`Food Foragers´

Autore disco:

Mark Lotz & Alan Purves

Etichetta:

Unit Records (CH)

Link:

unitrecords.com/de
www.sands-zine.com/recensioni.php?IDrec=2152
www.sands-zine.com/archiviorec.php?IDrec=1881

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2018

Titoli:

1) Abu In The Sky 2) Hog Time 3) Echoes Of A Life Hereafter 4) Piepkuiken (For Hermeto) 5) Petal Of A Rose 6) Endurance 7) Ice Breath 8) Kingfisher 9) Back Scratcher 10) River 11) Belly Buttons 12) Food Foragers 13) Hanging Out 14) Lullaby For Time 15) I`m So Sorry Blues

Durata:

55:30

Con:

Mark Lotz, Alan Purves

terzomondiismi flautati, giocosi, giocattolosi ... e divertenti

x mario biserni (no ©)

Da una parte un giocoliere con i flauti, dall`altra un giocoliere con le percussioni (e con altri toys), e nel mezzo un disco particolarmente divertente. Mark Lotz e Alan Purves sono musicisti seri che riescono anche a non prendersi troppo sul serio, ovvero con estrema ironia. Giocolieri dei suoni, per l`appunto, adattabili a una sala da concerto come a una fiera. Quello che più stupisce è una sobrietà che parrebbe contrastare con il numero di aggeggi utilizzati e, di conseguenza, con una ricchezza complessiva in suoni che trova pochi eguali. In secondo luogo a stupire è il fatto che due musicisti di estrazione colta, molto colta, in definitiva suonino stradaioli quanto una Backstreet Girl degli Stones. Nei momenti più afro i due finiscono per ricordare anche i “Mu” di Don Cherry ed Ed Blackwell o i duetti fra Joseph Jarman e Don Moye. I brani in buona parte sono firmati da entrambi i musicisti, ad esclusione di Piepkuiken, Back Scratcher e Endurance attribuiti al solo Lotz (l`ultimo titolo è ispirato dalle Children`s Songs di Chick Corea). Ci sono anche due melodie tradizionali del Mali, Abu In The Sky e Belly Buttons, oltre a una ripresa della ellingtoniana The Single Petal Of A Rose. Molto accurata la confezione con riportati, brano per brano, tutti gli strumenti utilizzati. Comincio a credere che i nomi di Lotz e Purves rappresentano una garanzia.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 8/3/2019

`Aterraterr´  

`Katacombe Vol. 3´  

`In Vivo´  

`Eight Pieces For The Buchla 100 Series´  

`Cabrioles cérébrale et accidents psychotiques´  

`2013 – 2021 dal diario di Luigi La Rocca, Cittadino´  

`A Secret Code´ // `Echolocation´  

`Avvolgistanti´  

`Elements´  

`Blues Pour Boris´  

`The Other Lies´  

`Kora´  

`Over The Ridge´  

`Nut´  

`Medusa Dreaming´  

`Melancholia´ // `Cure And Mound´  

`Justinian Intonations´  

`Transmitter´  

`Fernweh´  

`Totale!´  

`Post Jazz Chamber Music´  

`Pulsioni Oblique Vol. 2´ // `Hardboiled´  

`Cirrus´  

`Saca Los Cuernos al Sol´  

`Approximately Grids With A Plan´  

`Eris I Dysnomia´ // Ixtlahuaca´ // ‘Box Of Black´  

`Beats The Plague´  

`Parallelism´  

`Mother Afrika´  

`Non Dweller´ // `Erosion´  

`Music For A Different Room´  

`Thrīe Thrēo Drī ´  

`Reverse Drift / Reverse Charge´  

`An Established Color And Cunning´  

`Postcard From A Trauma´  

`Notturno´  

‘Nova esperanto (l’album perduto del 2006)´  

`Duo Sutera Novali´  

`Absum´  

`Convex Mirrors´  

`Township Nocturne´  

`Let It Fall´// `Does The Moon Not Dream´  

`Special Adaptations Volume 1´  

`Kranenburg Tree´  

`Nothing´  

`Subtle Matters´  

`WE3´  

`Solos And More At Studio 304´  

`Bureau´  

`Dawn Ceremony For Dreadful Days´  

`Der Verboten´  

`Two Sing Too Swing´ // `Two Creams Too Scream´  

`Monólogos a Dois´ // `Solo Acoustic Guitar Improvisations I´  

`Jar’a´  

`Altbüron´