`Circles And Elephants´ // `Courant.air´

Autore disco:

Semuin // Nicolas Bernier

Etichetta:

Ahornfelder Records (D)

Link:

www.ahornfelder.de

Formato:

CD // CD

Anno di Pubblicazione:

2010

Titoli:

1) Greeting Prelude 2) Wilma 3) Elefanz 4) Circles 5) Circles (Weiter) 6) + - 7) Zombie 8) Neve 9) Stem (I) 10) Stem (II) // 1) bourrasques électriques 2) Déplacement des particules 3) Soubresauts 4) Petit port bien abrité 5) Air.chanson.usure 6) Menace, incertitude, le temps se (dé)couvre 7) Propulsion 8) Érosion (jusqu’à plus oultre)

Durata:

43:03 // 33:06

Con:

Jochen Briesen, Michèle Schneider, Karl Briesen // Nicolas Bernier, Simon Trottier

gran bei dischi, soprattuto il primo

x e. g. (no ©)

“Circles And Elephants è un disco veramente delizioso, ed è riprovevole che io lo abbia tenuto in attesa dentro una scatola, prima di concedergli l'attenzione dovuta, per un periodo che travalica di gran lunga i confini del buon senso... se fossi stato tempestivo (o almeno tempestivo secondo quelli che sono i miei soliti lunghi tempi) sarebbe andato sicuramente ad occupare la posizione del top. Ma ormai è tardi ed è inutile piangere sul latte versato... il calcio di rigore è sfumato e posso solo cercare un salvataggio in angolo consigliandovi l'acquisto senza mezzi termini. Pensate ad un mix fra Oval, Gastr Del Sol, Un caddie renversé dans l'herbe e Son Of Clay, se vi riesce, e non sarete lontani dall'aver inquadrato il mood di Semuin (aka Jochen Briesen). Solo un mago che possiede la formula dell'abracadabra può, a partire da elementi base tanto semplici, creare una struttura dalle trame così intricate, intriganti e fascinose. L'unica eccezione alla delicatezza pastorale dell'insieme sta nell'ultimo titolo, dove pochi secondi di chitarra arpeggiata e voci discorsive escono fuori da un braciere di rumore stordente. E credo che adesso mi cercherò anche il precedente disco targato Semuin, “Province”, pubblicato nel 2005 su Audio Dregs.
I canadesi Nicolas Bernier e Simon Trottier, musicista elettronico il primo e chitarrista folk-blues il secondo, danno vita all'incontro fra rumorismo elettroacustico e minimali tessiture di chitarra che a tratti possono far pensare a Fahey mentre dopo due passi evocano invece il chitarrismo dei primigeni John McLaughlin, Michael Gregory Jackson e/o Larry Coryell. Trotter, in pratica, ha nel suo carniere un po' di tutto: dal feedback al rumore chitarristico e dall'arpeggio minimale alle lunghe note slide-blueseggianti. Le crepitanti strutture elettro creano un contraltare di straniante elasticità. Chitarra infettata dal rumore, o viceversa, come sarebbe lecito attendersi da un Hendrix evoluto e poi scisso a metà in due entità ben distinte e distinguibili.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 5/2/2012
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2012 ...

`Addosso! L’Italia non si taglia´  

`Solar Ipse #4´  

`Aigéan´  

`Unknown Distances´ // `Blind Jesus´  

`Neverwhere´  

`Aurona Arona´ // `Plays Sinebag´  

`Sufjan Stevens presenta The Age of Adz a Ferrara Sotto Le Stelle 2011´  

`How it feels to find there’s more´  

`Circles And Elephants´ // `Courant.air´  

`Itsunomanika (いつのまにか)´ // `Platos Combinados´  

`220 Tones´  

`Nino e l’inferno´  

`Transparent Skin´  

`The Magazines You Read´  

`Wilderness´  

`Cane di schiena´  

`My Favorite Tics´  

`CuTe HoRSe CuT´  

`Minimal Damage´ // `Time To Do My Lions´ // `Windfall´  

`The Muesli Man´  

`Background Music For Bank Robberies´  

`Weapon Of Choioce´  

`Babylon´  

`Semmai semiplay´  

`The Blue Mountain’s Sun Drummer´  

`Black Falcon´  

`Walkabout´  

`Peruvian Electroacoustic And Experimental Music (1964-1970)´  

`Squarcicatrici´  

`Dying Sun´ // `Slugabeld´  

`Città Utopica – eine Konzert-Installation´  

`Eau De Punk´  

`PopeWaffen´ // `Come ho imparato a volare´  

`Flatime´  

`Onionoise´  

`Fortune Is Always Hiding´  

`Mombu´  

`Chapter #01 Amphetamine´  

`Le goût de néant´  

`The Sails Of Self´ // `Evolutions In Sound : Live´  

`The Great Northern X´  

`Smoking In Heaven´  

`Io?´  

`Days Before The Rubbery´ // `Blind Alley´ // `Analogic Signals From The Sun´  

`Reciprocal Uncles´  

`Sandro Codazzi´  

`Rocambolesca´  

`Shot´  

`La pursuite de l'excellence´  

`Dark Leaves´  

`Stunden´  

`We Know Exactly Where Are Going´  

`New Great Lakes´  

`Royals´ // `Become Objects of Daily Use´  

`Fantasia for 4 Hands and 1 Mouse´  

`The Cclose Calll´  

`The Film Music Of Nino Rota (1911-1979)´  

`Every Live Is Problem Solving´  

`Gazpacho´  

`I know when it’s time to get the fuck away´ // `The golden undertow´