`Autotrophy´

Autore disco:

12+

Etichetta:

Aut (D)

Link:

www.autrecords.com

Formato:

CD-R

Anno di Pubblicazione:

2016

Titoli:

1) Soul Eater 2) Programmed Cell Death 3) Structural Stability And Morphogenesis 4) Dreaming Jewels 5) Three Millimeters Per Day 6) Phase Transition 7) Bigger Than The Sun 8) Mismade Girl 9) Moulting Cicada 10) Uneasy Dreams 11) Ready To Hatch 12) Holometaboly 13) Innova Corpora

Durata:

47:48

Con:

Giacomo Cioni

recycled music della miglior specie

x mario biserni (no ©)

Lo scrivere di musica è come un verme che ti guasta il cervello. Ti toglie il gusto di ascoltarla. Prima o poi dovrò trovare la forza di smettere per tornare a vivere quella che per me è un`autentica passione.
Prendete questo bel CD. Avrei potuto gustarmelo in tranquillità . Oltretutto il nonno dell`autore è stato il mio maestro alle scuole elementari. Un motivo in più per fare black-out di tutte le seghe mentali e lasciarmi andare alla goduria più pura.
Invece zac! Ecco il tarlo del recensore che comincia a rodere e porta a fare paragoni e a cercare riferimenti.
Vado quindi a spulciare e vedo che il Cioni (nessun collegamento con il personaggio cantato dal primo Benigni) ha disegnato la copertina allo splendido CD eponimo dei Silent People, pubblicato anch`esso su Aut. Tutto questo mi fa pensare a Chantal Passamonte, entrata a lavorare alla Warp come grafica e poi musicista presso la stessa etichetta con lo pseudonimo Mira Calix. Poi, dal momento che una Warp tira l`altra, viene logico passare al nome di Aphex Twin, quello più spigliato di “...I Care Because You Do”, alla cui fantasia ritmica questo “Autotrophy” fa pensare in più d`un frangente.
Giacomo Cioni campiona e ricompone frammenti dalla prima tranche di pubblicazioni della Aut Records, muovendosi nel filo del rasoio fra jazz, musica informatica e pop estemporaneo.
Tutto ciò lo fa con estrema autorevolezza, e così “Autotrophy” s'impone come uno dei più bei dischi di musica riciclata ascoltati negli ultimi anni.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 14/7/2017

`Ornettiana´ // `Monk On Viola´  

`Zanshou Glance At The Tide´  

`OSSI – Album Su LP´  

`Quadrivium´  

`An Artist’s Life Manifesto´  

`Terrestrial Journeys´  

`Uragano´  

`Live at De Roze Tanker´ // `Left Side Right´  

`Tetrapylon´  

`Orchid Music´ // `Green Album´  

`333´  

`From Solstice To Equinox´ // `Starlight And Still Air Reworked´ // `Out Of Standard!! – Italia 11´  

`All The Way Down´  

`Twofold´ // `Made Out Of Sound´ // `Decameron´  

`Conjugate Regions´  

`Wells´  

`Spiralis Aurea´  

`Black Holes Are Hard To Find´  

`Níjar´  

`Songs in Time of Plague´  

`Austin Meeting´  

`Arkinetics´  

`Shirwku´  

`Le Jardin Sonore´ // `TMR´  

`Folk! Volume 1´ // `Folk! Volume 2´  

`Ilta´  

`Sings´  

`Tempoo´  

`After The Storm (complete recordings)´  

`Virus´  

`Blue Horizon´  

`Hide Nothing´ // `BeforeThen´  

`Signals´  

`You’re Either Standing Facing Me Or Next To Me´ // `Yurako´ // `My Lord Music, I Most Humbly Beg Your Indulgence In The Hope That You Will Do Me The Honour Of Permitting This Seed Called Keiji Haino To Be Planted Within You´  

`The Soundtrack Of Your Secrets´  

`Transmutation Of Things´  

`Run, The Darkness Will Come!´ // `Fetzen Fliegen´ // `Two Sides Of The Moon´  

`Double Exposure´  

`People And Places´  

`Landscapes And Lamentations´  

`The Living, The Dead, The Sleepers And The Insomniacs´  

`White Eyes´  

`Rainforest IV´  

`In Otherness Oneself´ // `Soothe My Soul, Feed My Thought´  

`Pan Project´  

`Territory´ // `l’A Neuve´ // `Zeitweise Leichter Schneefall´  

`Hotel Colon´