`Looping I-VI (and other assorted love songs)´

Autore disco:

Frank Bretschneider

Etichetta:

12K (USA)

Link:

www.12k.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2004

Titoli:

1) Looping I 2) Looping II 3) Paperthin 4) Looping III 5) Against a blue background 6) Rocket summer 7) The day it rained forever 8) Looping IV 9) Night broadcast 10) Looping V 11) Go! Said the bird 12) Looping VI

Durata:

45:25

Con:

Frank Bretschneider

loop, loop e ancora loop // Il tentativo di costruire un nuovo linguaggio parallelo a quello corrente che dura da secoli

x Alfredo Rastelli // Salvatore Borrelli

Chi è Frank Bretschneider? Semplicemente uno degli agitatori della Raster-Noton, e già questo dovrebbe dire molto se non tutto. Ma limitandosi a questo si farebbe certamente un torto a lui e ai dischi prodotti fino a questo momento (tra i quali quelli a nome Komet, sicuramente il suo progetto più conosciuto). Adesso è il momento del secondo disco in solo, in uscita per la newyorkese 12K, che andando ad ascoltare bene si capisce come sarebbe potuto benissimo essere fuoriuscito dal catalogo Raster-Noton. “Looping I-VI” ripresenta in tutta la sua perfezione tecnica l’estetica dell’elettronica glaciale ed ultraminimale. Analizzando il titolo del disco possiamo confermare la presenza obliqua di loop (che rappresentano qualcosa in più del tema conduttore del disco) ma per quanto riguarda le ‘love songs’ pur non mettendo in dubbio le intenzioni di Bretschneider non possiamo far altro che fidarci della sua buona fede. Parlavamo di loop, ed è innegabile la loro massiccia presenza nel disco; sono sì presenti ma raramente, anzi mai, creano dei groove: sono scandagliati e reiterati nel tempo, destrutturati ed astratti. Nord Modular alla mano (nient’altro che il suo fedele sintetizzatore), il tedesco di Germania imbastisce il suo disco con poco: qualche click, qualche cuts, un serie di tappeti di sottofondo, onde modulari, riverberi sonori (Rocket summer), ogni tanto un breakbeat più convincete che fa capolinea pur conservando la loro natura discreta e velata (Against a blue background) e qualche suono marziano (Go! Said the bird) che non ci stanno mai male.
Non nuovissimo ma gli amanti del genere avranno di che godere.


----------------°-----------------


La chirurgia uditiva è la simbiosi perfetta di una metafora non propriamente desueta dell'occhio/orecchio che si taglia, dentro la flemma inadeguata dei pensieri in sinapsi cancerosa, l'udito, come la vista, hanno bisogno di un controcampo per ribadire l'essenza indefinita dell'esistere. Controcampo è la parola intera: consiste nel tessuto interrelazionale su cui due occhi e due orecchie si poggiano per orchestrare il dialogo frantumato al di là di tutto quello che il linguaggio oscenamente tras-dice. Il corpo non è una metafora del corpo: semmai un suono lo è. Il suono talvolta si frantuma nel pluriverso dall'antiumano perché proprio in quanto riconosce di appartenere alla sfera inversa dell'umanità, nel controcampo digitale, riafferma le correnti solide dell'umanità. La parola dice ciò che dice con l'intenzione di distruggere un circuito conchiuso per aprirsi al paradosso di sé. Nel momento in cui afferma significa che ha trans-detto, e quindi ha affermato l'opposto e la musica digitale poiché circuita continuamente nello stesso campo incontrollato del fenomeno, deve esprimersi nel linguaggio dell'impossibile per ridestare un termine possibile. Frank Bretscheider è uno di quelli che meglio di altri artisti digitali hanno portato l'orizzonte terminologico del digitale sul punto di fluttuazione, la sua musica è musica per ciechi e per sordi. Ha un orizzonte dialogico che supera le barriere del linguaggio perché non è già più un linguaggio e proprio perché ammette di non esserlo, o attraverso l'astrazione, o attraverso il resto, costruisce le basi dello stesso linguaggio che dice. "Looping I - IV" è innanzitutto un disco per innamorati, per gente che si ama, o che non si sa bene quanto possa durare questo 'amare'. Lo dice anche il titolo che sfida qualunque certezza: non è un semplice caso! La parola al giorno d'oggi deve trovare nuove direzioni ma non è detto che queste direzioni debbano per forza esprimersi in una data musicalità. Se concepissimo i lavori su 12k, o quelli su Raster-Noton, come l'applicazione continua di una innovazione, entreremmo nel circuito della denigrazione moderna: ovvero daremmo ragione a coloro che giudicano questo settore sonoro come oramai ramazzato, inconcepibile al rinnovo. Quello che bisogna invece capire è che il superamento non avviene nell'ambito di un'innovazione interna, questo è già un elemento di costruzione linguistica rispetto a tutto il linguaggio della musica esistita finora. Si tratta di un linguaggio che lentamente si concretizza come un alternanza al circuito di tutti i suoni che ci sono, e poiché non è composto di parole, usa il 'titolo' come espressione del linguaggio corrente, come 'traduzione' di ciò che va a formarsi senza per nulla impedire a se stesso di fare in modo che questo stesso linguaggio di formazione debba cambiare. Se al linguaggio del rock ci sono voluti un centinaio di anni per affermarsi, si parlerà di estenuazione solo quando ne passeranno almeno altri 100 in quello digitale, o glitch, o chicchessia! Nei dischi di Frank Bretchenider non si troverà mai e poi mai qualcosa che vada ad intendersi come una progressione, come un'innovazione evoluzionistica, ma per questo non è detto che chi ascolta questa musica, e chi la produce, non vada a sfaldare le matrici del linguaggio biologico per eccellenza insinuendone crepe e sfaldamenti. La grandezza di questi dischi, che qualcuno esaltava fino a tre anni fa, per poi dire che non andavano più di moda, consiste proprio nel destino del compimento. Nessuno ha mai detto che un lavoro di Springsteen non si dovesse più realizzare perché il rock era finito: una buona parte della critica ha invece deciso di punto in bianco che era ora di storicizzare il glitch, o in tal caso l'ambient-glitch. È una manovra di potere che consiste nel poter intendere qualcosa finché il linguaggio resta solo scandalizzato dal resto ma mai compromesso. L'opera di Bretchneider e soci consiste nell'eludere questa forma di controllo e continuare in una direzione che se finisce o non finisce lo decide la vita e non certo il buon critico. Se questo fosse un vocabolario controcorrente, alla parola "Love Songs" potremmo mettere un punto, ma può darsi che, Bretchneider, nelle sue fibre lungimiranti, nell'universo sentimentale del gelido, possa trovare un domani nuovi modi per dire 'amore' sempre in questo linguaggio e dovremmo ascoltarlo per comprendere di quale amore stiamo parlando e quale di questi fa più al caso nostro.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 13/3/2006
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2006 ...

