`Idyll EP´

Autore disco:

My Fun

Etichetta:

Test Tube (P)

Link:

www.monocromatica.com/netlabel
thelandof.org

Formato:

mp3

Anno di Pubblicazione:

2006

Titoli:

1) The Pursuit Of Old Pleasures 2) Home Tape 3) Black Sky 4) Slowness

Durata:

24:05

Con:

Justin Hardison

Delicati fiocchi di neve sonori

x Matteo Uggeri

Non è un mistero, soprattutto per chi segue queste pagine, che spesse volte le così dette net labels (vd. anche gli articoli su ctrl+alt+canc et similia) propongono materiali di qualità eccezionale al pari o quasi di uscite discografiche su supporti materiali.
Così, anche questi portoghesi di Tube Test possono deliziarci con opere validissime quali questo EP di Justin Hardison, in arte My Fun, ispirato ai temi della nostalgia e di un calviniano elogio della lentezza.
Nulla di nuovo nè nei temi nè nei suoni, che propongono una delicatissima musica tra l`ambient, il glitch e la ricerca sonora dalle parti dello Stefan Mathieu di “Sad Mac”. Forse non altrettanto sublimi come quelli di quest`ultimo, ma certamente molto ben fatti sono i quattro brani che si dipanano nei 24 minuti del disco tra uccellini che cantano, campanelle, field recordings vari e ronzii, il tutto sempre di una delicatezza rara e dolce, forse vicina alle ultime fatiche del nostrano Fhievel, con il quale My Fun condivide anche la tendenza a volte a virare leggermente verso atmosfere più tese e meno soft. Ne è un esempio il finale della conclusiva Slowness, che con i suoi otto minuti rappresenta il momento più aspro e - a mio avviso - forse meno riuscito momento dell`album.
Le prime tre tracce, invece, sono capolavori di morbida naivité, dei quali consiglierei senza dubbio l`acquisto... invece basta scaricarli dalla rete.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 5/2/2007

`Eight Pieces For The Buchla 100 Series´  

`Katacombe Vol. 3´  

`In Vivo´  

`2013 – 2021 dal diario di Luigi La Rocca, Cittadino´  

`A Secret Code´ // `Echolocation´  

`Avvolgistanti´  

`Elements´  

`Blues Pour Boris´  

`The Other Lies´  

`Kora´  

`Over The Ridge´  

`Nut´  

`Medusa Dreaming´  

`Melancholia´ // `Cure And Mound´  

`Justinian Intonations´  

`Transmitter´  

`Fernweh´  

`Totale!´  

`Post Jazz Chamber Music´  

`Pulsioni Oblique Vol. 2´ // `Hardboiled´  

`Cirrus´  

`Saca Los Cuernos al Sol´  

`Approximately Grids With A Plan´  

`Eris I Dysnomia´ // Ixtlahuaca´ // ‘Box Of Black´  

`Beats The Plague´  

`Parallelism´  

`Mother Afrika´  

`Non Dweller´ // `Erosion´  

`Music For A Different Room´  

`Thrīe Thrēo Drī ´  

`Reverse Drift / Reverse Charge´  

`An Established Color And Cunning´  

`Postcard From A Trauma´  

`Notturno´  

‘Nova esperanto (l’album perduto del 2006)´  

`Duo Sutera Novali´  

`Absum´  

`Convex Mirrors´  

`Township Nocturne´  

`Let It Fall´// `Does The Moon Not Dream´  

`Special Adaptations Volume 1´  

`Kranenburg Tree´  

`Nothing´  

`Subtle Matters´  

`WE3´  

`Solos And More At Studio 304´  

`Bureau´  

`Dawn Ceremony For Dreadful Days´  

`Der Verboten´  

`Two Sing Too Swing´ // `Two Creams Too Scream´  

`Monólogos a Dois´ // `Solo Acoustic Guitar Improvisations I´  

`Jar’a´  

`Altbüron´  

`Microstorie´  

`Sleeping Beauty´