`Estrapade´

Autore disco:

Morceaux_De_Machines

Etichetta:

No-Type (CAN)

Link:

www.no-type.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2005

Titoli:

1) Foncage de pieux 2) onanisme 3) placenta compressa 4) triple fermentation 5) trepanation 6) omlegging 7) tromocrates 8) estrapade 9) selavy

Durata:

75:32

Con:

Aimè Dontigny, Erick D`Orion, Diane Labrosse, Otomo Yoshihide, Martin Tetreault

una bestia di disco

x Alfredo Rastelli

I Morceaux_De_Machines del duo canadese composto da A. Dontigny e Erick D`Orion non vogliono sentire ragioni. Danno bando alle ciance e cacciano dalle loro mani una bestia di disco, efferato e distruttivo. Erano tempi che non sentivo un disco di free elettronica così compatto, incompromissorio e creativo. Il cd è composto da tre registrazioni diverse, di cui due catturate dal vivo, smontate e poi rimontate in un diverso ordine, e in cui si avvalgono della collaborazione di tre grandi personaggi, molto presenti nella scena canadese: sono infatti della partita nientedimeno che Diane Labrosse, Martin Tetreault e Otomo Yoshihide. Un collettivo di turntablists a cui si deve aggiungere l`uso sfrenato di effetti, oggetti e percussioni elettroniche. A.Dontigny ed Eric D`Orion superano in ferocia la loro creatura Napalm Jazz, di cui i Morceaux_De_Machines rappresentano la naturale evoluzione; i punti in comune ci sono ma in questo caso i musicisti azzerano le pause, stratificando la musica fino a trasformarla in puro catrame. “Estrapade” è fatto di una materia impenetrabile costruita con elementi di musica concreta, elettronica e industrial e cementata con collage sonori, in un pieno approccio avanguardista e dada. Dentro ci trovate tanto noise ed elettronica, flagellamenti industriali (estrapade ) e assurde drum machine alle prese con ritmi di dance sfrenata (onanisme; triple fermentation); come se non bastasse, i riferimenti al jazz (il finale di tromocrates) o alle parti strettamente free, non sono casuali: rimanendo in tema infatti, in trepanation la massa elettronica affoga in un delirio di fiati stridenti e cieche scariche elettriche.
I Morceaux_De_Machines riempiono il cd fino all`orlo e credo che, se avessero voluto, avrebbero potuto continuare all`infinito, avendo l`impressione che la loro musica sia formata da una massa capace di auto-rigenerarsi e svilupparsi in piena autonoma. “Estrapade” è un frullatore globale che vuole sradicare dal loro contesto alcune delle musiche di riferimento del 900 (musica concreta, free jazz, rap, speed metal e techno) al fine di creare però un suono in opposizione alla cultura globale e al politically correct; spacca le orecchie ma sa regalare anche delle gran belle soddisfazioni.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 2/9/2005

`Eight Pieces For The Buchla 100 Series´  

`Katacombe Vol. 3´  

`In Vivo´  

`2013 – 2021 dal diario di Luigi La Rocca, Cittadino´  

`A Secret Code´ // `Echolocation´  

`Avvolgistanti´  

`Elements´  

`Blues Pour Boris´  

`The Other Lies´  

`Kora´  

`Over The Ridge´  

`Nut´  

`Medusa Dreaming´  

`Melancholia´ // `Cure And Mound´  

`Justinian Intonations´  

`Transmitter´  

`Fernweh´  

`Totale!´  

`Post Jazz Chamber Music´  

`Pulsioni Oblique Vol. 2´ // `Hardboiled´  

`Cirrus´  

`Saca Los Cuernos al Sol´  

`Approximately Grids With A Plan´  

`Eris I Dysnomia´ // Ixtlahuaca´ // ‘Box Of Black´  

`Beats The Plague´  

`Parallelism´  

`Mother Afrika´  

`Non Dweller´ // `Erosion´  

`Music For A Different Room´  

`Thrīe Thrēo Drī ´  

`Reverse Drift / Reverse Charge´  

`An Established Color And Cunning´  

`Postcard From A Trauma´  

`Notturno´  

‘Nova esperanto (l’album perduto del 2006)´  

`Duo Sutera Novali´  

`Absum´  

`Convex Mirrors´  

`Township Nocturne´  

`Let It Fall´// `Does The Moon Not Dream´  

`Special Adaptations Volume 1´  

`Kranenburg Tree´  

`Nothing´  

`Subtle Matters´  

`WE3´  

`Solos And More At Studio 304´  

`Bureau´  

`Dawn Ceremony For Dreadful Days´  

`Der Verboten´  

`Two Sing Too Swing´ // `Two Creams Too Scream´  

`Monólogos a Dois´ // `Solo Acoustic Guitar Improvisations I´  

`Jar’a´  

`Altbüron´  

`Microstorie´  

`Sleeping Beauty´