`Aforismen Aforisme Aforismes´

Autore disco:

Baars, Dumitriu, Henneman & Sola

Etichetta:

Evil Rabbit Records (NL)

Link:

www.evilrabbitrecords.eu

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2020

Titoli:

1) Rendzine 2) Paarse Hei 3) Pizarra 4) Estepa 5) Arena 6) Laagveen 7) Dune 8) Aiguamoll 9) Brun Roşcate 10) Zeeklei 11) Cernoziom

Durata:

51:14

Con:

Ab Baars, George Dumitriu, Ig Henneman, Pau Sola Masafrets

la danza del giovane sigaro non capitola, in barba a tutte le norme anti-fumo

x mario biserni (no ©)

Quello fra Ab Baars e Ig Henneman è un sodalizio che viene da lontano ed è bello trovarselo ora rimpolpato da due fra i più brillanti improvvisatori della nuova generazione, il romeno George Dumitriu e il catalano Pau Sola. Improvvisazione da camera, o composizione istantanea come da qualche tempo viene più appropriatamente definita, questo è quanto per un simil quartetto d’archi, con i fiati di Baars in vece del secondo violino, che perpetua e rinnova le immortali ragioni del Maarten Altena Quartet (“Op Stap” rimane, a tutt’oggi, uno dei più bei dischi del genere). Le registrazioni risalgono al giugno del 2009 e sono state effettuate in presa diretta dallo stesso George Dumitriu in una sala del conservatorio di Amsterdam. La musica riflette lo stato della formazione, miscelando vecchio e nuovo, tecniche tradizionali e tecniche estese, passione e ingegno, libertà e disciplina. I brani sono rigorosamente firmati da tutti e quattro i musicisti, possiamo così definire “Aforismen Aforisme Aforismes” come una forma di comunismo non deviato e allo stato puro.

Prossimi top: “I.” // “Lonely Hymns And Pillars Of Emptibess” dei/di Širom // Iztok Koren; “Monólogo a Dois” // “Solo Acoustic Guitar Improvisations I” di Gonçalo Almeida // Dirk Serries; “Der Verboten” dei Der Verboten; “Subtle Matters” di Agnese Toniutti; “Let It Fall” di My Home, Sinking ...


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 14/6/2021

`Notturno´  

xxx  

`Absum´  

`Convex Mirrors´  

`Township Nocturne´  

`Let It Fall´// `Does The Moon Not Dream´  

`Special Adaptations Volume 1´  

`Kranenburg Tree´  

`Nothing´  

`Subtle Matters´  

`WE3´  

`Solos And More At Studio 304´  

`Bureau´  

`Dawn Ceremony For Dreadful Days´  

`Der Verboten´  

`Two Sing Too Swing´ // `Two Creams Too Scream´  

`Monólogos a Dois´ // `Solo Acoustic Guitar Improvisations I´  

`Jar’a´  

`Altbüron´  

`Microstorie´  

`Sleeping Beauty´  

`A Few Steps Beyond´  

`Thing Music´  

`Zacharya´  

`I.´ // `Lonely Hymns And Pillars Of Emptibess´  

`Spoken´  

`The Complete Yale Concert, 1966´  

`Aforismen Aforisme Aforismes´  

`Blonk, Mallozzi & Vandermark´  

`Different Roots´  

`Schwingende Luftsäulen 3´  

`Beats´ // `Phylum´  

`Derivatives’ // `Haerae´  

`Room For The Moon´ // `Гибкий график´  

`Electric Music´  

`Jin-Brebl-Concert´  

`Kavel´  

`Libertè Égalitè Fraternité´  

`La signora Marron´  

`Live´ // `An Evening In Houston´  

`Archytas Curve´  

`Oltre il cielo alberato´  

`Alimurgia´  

`La Chiamata´  

`Ritual For Expansion´  

`Sketches For Violin And Vinyl´  

`Isopleths´  

`Take The Long Way Home´  

`Strell´  

`Music For Organ´  

`Brittle Feebling´  

`Materia´ // `Triptych (Tautological)´  

`Uncle Faust´  

`Frankenstein´  

`Beyond The Traceries´  

`Don`t Worry Be Happy´