`CuTe HoRSe CuT´

Autore disco:

GaBLé

Etichetta:

Loaf (GB)

Link:

www.l-o-a-f.com
www.gableboulga.com/

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2011

Titoli:

1) FuLGe 2) BuNCH 3) BRiCK TRiCK 4) WHo TeLLS You? 5) uNBeaTable 6) CYaNuRe 7) HauNTed, ING 8) Day 9) ØØØØ 10) THe SToNe aND THe WoLF 11) ouaC 12) SaMBa De La MueRTe 13) PiLLS 14) GHoST HoST 15) Too FaT To FaRT To FiGHT 16) LeS FeuiLLeS 17) oPPoSiTe PaRTY 18) eeZY PeeZy 19) MY DiaMoND PoND

Durata:

45:09

Con:

Gaelle, Mathieu, Thomas, Olivier

fosse musica nuova sul serio? (top ad onorem)

x Matteo Uggeri

Credevo di conoscerli solo io, i GaBLé, perché degli amici normanni di stanza a Caen anni fa mi regalarono “7 Guitars with a Cloud of Milk” dei loro concittadini. Mi dissero che era una band che in città spaccava, molto figa, e che se mi piaceva il connubio rock+elettronica li avrei trovati di sicuro interessanti. Max e Vané, i due normanni che non finirò mai di ringraziare per questa ed altre cose, avevano fottutamente ragione. Dio solo sa quante volte quel CD ha girato nella mia autoradio. Quei brani brevissimi ma completi, intensi, vari e perfettamente registrati mi hanno conquistato al punto che avrei voluto recensirlo e farlo top, peccato solo che fosse troppo vecchio per queste pagine.
Quando quindi mi è arrivato questo “CuTe HoRSe CuT”, lo confesso, avevo già deciso di farlo top ad honorem per segnalare il lavoro precedente dello stesso gruppo. Il bello è poi che ad ascoltarlo più e più volte ho finito per amarlo almeno quanto il precedente. La cosa più buffa è che più testate (Rumore, Blow Up…) stanno scoprendo questo duo (quartetto oggi) e lo ricoprono di lodi, mentre io col mio consueto tempismo non posso manco bullarmi di dire ‘li avevo scoperti io’ (o meglio Max e Vané).

Ma veniamo al sodo, cercando di descrivere la musica dei GaBLé: essenziale (brani brevissimi, sembrano aver appreso la lezione di “The Commercial Album” dei Residents!), mai ripetitiva (destrutturano il concetto di strofa-ritornello ma mantenendo una forma pop), orecchiabile (il cantato è assurdo ma al terzo ascolto scoprirete di sapere i pezzi a memoria), sperimentale (sembrano davvero fare quel che passa loro per la testa spingendosi sempre un passo oltre), varia (il connubio di suoni acustici ed elettronici è davvero meravigliosamente riuscito). In più sa essere allegra, malinconica, nervosa, energica, vitale, divertente.
Come riferimenti potremmo citare Matmos e The Books, ma dal mio punto di vista questi francesi riescono a spostare un po’ lateralmente la componente pop realizzando talvolta delle canzoni davvero perfette.
Capolavoro del disco la potente Day cui segue, non foss’altro per il titolo, Too FaT To FaRT To FiGHT.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 4/5/2012
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2012 ...

`Addosso! L’Italia non si taglia´  

`Solar Ipse #4´  

`Aigéan´  

`Unknown Distances´ // `Blind Jesus´  

`Neverwhere´  

`Aurona Arona´ // `Plays Sinebag´  

`Sufjan Stevens presenta The Age of Adz a Ferrara Sotto Le Stelle 2011´  

`How it feels to find there’s more´  

`Circles And Elephants´ // `Courant.air´  

`Itsunomanika (いつのまにか)´ // `Platos Combinados´  

`220 Tones´  

`Nino e l’inferno´  

`Transparent Skin´  

`The Magazines You Read´  

`Wilderness´  

`Cane di schiena´  

`My Favorite Tics´  

`CuTe HoRSe CuT´  

`Minimal Damage´ // `Time To Do My Lions´ // `Windfall´  

`The Muesli Man´  

`Background Music For Bank Robberies´  

`Weapon Of Choioce´  

`Babylon´  

`Semmai semiplay´  

`The Blue Mountain’s Sun Drummer´  

`Black Falcon´  

`Walkabout´  

`Peruvian Electroacoustic And Experimental Music (1964-1970)´  

`Squarcicatrici´  

`Dying Sun´ // `Slugabeld´  

`Città Utopica – eine Konzert-Installation´  

`Eau De Punk´  

`PopeWaffen´ // `Come ho imparato a volare´  

`Flatime´  

`Onionoise´  

`Fortune Is Always Hiding´  

`Mombu´  

`Chapter #01 Amphetamine´  

`Le goût de néant´  

`The Sails Of Self´ // `Evolutions In Sound : Live´  

`The Great Northern X´  

`Smoking In Heaven´  

`Io?´  

`Days Before The Rubbery´ // `Blind Alley´ // `Analogic Signals From The Sun´  

`Reciprocal Uncles´  

`Sandro Codazzi´  

`Rocambolesca´  

`Shot´  

`La pursuite de l'excellence´  

`Dark Leaves´  

`Stunden´  

`We Know Exactly Where Are Going´  

`New Great Lakes´  

`Royals´ // `Become Objects of Daily Use´  

`Fantasia for 4 Hands and 1 Mouse´  

`The Cclose Calll´  

`The Film Music Of Nino Rota (1911-1979)´  

`Every Live Is Problem Solving´  

`Gazpacho´  

`I know when it’s time to get the fuck away´ // `The golden undertow´