`Aigéan´

Autore disco:

Lemur

Etichetta:

+3DB Records (N)

Link:

www.lemur.fm
www.plus3db.net

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2010

Titoli:

1) Dasht E Lut 2) Panthalassa 3) Betpak Dala 4) Imbrium 5) Dzibilchaltun 6) Saragasso 7) Kriznajama

Durata:

39:15

Con:

Lene Grenager, Michael Francis Duch, Bjørnar Habbestad, Hild Sofie Tafjord

di corde e di fiati

x e. g. (no ©)

Il prestigioso festival bolognese Angelica ha quest'anno una sezione dedicata agli improvvisatori norvegesi, e questo mi fa credere di essere nel giusto quando, già da qualche anno, vado additando quella scena come una fra le più interessanti dell'intero pianeta.
Lemur è un quartetto classico, o meglio pre-classico, e il nome preso dai simpatici primati semi-primitivi ben si adatta ad una strumentazione fatta di flauti, corno, violoncello e contrabbasso. E anche le sinfonie dei quattro suonano spesso primitive, animalesche, e paiono più vicine alla musica concreta francese e alle partiture meccaniche di Ligeti che a qualsiasi forma di jazz, compresi il free d’assalto e il free da camera. Sono i suoni della strada, della terra, del bosco, del mare e i suoni del mondo in generale a fare da guida ai quattro. Non so quanto l'ambiente in cui uno vive può plasmarne la creatività, ma pensate ai fiordi norvegesi - frastagliati e scoscesi - e ne ritroverete le geometrie selvatiche nella musica sghemba di questi figli poco ortodossi di Edvar Grieg.
Non date ascolto al racconto rancoroso degli impiccati, corde e fiati viaggiano in perfetta sintonia.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 21/1/2012
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2012 ...

`Addosso! L’Italia non si taglia´  

`Solar Ipse #4´  

`Aigéan´  

`Unknown Distances´ // `Blind Jesus´  

`Neverwhere´  

`Aurona Arona´ // `Plays Sinebag´  

`Sufjan Stevens presenta The Age of Adz a Ferrara Sotto Le Stelle 2011´  

`How it feels to find there’s more´  

`Circles And Elephants´ // `Courant.air´  

`Itsunomanika (いつのまにか)´ // `Platos Combinados´  

`220 Tones´  

`Nino e l’inferno´  

`Transparent Skin´  

`The Magazines You Read´  

`Wilderness´  

`Cane di schiena´  

`My Favorite Tics´  

`CuTe HoRSe CuT´  

`Minimal Damage´ // `Time To Do My Lions´ // `Windfall´  

`The Muesli Man´  

`Background Music For Bank Robberies´  

`Weapon Of Choioce´  

`Babylon´  

`Semmai semiplay´  

`The Blue Mountain’s Sun Drummer´  

`Black Falcon´  

`Walkabout´  

`Peruvian Electroacoustic And Experimental Music (1964-1970)´  

`Squarcicatrici´  

`Dying Sun´ // `Slugabeld´  

`Città Utopica – eine Konzert-Installation´  

`Eau De Punk´  

`PopeWaffen´ // `Come ho imparato a volare´  

`Flatime´  

`Onionoise´  

`Fortune Is Always Hiding´  

`Mombu´  

`Chapter #01 Amphetamine´  

`Le goût de néant´  

`The Sails Of Self´ // `Evolutions In Sound : Live´  

`The Great Northern X´  

`Smoking In Heaven´  

`Io?´  

`Days Before The Rubbery´ // `Blind Alley´ // `Analogic Signals From The Sun´  

`Reciprocal Uncles´  

`Sandro Codazzi´  

`Rocambolesca´  

`Shot´  

`La pursuite de l'excellence´  

`Dark Leaves´  

`Stunden´  

`We Know Exactly Where Are Going´  

`New Great Lakes´  

`Royals´ // `Become Objects of Daily Use´  

`Fantasia for 4 Hands and 1 Mouse´  

`The Cclose Calll´  

`The Film Music Of Nino Rota (1911-1979)´  

`Every Live Is Problem Solving´  

`Gazpacho´  

`I know when it’s time to get the fuck away´ // `The golden undertow´