`Universal Prostitution´

Autore disco:

NMM

Etichetta:

Abusurd (GR) / Ideal (S) / 8mm (I)

Link:

www.idealrecordings.com
www.8mmrecs.com
www.mattin.org

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2006

Titoli:

1) Universal Prostitution 2) Consumed 3) Work=Decapitated Life 4) Blow

Durata:

36:59

Con:

Mattin, Lucio Capece

al limite dell’udibile

x Alfredo Rastelli

Mattin, dopo una gavetta fatta di infinite autoproduzioni e successivi lavori più o meno ufficiali, si è attirato un seguito di appassionati non indifferente e soprattutto la stima di gran parte degli addetti ai lavori (mi riferisco soprattutto ai musicisti) tanto da essere tirato dentro ogni qual volta si parla di avanguardia europea (e a ciò ha contribuito anche il suo cambio di residenza da Bilbao a Berlino). Tali eventi hanno permesso così al suo palmares di allargarsi a collaborazioni molto importanti, su tutti, il più riuscito, il progetto Sakada. Di Lucio Capece, invece, argentino di nascita, residente attualmente anche lui a Berlino, risalta una discografia più contenuta ma anche accuratamente ‘mirata’, vedi il disco per la Creative Sources insieme a Robin Hayward, Rhodri Davies e Julia Eckhardt. “Universal Prostitution” segue di un anno “No More Music”, disco d’esordio dei due con la sigla omonima, e come il predecessore si estrinseca in una mostra di digital noise prodotto dai computer dei due (Capece utilizza anche il sassofono, ovviamente processato al pc).
Questo in oggetto è un lavoro al limite dell’udibile, basti considerare che, posizionato al volume minimo, il suono fa ancora la sua porca figura. È vero che dischi noise come questi se ne sentono e se sono sentiti tanti, in una gara suicida tendente al suono più omicida in circolazione; tuttavia la sensazione in questo caso è che venga meno la gratuità, in termini di rumore, di certe produzioni del genere ed emerga, dall’ascolto (sofferto) del disco, una volontà di apertura tendente allo scardinamento di un (consueto) suono monolitico: in questo, gioca un ruolo decisivo sia l’utilizzo della voce al cui servizio si mette il tessuto strumentale (Universal Prostitution), sia le studiate pause dal rumore incompromissiorio (la parte centrale di Consumed), sia alcuni riusciti giochi ritmici (Work=Decapitated Life).
Con tanta buona pace dell’ascoltare, questo disco può diffondersi anche oltre l’ortodossa cerchia dei fan.

p.s. non adatto ai bambini, può causare effetti indesiderati, consultare il medico prima dell’uso, leggere accuratamente le avvertenze.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 4/5/2007

`Tajaliyat´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Giraffe´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`Live At Konfrontationen Nickelsdorf 2012´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´  

`Edges´  

`Una piccola tregua (Live)´  

`Settembre´  

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`Plastic Fantastic´  

`Z/Rzw-Shiiiiiii´  

`Vegir´  

`Quadrature´  

`Lo stretto necessario´  

`Food Foragers´  

`AB+´  

`Disappearing´  

`Porteremo gli stessi panni´  

`Words Delicate Flight´  

`The Irresistible New Cult Of Selenium´  

`Floatin’ Pieces´  

`Girovago´  

`Un tempo, appena´  

`Inscapes´  

`Ortiche´  

`Maledette rockstar´  

`Exuvia´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Magic Pandemonio´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´  

`Hide & Squeak´  

`Neve´  

`Kintsugi´  

`Tell No Lies´  

`Cronache carsiche´  

`Piccola Orchestra Artigianale degli Improvvisatori di Valdapozzo´