`v3´  

`Looping I-VI (and other assorted love songs)´  

`Singles. Period.´  

`Exkursion´  

`Triste´  

`Conceal´  

`Lumottu Karkkipurkki´ // `Kellari Juniversumi (reprint)’  

`Status´  

`Crown Of Marches´ // `Horse Frenzy´  

`Ridin' The Stang´  

`Folk Roots, New Routes´ // `Folk, Blues & Beyond…´ // `Rock On´  

`Axel Dörner & Robin Hayward´ // `Activity Center & Phil Minton´  

`Soundtrack Stories´  

`Dishoek´  

`HHHH´  

`7 Million´  

`Voice In The Wilderness: Dissenting Soundscapes And Songs Of G. W.’s America´  

`The Way Of The Animal Powers´ // `Growing & Mark Evan Burden´  

`Vol 4´ // `Greatest Hits´ // `Fear The Windows´  

`Nomis´  

`Big Ears – Fitzgerald’s Manifesto´  

`Small Explosions that are yours to keep´ // `Norden´  

`Musica onirica per film immaginari´  

`Longitude / Cratere´  

`Myrninerest´  

`Uchu Ni Karamitsuiteiru Waga Itami´ // `Global Ancient Atmosphere´ // `Venerdì 30 Settembre 2005 – Teatro Ariosto´  

