta 7) Fragment # 2 8) Fragile 9) Fragment # 3 10) In a never fading illusion 11) Just another noise 12) Il rimpianto 13) The unsaid words 14) Fragment # 4 15) Never again 16) Nothing left (to share)

Durata:

71:17

Con:

Mauro, NIco, Luca, Andrea, Matteo, Gianni

Uno straordinario ritorno

x Giuseppe Verticchio

Straordinario ritorno dei Canaan, che a distanza di quattro anni dalla pubblicazione dell'acclamato "A Calling to Weakness", prodotto sempre da Eibon, tornano con un nuovo fantastico album destinato sicuramente a replicarne il successo.
Un lungo periodo di 'gestazione', e un inconsueto processo di registrazione, elaborazione, e finale messa a punto definitiva dei brani, ha caratterizzato le fasi di realizzazione di questo nuovo CD, e l'estrema cura e impegno con cui la formazione guidata da Mauro Berchi ha lavorato in questo ampio arco di tempo, nonchè la ricchezza delle idee e delle soluzioni riversate nel meticoloso lavoro di composizione e registrazione dei brani, emergono in modo estremamente chiaro dall'ascolto delle sedici tracce che compongono questo CD.
Sostanzialmente 'fedele' ad un'impronta dark-wave di base, intelligentemente 'contaminata' da influenze prossime al genere dark-ambient e da moderati elementi sperimentali, la nuova proposta dei Canaan sorprende positivamente fin dai primi minuti di ascolto (The wrong side of things), caratterizzati da atmosfere di tipo oscuro-ambientale drone-based cui si vanno ad aggiungere brevi e suggestivi inserti corali.
Il successivo brano This world of mine, assolutamente straordinario e sicuramente uno dei migliori dell'intero CD, punta direttamente ad atmosfere tipicamente dark-gothic, efficacemente valorizzate da parti cantate letteralmente 'da brivido' e dal forte impatto emotivo...
Quindi di nuovo situazioni atmosferiche para-ambientali, arricchite da desueti inserti di sequenze melodiche di uno strumento ad arco, nel brano Sterile, mentre il seguente The possible nowheres, riporta a situazioni tipicamente dark-wave analoghe, per stile e sonorità , al già citato This world of mine.
Fragment # 1 sembra riprendere le atmosfere dark-ambientali-corali del brano introduttivo del CD, mentre in Senza una risposta è un cantato in italiano a fare da linea guida per un brano che nuovamente, in questa sorta di 'schema alternato', torna a proporre sonorità in stile dark-wave.
Fugaci visioni d' Oriente in Fragment # 2, breve e pregevole interludio in cui tornano gli archi, stavolta abbinati ad uno strumento a corde pizzicate origine quasi certamente asiatica, cui seguono le straordinarie sonorità gotiche e decadenti di Fragile.
Quindi tre minuti e mezzo circa di oscure atmosfere ambientali in Fragment # 3, il fantastico e quasi 'struggente' In a never fading illusion, l'elettronico, sperimentale e moderatamente 'rumoroso' Just another noise, il melodico brano cantato in italiano Il rimpianto, la raffinatissima ed elegante title-track The unsaid words, l'originale inserto oscuro-ambientale arricchito da una suggestivo canto etnico di Fragment # 4, l' emozionante e sempre molto raffinato Never Again, l'altrettanto emozionante ed efficace Nothing left (to share), che chiude, sicuramente 'in bellezza', questo nuovo, splendido lavoro dei Canaan.
Un atteso e sicuramente apprezzatissimo ritorno, che restituisce ai numerosi sostenitori dei Canaan il piacere di 70 minuti abbondanti di ascolto di ottime, nuove e oscure vibrazioni musicali...


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 14/2/2006

`Anna´  

`INCIDENTI – Lo schianto´ // `O´  

`In Her Words´  

`Paint Your Lips While Singing Your Favourite Pop Song´  

`Alpine Variations´ // `Watering A Paper Flower´  

`Promontory´  

`« … »´  

`Katacombe Vol. 3´  

`In Vivo´  

`Eight Pieces For The Buchla 100 Series´  

`Aterraterr´  

`Cabrioles cérébrale et accidents psychotiques´  

`2013 – 2021 dal diario di Luigi La Rocca, Cittadino´  

`A Secret Code´ // `Echolocation´  

`Avvolgistanti´  

`Elements´  

`Blues Pour Boris´  

`The Other Lies´  

`Kora´  

`Over The Ridge´  

`Nut´  

`Medusa Dreaming´  

`Melancholia´ // `Cure And Mound´  

`Justinian Intonations´  

`Transmitter´  

`Fernweh´  

`Totale!´  

`Post Jazz Chamber Music´  

`Pulsioni Oblique Vol. 2´ // `Hardboiled´  

`Cirrus´  

`Saca Los Cuernos al Sol´  

`Approximately Grids With A Plan´  

`Eris I Dysnomia´ // Ixtlahuaca´ // ‘Box Of Black´  

`Beats The Plague´  

`Parallelism´  

`Mother Afrika´  

`Non Dweller´ // `Erosion´  

`Music For A Different Room´  

`Thrīe Thrēo Drī ´  

`Reverse Drift / Reverse Charge´  

`An Established Color And Cunning´  

`Postcard From A Trauma´  

`Notturno´  

`Nova esperanto (l’album perduto del 2006)´  

`Duo Sutera Novali´  

`Absum´  

`Convex Mirrors´  

`Township Nocturne´  

`Let It Fall´// `Does The Moon Not Dream´  

`Special Adaptations Volume 1´  

`Kranenburg Tree´  

`Nothing´  

`Subtle Matters´  

`WE3´  

`Solos And More At Studio 304´