`Reverse Camouflage´

Autore disco:

Oğuz Büyükberber & Tobias Klein

Etichetta:

TryTone (NL)

Link:

www.trytone.org
oguzbuyukberber.net/
www.tobiasklein.nl/

Email:

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2015

Titoli:

1) Eptaenneadeka 2) Pallidus 3) Nox 4) Superciliosus 5) Diminutus 6) Arborescens 7) Selene 8) Bimaculatus 9) Veligero 10) Niveus 11) Argus 12) Tenebricus 13) Tung Sten

Durata:

55:42

Con:

Oğuz Büyükberber, Tobias Klein

feest van de klarinet, met muziek van de vele tentakels

x Rinus de Wit (no ©)

Protagonisti di quest’insolita avventura sono il turco Oğuz Büyükberber e l’olandese Tobias Klein, che abbiamo già incontrato nel corpo degli Spinifex, entrambi specialisti in quella grande famiglia di strumenti ad ancia con il corpo in legno cosiddetta dei clarinietti.
Il suono morbido, caldo e pastoso di questi strumenti è chiaramente esaltato dalla loro centralità (che nel nostro caso è anche rafforzata dalla loro unica presenza). Va detto che entrambi gli strumentisti suonano clarinetto, clarinetto basso e clarinetto contrabbasso e, quindi, è garantita anche una variopinta quantità di timbriche e di intrecci.
La varietà di tecniche e di approcci fa il resto e la somma di questi elementi, uniti alla fantasia e al differente retroterra dei due, rende “Reverse Camouflage” un disco singolare e esemplare allo stesso tempo.
Singolare per le sue caratteristiche (non credo esistano molti dischi realizzati da un duo di clarinettisti).
Esemplare perché contiene tutti quegli elementi che l’ascoltatore pretende da un buon disco di musica improvvisata (mi riferisco a quella derivante dalla tradizione jazz).
Quella che vi è contenuta è una musica coinvolgente e dai numerosi tentacoli, simili a quelli del polpo raffigurato in copertina, pronti ad afferrarti e trascinarti con se.
Credo che il lettore di sands-zine sia abbastanza scafato, avventuroso e curioso da interessarsi a un disco come questo, per cui mi azzardo a consigliarne l’acquisto non solo agli appassionati del clarinetto, bensì a tutti coloro che leggeranno questa recensione.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 14/2/2017
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2017 ...

`Cartridge Music (musica per testina)´ // `Nassau 1713´  

`Sensorium´  

`Drowning In Wood´  

`Malo´ // `Sacrée Obsession´  

`Veiled´  

`Dimensioni´ // `Parallelo´  

`Live At La Resistenza´  

`Spannung´  

`Flawless Dust´ // `Scenes From A Trialogue´  

`Črne Vode / Black Waters / Schwarze Wasser´ // `Let Them Grow´  

`ﺭﺍﺩﻳﻮ ﺇﺯﺩﺍﻍ´ // `Es Prohibido Cantar´  

`Pow´  

`Place´  

`Carrion, My Wayward Son …´  

`Maledetta Dopamina´  

`Uno Todo Tres´  

`The Galilean Moons´  

`Dancing Trees´  

`Il Ballo dell’Orso´  

`Reverse Camouflage´  

`For Arthur Doyle´ // `Osing Trance – Musik Patrol´  

`Tape Crash #12´  

`Offshore Zone´  

`Andante Plumbeo´  

`Volume 3´  

`Kali Yuga´ // `Le filtre à sons – Vol. 1´  

`Reliquies´  

`Unbehagen´  

`D’ora stella´  

`Zero Brane´  

`Witch´ // `The Golden Calf´ // `Il vespaio´  

`New York City´ // `Gaycre (2)´ // `Demain, c’est Paris-Roubaix´  

`Alegrìas y duelos de mi alma´  

`Silent People´  

`Circles Of Upper And Lower Hell´  

`A Tree, At Night´ // `Prima del terzo´ // `Heavy Nichel´ // `Taken From A True Story´  

`Honey Ant Dreaming´ // `Reverie´ // `Warm Glow´ // `Bliss´  

`Calce´ // `5 Haiku´  

`The Exodus Suite´  

`A Beat Of A Sad Heart´  

`Chamber Rites´  

`Numen – Life Of Elitra Lipozi´  

`Memoria Istruttiva´ // `Funeral Parties´  

`Zurich Concerts (15 Years Of Kontrabassduo Studer-Frey)´  

`Tape Crash 14´ // `Tape Crash 15´  

`Âncora´  

`Tectonic Shifts´ // `Modus Of Raw´  

`Chi va piano va già troppo veoce (Sulla lentezza del bradipo)´  

`Hoverload´ // `{}´  

`Arpe Eolie´ // `Ragionamenti musicali in forma di dialogo: X e XII´  

`Ho perso la testa´ // `Musica per autoambulanze´  

`The Stabbing´ // `Acephale´ // `in Fin dei Corpi´  

`Autotrophy´  

`Farfalle e Falene´  

`Eagle Prayer´  

`Méthodologie Contextuelle´ // `Sequenze per raffigurazioni mentali #1´  

`Creatura´  

`City Of Vorticity´  

`Vostok´  

`Appartamento in centro´  

`KIKEΩN´  

`Primio´  

`Examination Of The Eye Of A Horse´  

`Bad Habits´  

`Hypno-pop´  

`Dieci´ // `La porta stretta´  

`Fabuloseries´  

`Awake´  

`Way´  

`Apnea´  

`Rumore austero´ // `Sitcom Koan´ // `Maps And Mazes´  

`Beyond Time´  

`Zentuary´ // `Pasar Klewer´  

`Silentium´  

`Prossime trascendenze´  

`Live Spomen Dom´  

`The White Side, The Black Side´  

`Variazioni Gracchus´  

`The Miracles Of Only One Thing´  

`Become Zero´  

`Right Error´  

`Traum´  

`Re-Birth´  

`Le nove ombre del caos´  

`Les Ravageurs´  

`Falling Apart´  

`Coriandoli´  

`Divus´  

`Learn To Live´  

`Il De’ Blues´ // `Sì´  

`Menhir´  

`Un incubo stupendo´