`Three Rooms´

Autore disco:

Steve Peters

Etichetta:

SIRR.ecords (P)

Link:

www.sirr-ecords.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2007

Titoli:

1) Delicate Abrasions 2) Center Of Gravity 3) Mountains Hidden In Mountains

Durata:

68:15

Con:

Steve Peters

eleganza e moderazione

x e. g. (no ©)

Steve Peters è un musicista schivo che rilascia dischi con una certa parsimonia, "Three Rooms" è il quinto CD pubblicato a suo nome in nove anni, e questo è un motivo sufficiente a caldeggiare un approccio all'ascolto brioso e pervaso da pensieri positivi. Il primo brano, dedicato a Steve Roden, è una di quelle cose che lasciano il segno: è un ciclo, un ambiente sonoro astratto che si risveglia a partire da piccole gocce fonetiche sospese nel silenzio alle quali si aggiungono sospiri, sorseggi, gemiti, ronzii, lievi battiti e modulazioni notturne, per terminare infine in quello che è definibile come un’eco sentita da lontano (a onor del vero Delicate Abrasions era già stato pubblicato nel 2003 in un 3” CD-R stampato in sole 100 copie). Di fronte a questa meraviglia gli altri due brani fanno la figura degli accompagnatori minori, seppure siano comunque al di sopra di quella soglia che delimita la buona qualità. Center Of Gravity è basato su un’unica fonte sonora, il respiro dell’autore, ed è strutturato nello scorrere di brevi cicli sonori per un effetto, tanto per intendersi, simile a quello ottenibile stando in vicinanza ad una pista di decollo/atterraggio, di una ferrovia o di una strada. Mountains Hidden In Mountains si consuma invece in un unico lungo ciclo continuo, dilatazione nel tempo/spazio di un rintocco di ‘campana densho’ nel tempio Buddista Zen di Albuquerque.
Tre composizioni elettroacustiche diverse per struttura – continuum, brevi cicli e sinfonia puntillistica – che indagano il suono nella sua essenzialità più pura ed un autore che merita tutta la vostra attenzione, credo che siano premesse più che sufficienti a rendere questo “Three Rooms” quasi imperdibile. Adesso tocca a voi.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 24/10/2007

`Gratitude´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Vostra Signora Del Rumore Rosa´  

`777+2 Per Aspera Ad Astra´  

`Emblema´  

`Tajaliyat´  

`Moondrive´  

`Collected Wreckages´ // `Shallow Nothingness In Molten Skies´ // `Blind Tarots´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Giraffe´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`Live At Konfrontationen Nickelsdorf 2012´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´  

`Edges´  

`Una piccola tregua (Live)´  

`Settembre´  

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`Plastic Fantastic´  

`Z/Rzw-Shiiiiiii´  

`Vegir´  

`Quadrature´  

`Lo stretto necessario´  

`Food Foragers´  

`AB+´  

`Disappearing´  

`Porteremo gli stessi panni´  

`Words Delicate Flight´  

`The Irresistible New Cult Of Selenium´  

`Floatin’ Pieces´  

`Girovago´  

`Un tempo, appena´  

`Inscapes´  

`Ortiche´  

`Maledette rockstar´  

`Exuvia´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´