`How it feels to find there’s more´

Autore disco:

Uphill Racer

Etichetta:

Normoton (D)

Link:

www.uphillracer.de

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2011

Titoli:

1) Naissance 2) From miles 3) The automatic function 4) Bright curious endless 5) Lightspeed 6) Overfrail 7) Haven knows i did my best 8) Bones 9) Your new brother 10) Wave & sea 11) Haunonei 12) Applause 13) Gone with eastern winds 14) Kite 15) Requiem for my friend 16) Renaissance

Durata:

66:33

Con:

Oliver Lichtl

Canzoni da domenica mattina

x Daniele Guasco

Gran bel disco questo quarto album di Uphill racer, 16 tracce da mettere nello stereo appena svegli alla domenica mattina, mentre dalla cucina arriva il rumore della caffettiera che fa il suo lavoro.
Fare colazione con la musica elettronica contenuta in questo cd è un piacere, alle note composte da Lichtl vanno poi ad aggiungersi le varie voci presenti nell’album che può vantare la partecipazione di artisti del calibro di My brightest diamond. Più di un’ora di calda e malinconica dolcezza tra cui spiccano vere e proprie perle pop come “From miles”, musica che abbraccia e avvolge, che resta scolpita nei primi pensieri del mattino per restarci tutto il giorno.
Ascoltando “How it feels to find there’s more” mi sembra di ritrovarmi davanti al magnifico stupore che mi colpiva quando ascoltavo le prime produzioni morr music e tutta quella meravigliosa musica elettronica di inizio millennio. Nonostante questo non me la sento però di limitare questo album a un semplice appartenente a un filone ormai considerato esausto (anche se mai capirò queste morti dei generi musicali), infatti il disco di Uphill racer supera queste semplici considerazioni colpendo il cuore e l’udito dell’ascoltatore.
Il nuovo lavoro di Lichtl è quindi un ottimo disco, caldo come un cappuccino e gustoso come un cornetto appena sfornato, un ottimo compagno per i primi pensieri del mattino, un ottimo ascolto in qualsiasi momento della giornata.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 5/2/2012
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2012 ...

`Addosso! L’Italia non si taglia´  

`Solar Ipse #4´  

`Aigéan´  

`Unknown Distances´ // `Blind Jesus´  

`Neverwhere´  

`Aurona Arona´ // `Plays Sinebag´  

`Sufjan Stevens presenta The Age of Adz a Ferrara Sotto Le Stelle 2011´  

`How it feels to find there’s more´  

`Circles And Elephants´ // `Courant.air´  

`Itsunomanika (いつのまにか)´ // `Platos Combinados´  

`220 Tones´  

`Nino e l’inferno´  

`Transparent Skin´  

`The Magazines You Read´  

`Wilderness´  

`Cane di schiena´  

`My Favorite Tics´  

`CuTe HoRSe CuT´  

`Minimal Damage´ // `Time To Do My Lions´ // `Windfall´  

`The Muesli Man´  

`Background Music For Bank Robberies´  

`Weapon Of Choioce´  

`Babylon´  

`Semmai semiplay´  

`The Blue Mountain’s Sun Drummer´  

`Black Falcon´  

`Walkabout´  

`Peruvian Electroacoustic And Experimental Music (1964-1970)´  

`Squarcicatrici´  

`Dying Sun´ // `Slugabeld´  

`Città Utopica – eine Konzert-Installation´  

`Eau De Punk´  

`PopeWaffen´ // `Come ho imparato a volare´  

`Flatime´  

`Onionoise´  

`Fortune Is Always Hiding´  

`Mombu´  

`Chapter #01 Amphetamine´  

`Le goût de néant´  

`The Sails Of Self´ // `Evolutions In Sound : Live´  

`The Great Northern X´  

`Smoking In Heaven´  

`Io?´  

`Days Before The Rubbery´ // `Blind Alley´ // `Analogic Signals From The Sun´  

`Reciprocal Uncles´  

`Sandro Codazzi´  

`Rocambolesca´  

`Shot´  

`La pursuite de l'excellence´  

`Dark Leaves´  

`Stunden´  

`We Know Exactly Where Are Going´  

`New Great Lakes´  

`Royals´ // `Become Objects of Daily Use´  

`Fantasia for 4 Hands and 1 Mouse´  

`The Cclose Calll´  

`The Film Music Of Nino Rota (1911-1979)´  

`Every Live Is Problem Solving´  

`Gazpacho´  

`I know when it’s time to get the fuck away´ // `The golden undertow´