`La rete di Indra´

Autore disco:

Luca Segala Libertrio

Etichetta:

Amirani Records (I)

Link:

www.amiranirecords.com
www.sands-zine.com/archiviorec.php?IDrec=1944

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2017

Titoli:

1) Tony’s Hungry 2) My Sweet Home 3) Little Suite 4) The Charm Of The Dance 5) Acqua 6) L’occhio di Nina 7) A Prayer 8) Prendi i soldi e scappa

Durata:

49:05

Con:

Luca Segala, Gianluca Alberti, Tony Boselli

un viaggio attraverso gli elementi più limpidi e mal databili del jazz

x riccardo scarafone (no ©)

In un precedente disco pubblicato per Amirani – la recensione al link riportato sopra – Luca Segala era a capo di un quintetto piuttosto particolare e suonava una buona gamma di sassofoni. In “La rete di Indra” è invece a capo di un trio estremamente succinto – sax più sezione ritmica, a misura di quelli che andavano per la maggiore a cavallo fra gli anni ’50 e gli anni ’60, e limita la sua azione al sax tenore. Il risultato sta in un jazz schietto e privo di fronzoli. Prendete un sassofonista energico, ma al contempo limpido e melodico, come Sonny Rollins e un batterista afro, e altrettanto melodico, come Ed Blackwell, aggiungeteci un contrabbassista ricucitore tipo Henry Grimes o Richard Davis e otterrete una formazione non molto dissimile da questo Libertrio seppure, messa così, la cosa possa essere ingannevole, e possa esserlo per ben due motivi. Innanzi tutto è bene chiarire che Segala e compagni plasmano il tutto con una personalità propria e ben definita, seppure non ben definibile. In secondo luogo quanto scritto potrebbe far pensare a un jazz stantio e datato. Niente di tutto ciò, ché “La rete di Indra” suona fresco e presente, molto più di tante opere che si presentano con la presunzione di essere innovative. Segala, pur non avanzando pretese in tal senso, riesce a produrre una musica veramente mal databile. La citazione da Daisaku Ikeda, posta nell’interno di copertina, dispone poi la mente dell’ascoltatore a librarsi in innumerevoli viaggi, trasformandolo in un Pessoa seduto davanti alla finestra.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 28/7/2018

`La Chiamata´  

`Alimurgia´  

`Sketches For Violin And Vinyl´  

`Isopleths´  

`Take The Long Way Home´  

`Strell´  

`Music For Organ´  

`Brittle Feebling´  

`Materia´ // `Triptych (Tautological)´  

`Uncle Faust´  

`Frankenstein´  

`Beyond The Tranceries´  

`Don’t Worry Be Happy´  

`Infected Burst´  

`Tracce XX´  

`Spime 2019´  

`The Hovering´  

`Canto Fermo´  

`Anasyrma´  

`Live´  

`Colmorto´  

`Vocabularies´  

`Blue Horizon´  

`Namatoulee´  

`Passato, presente, nessun futuro´  

`Liquid Identities´  

`Out For Stars´  

`Collera City´  

`Harraga´  

`Rumpus Room´  

`CEPI Meets HIC´  

`Prèludes´  

`The Last Five Minute´  

`Left Hand Theory (Live At Il Torrione)´  

`Collectable Items´  

`Duos & Trios´  

`Sleepless Nights / Lysergic Mornings´ // `Impressioni organizzate di ansie liquide´  

`L’inizio della neve´  

`Another Year Is Over, Let’s Wait For Springtime´  

`Memory Loss´  

`Other Colors´  

`Ebbs And Flow´ // `Staggered Twisted Angled´  

`Live In Pisa´  

`Fellini 100 I Compani 35´  

`The Whole Thing´  

`Composition O´  

`είμαρμένη´ // `Kaczynski Tape Sessions – The Commercial Tape´  

`Awake´ // `Timewise´  

`Wood(Winds) at Work´  

`Poem Pot Plays Pantano´  

`Celante´  

`Busy Butterflies´  

`The Next Wait´  

`Devotion´ // `Kammern I-V´ // `As If You Were Here´ // `Glassware´ // `Kimmig – Studer - Zimmerlin And George Lewis´  

`Live At B-Flat´