`Dark Leaves´

Autore disco:

Siddhi

Etichetta:

Sweat Lodge Guru (USA)

Link:

sweatlodgeguru.com

Formato:

Cassetta

Anno di Pubblicazione:

2011

Titoli:

1) Moonlight 2) Pale flowers 3) Strings

Durata:

21:10

Con:

Siddhi

una passeggiata esoterica

x Mr Bedroom

Dark Leaves è una passeggiata autunnale su un tappeto di foglie che trasporta dentro una foresta incantata.
I primi passi sono introdotti da un lungo drone acustico che ci accompagna fino all’esplodere di una percussione che apre le porte di una magica radura piena di campane e corde arpeggiate.
Le esplosioni percussive a dare fiato nel percorso. Prima che l’incenso sia troppo forte siamo di nuovo avvolti dai drones che ci conducono nel nuovo antro dove le corde sono distorte e le percussioni dettano un ritmo psichedelico. Gli arpeggi insistono nella ripetitività ritualistica lasciando dei brevi scorci di respiro, un po’ di luce entra tra i suoni scuri, le percussioni diventano più regolari. Proseguendo le note di chitarra si diradano verso gli ultimi colpi metallici e il primo lato finisce.
Il secondo lato si apre con arpeggi di chitarra e xilofono, ma sotto la superficie acustica e folk si trovano un mare di field recordings e noise, lentamente emergono e prendono pieno possesso della scena restando da soli in primo piano. Ecco un po’ alla volta ritornare la chitarra che cresce fino a dominare la scena mentre percussioni e xilofono riempiono i vuoti tra le note dilatate, malinconicamente ci si avvicina alla fine con le lunghe note di una chitarra filtrata da effetti.
Un disco dalla struttura folk con suoni acustici e ripetitività delle melodie dove sono stati introdotti elementi ambient come field recordings e rumori, questa forma aumenta lo spessore della composizione senza appesantirlo mantenendo l’intensità ad un livello sotto al limite della saturazione per cui l’attenzione rimane sempre alta.
Dark Leaves è una cassetta molto densa nella sua brevità, l’andamento ritualistico dei suoni porta ad immergersi in una atmosfera esoterica specialmente dopo l’ascolto reiterato del nastro.
Una piccola gemma oscura da cercare e scoprire.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 26/9/2012
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2012 ...

`Addosso! L’Italia non si taglia´  

`Solar Ipse #4´  

`Aigéan´  

`Unknown Distances´ // `Blind Jesus´  

`Neverwhere´  

`Aurona Arona´ // `Plays Sinebag´  

`Sufjan Stevens presenta The Age of Adz a Ferrara Sotto Le Stelle 2011´  

`How it feels to find there’s more´  

`Circles And Elephants´ // `Courant.air´  

`Itsunomanika (いつのまにか)´ // `Platos Combinados´  

`220 Tones´  

`Nino e l’inferno´  

`Transparent Skin´  

`The Magazines You Read´  

`Wilderness´  

`Cane di schiena´  

`My Favorite Tics´  

`CuTe HoRSe CuT´  

`Minimal Damage´ // `Time To Do My Lions´ // `Windfall´  

`The Muesli Man´  

`Background Music For Bank Robberies´  

`Weapon Of Choioce´  

`Babylon´  

`Semmai semiplay´  

`The Blue Mountain’s Sun Drummer´  

`Black Falcon´  

`Walkabout´  

`Peruvian Electroacoustic And Experimental Music (1964-1970)´  

`Squarcicatrici´  

`Dying Sun´ // `Slugabeld´  

`Città Utopica – eine Konzert-Installation´  

`Eau De Punk´  

`PopeWaffen´ // `Come ho imparato a volare´  

`Flatime´  

`Onionoise´  

`Fortune Is Always Hiding´  

`Mombu´  

`Chapter #01 Amphetamine´  

`Le goût de néant´  

`The Sails Of Self´ // `Evolutions In Sound : Live´  

`The Great Northern X´  

`Smoking In Heaven´  

`Io?´  

`Days Before The Rubbery´ // `Blind Alley´ // `Analogic Signals From The Sun´  

`Reciprocal Uncles´  

`Sandro Codazzi´  

`Rocambolesca´  

`Shot´  

`La pursuite de l'excellence´  

`Dark Leaves´  

`Stunden´  

`We Know Exactly Where Are Going´  

`New Great Lakes´  

`Royals´ // `Become Objects of Daily Use´  

`Fantasia for 4 Hands and 1 Mouse´  

`The Cclose Calll´  

`The Film Music Of Nino Rota (1911-1979)´  

`Every Live Is Problem Solving´  

`Gazpacho´  

`I know when it’s time to get the fuck away´ // `The golden undertow´