`Somelove´

Autore disco:

Foodsoon

Etichetta:

&records (CAN)

Link:

www.etrecords.net

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2005

Titoli:

1) givre 2) small town 3) do fall 4) n° trois 5) sam 6) strike four 7) nu 8) x-ray owls 9) tanks, a lot 10) 10 x mary 11) shoot me 12) n° six 13) east, further east than a walking distance 14) porcospino 15) or bite 16) non suitable 17) blank ulrich 18) it never happened

Durata:

40:54

Con:

Bernard Falaise, Alexander MacSween, Fabrizio Gilardino

ottimo

x Alfredo Rastelli

Per la quinta uscita della canadese &records, scende in campo il boss dell’etichetta, Fabrizio Gilardino (il quale, ricordiamo, gestisce la label insieme a Michel F. Coté), coadiuvato da Bernard Falaise (Klaxon Gueule e quant’altro) e Alexander MacSween (batterista con già varie collaborazioni importanti alle spalle). I Foodsoon esordiscono con sonorità di marca elettro-elettronica che ci riportano direttamente alle atmosfere malsane del disco dei Bob, band che due anni fa inaugurava il catalogo dell’etichetta. A differenza di quel disco però, in “Somelove” lo spirito cantautorale è deficitario a vantaggio di una più ampia libertà di schemi. Le prime due tracce di apertura givre e small town, sono solidissime marce robotiche tra l’industrial e il funk, con un richiamo alle produzioni più d’assalto dei Maffia, non dissimile dalla proposta del trio francese dei [1] Kilo Of Black Bondage che abbiamo recentemente ammirato e con cui i Foodsoon hanno più di un punto in comune. Gli innesti di elettronics, tastiere e nastri, accanto alla triade chitarra-basso-batteria, permette una ricchezza di soluzioni che rendono tracce come do fall, porcospino e it never happened una continua sorpresa. Non mancano slanci punk (strike four) e rock (10 x mary), così come momenti di sperimentazione avanguardista. I Foodsoon sono un trio fortemente creativo che lega abilmente la solidità del rock con trovate elettroniche spesso esaltanti, alternando impatto sonoro a momenti più cerebrali. Veramente un ottimo disco.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 28/2/2006

`Songs from The Eternal Dump´  

`Cosa potrebbe accadere´  

`Avrei Dovuto Odiarti´  

`The Night Of The 13th’ Moon´  

`10, A Brokken Records Special Edition´  

`OAK´  

`Octo´  

`fourtyfour fiftythree´  

`Antinodal´  

`IMAfiction: Portrait # 01 - # 10´  

`Placid´  

`Music For Cat Movies´  

`Air Skin Digger´ // `Sidereal Deconposition Activity´  

`Milano´ // `Sinking Into A Miracle´  

`Light From Another Light´  

`Drift´  

`Repeat Please!´  

`Sum And Subtraction´ // `2. Akt´ // `Utopia´  

`Metaphysics Of Entropy´  

`Chambery´  

`Flares´  

`OPS…!´  

`W´  

`Live At Kühlspot´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Dance Mystique´  

`Diciotto´ // `Em Portugal!´ // `A Pearl In Dirty Hands´  

`Livebatts!´  

`Doublethink´  

`Explicit´ // `Clairvoyance´  

`Gratitude´  

`Kalvingrad´  

`Damn! Freistil-Samplerinnen 4 + 5´  

`L’inottenibile´  

`Four Waves´  

`Beats´  

`Vostra Signora Del Rumore Rosa´  

`777+2 Per Aspera Ad Astra´  

`Emblema´  

`Tajaliyat´  

`Moondrive´  

`Collected Wreckages´ // `Shallow Nothingness In Molten Skies´ // `Blind Tarots´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´