`Fortune Is Always Hiding´

Autore disco:

Zabrisky

Etichetta:

Shyrec (I)

Link:

www.shyrec.it

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2011

Titoli:

1) Summer is always grey 2) Stone inside 3) I can’t leave 4) Better times 5) Calling home 6) Have you ever seen your face 7) Careless lovers 8) Getting better so far 9) Real me 10) Good company

Durata:

66:33

Con:

Marco Bagagiolo, Alberto Lo Verso, Juri Dogà, Nicola Ferrarese

Tutto il fascino dell’artigianato

x Daniele Guasco

Ho sempre apprezzato quei gruppi che senza avere il loro nome sparso qua e la tra carta stampata e pagine internet riescono semplicemente a proporre la loro musica componendola e suonandola e lasciandola a chi vuole farla sua ascoltandola. Gli Zabrisky rientrano sicuramente tra questi. Niente partecipazioni a festival omologati, niente interviste vicine a quelle di presunte stelle da mtv, niente altro che tanta tanta buona musica.
A questo gruppo piace suonare rock, il loro, tanto classico quanto personale e sincero. Sembra di entrare nel laboratorio di un artigiano che in qualche nota città turistica continua con tenacia a fare il suo lavoro tra negozi di souvenir preconfezionati e resse di villeggianti annoiati dal loro svago. Quando però la persona attenta ferma lo sguardo sui frutti delle sue mani non può che restare estasiato dalla sua opera.
Gli Zabrisky sono così, appassionati solo ed esclusivamente della loro musica, il compito di scoprirla e apprezzarla è tutto dell’ascoltatore. Ci si tuffa così in pop-songs dallo stampo british perfette (“Calling home”), ballate rapide e trascinanti (“Careless lovers”) e bellissime canzoni semplicemente rock (“Getting better so far”).
“Fortune is always hiding” è un album leggero, fresco e convincente, ma che non nasconde la passione e la cura con cui gli Zabrisky producono la loro musica, il lavoro di un artigiano sapiente bello da scoprire, meraviglioso ad ogni ascolto successivo.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 7/6/2012
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2012 ...

`Addosso! L’Italia non si taglia´  

`Solar Ipse #4´  

`Aigéan´  

`Unknown Distances´ // `Blind Jesus´  

`Neverwhere´  

`Aurona Arona´ // `Plays Sinebag´  

`Sufjan Stevens presenta The Age of Adz a Ferrara Sotto Le Stelle 2011´  

`How it feels to find there’s more´  

`Circles And Elephants´ // `Courant.air´  

`Itsunomanika (いつのまにか)´ // `Platos Combinados´  

`220 Tones´  

`Nino e l’inferno´  

`Transparent Skin´  

`The Magazines You Read´  

`Wilderness´  

`Cane di schiena´  

`My Favorite Tics´  

`CuTe HoRSe CuT´  

`Minimal Damage´ // `Time To Do My Lions´ // `Windfall´  

`The Muesli Man´  

`Background Music For Bank Robberies´  

`Weapon Of Choioce´  

`Babylon´  

`Semmai semiplay´  

`The Blue Mountain’s Sun Drummer´  

`Black Falcon´  

`Walkabout´  

`Peruvian Electroacoustic And Experimental Music (1964-1970)´  

`Squarcicatrici´  

`Dying Sun´ // `Slugabeld´  

`Città Utopica – eine Konzert-Installation´  

`Eau De Punk´  

`PopeWaffen´ // `Come ho imparato a volare´  

`Flatime´  

`Onionoise´  

`Fortune Is Always Hiding´  

`Mombu´  

`Chapter #01 Amphetamine´  

`Le goût de néant´  

`The Sails Of Self´ // `Evolutions In Sound : Live´  

`The Great Northern X´  

`Smoking In Heaven´  

`Io?´  

`Days Before The Rubbery´ // `Blind Alley´ // `Analogic Signals From The Sun´  

`Reciprocal Uncles´  

`Sandro Codazzi´  

`Rocambolesca´  

`Shot´  

`La pursuite de l'excellence´  

`Dark Leaves´  

`Stunden´  

`We Know Exactly Where Are Going´  

`New Great Lakes´  

`Royals´ // `Become Objects of Daily Use´  

`Fantasia for 4 Hands and 1 Mouse´  

`The Cclose Calll´  

`The Film Music Of Nino Rota (1911-1979)´  

`Every Live Is Problem Solving´  

`Gazpacho´  

`I know when it’s time to get the fuck away´ // `The golden undertow´