`L’Ange´  

`Frame´  

`Oggi ho indossato la tua mancanza´  

`Essence of 3EEM´  

`Pneuma´ // `Solo Voce´ // `Songs To Cry By For The Golden Age Of Nothing´  

`AnteNata´  

`Steppers+´  

`Flowers You Can Eat´  

`Werthmuller´ // `Hypermagic Mountain´  

`Spring Estuary´  

`Le baptême de la solitude´ // `Free For(m) Rimbaud´ // `Platessa´  

`Lay Your Soul Bare´  

`Dalbukki´ // `White Room´  

`The Anabaptist Loop´  

`Psicopatologia del Serial Killer´  

`Before and After Dinner´  

`Healing Memories And Other Scattering Times´ // `Invisible Pyramid: Elegy Box´  

`Filament Box´  

`Angles Of Repose´ // `The Eleventh Hour´  

`Blackwhitemusic´  

`Osci´  

`Krško - Valencia´  

`Pelt´ // `Catonapotato´ // `The Naive Shaman´  

`[mezza luna piena]´  

`Kiss the light goodbye´  

`Uncolored (swing'n'pop around rose)´  

`Just Before Dawn´  

`A M.B. Iehn Tale´  

`A Year Of The Aural Gauge Operation´  

`Emerald Stars´  

`The Unsaid Words´  

`A Delay Is Better´ // `Skymother Mountain´  

`Instorments´  

`III´  

`Baggerboot´  

`Farewell Aldebaran´  

`Aube Reworks Stefano Gentile´  

`Every Still Day´  

`Essays On Radio: Can I Have 2 Minutes Of Your Time´  

`Automatic Guerrini´ // `Unclocked´  

`Rex Xhu Ping´  

`Somelove´  

`Memento Rumori´  

`Rhythmajik´  

`Pour un pianiste (1973 – 1974)´  

`Simulando un Refugio´  

`Kill The Vultures´  

`B-interrail´  

`Trans-Sister Radio´  

`Swimming In It´  

`Echran´  

`Wander (Beequeen)´  

`The Tail Of The Tiger´  

`Dark Skies At Noon´  

`Scatole Sonore – 1 dicembre 2005´ // `Scatole Sonore – 5 gennaio 2006´  

`Paquet Surprise´  

`Dis_Patched´  

`For birds, planes & cello (a continuous field recording with cello)´  

`Everyone Alive Wants Answers´  

`Uotha´  

`Mini Dakedo Demo Album´  

`Sisyphus´  

`White Rooms´  

`Resonant Objects´  

`Very Rec´ // `This is Stunt Rock Vol. 3´  

`The Circle Is Not Round´  

`Tapestries´  

`Rebuilding Pantaleone’s Tree´  

`The Golden Morning Breaks´  

`Reveal'd To None As Yet - An Expedience To Utterly Vanish Consciousness While Still Alive´ //`PSF & Alchemy (20th Anniversary Live)´  

`Going Round In Serpentines´  

`The Quality Of Something Audible´  

`Before The Libretto´  

`Hex: Or Printing In The Infernal Method´  

`Electric Violence´  

`Sanhedolin´ // `Tokyo Flashback 5´  

`Sihl´  

`Arche-Lymb´  

`L’après, l’(a)-Dieu (40mt, under)´  

`The Ape Of Naples´  

`Contrappunti´ // `Cantina Tapes´  

`Februar´  

`Fugues´ // `Broken Wings Lead Arms To The Sun´  

`... A Gift for ... (°!°)´  

`Valve Division´ // `Piano Solo´  

`Common Chord´  

`Bias’  

`Paesaggi di Libero Ascolto´  

`Kaikkeuden Kauneus Ja Kasittamattomyys´ // `Sateenkaarisuudelma´  

`Punctum Contra Punctum´  

`Demons from Nipples´  

`A Strange Day´  

`L’île re-sonante´ // `Elemental II´  

`Key on a tongue´ // `Con le dovute eccezioni (la tregua reggerà)´ // `Zeno´  

`A-A:Alpha.Beta_Errata Corrige´ // `Circostanze (Tribute to Phill Niblock)´  

`1981´ // `Pop Ambient 2006´  

`Lantern´  

`Out To Lunch´  

`First Thus´ // `Architectures On Air And Other Works´  

`I.K.K. - Purpur´  

`Kainkwatett´ // `Seumsund / Sundseum´ // `Spare Parts & The Ideology Toolkit´  

`Oninneembaar´  

`Spoil, Microbe´ // `First Cut´  

`Manuale audiofonico sull’assenza di senno´ // `Il Duo Azure´ // `Live at Barcone – Torino – 16.10.2004´  

`Fuck Work´  

`The Day´  

`Queezy Epiphany Coming Through The Wall´ // `Stop Touching My Cat´ // `Wrong Faced Cat Feed Collapse´  

`When The Detail Lost Its Freedom´  

`Scatole Sonore (5 Gennaio 2006)´ // `Scatole Sonore (2 Febbraio 2006)´  

`Duo…´ // `Rocca´  

`Night Life´  

`Urueña´  

`Armonica´  

`Prontuario per giovani foglie´  

`The Garden Of Brokenness´  

`Tóg é go Bog é´ // `Here Comes The Bear´  

`Comes To Your House´  

`The Album´  

`It’s Morning´  

`Bipolar / Wring the Wrist´  

`Laze biose´  

`In My Father's House Are Many Mansions´  

`Dead Drunk´  

`A Thousand Incidents Arise´  

`Drones For Diasporas´  

`Hang Over Sunday´  

`Blueprint´  

`Piano Improvisations´ // `Solo Piano´  

`Ochre Land, Blue Blue Skies´ // `Misenlian´ // `Cloud´  

`Anaananaan´  

`Blog On Rimbaud´ // `Standard And Normal´  

`Bending The Tonic´  

`Colour Green´  

`Fair & Square´  

`Helping Hand´  

`Squarehorse´  

`Saw Mill Man´  

`The Complete Guide to Insufficiency´  

`Backyard Vol. 2´  

`Five Feet From Home´  

`Not Alone´  

`The Amateur Hermetic´ // `Product 06´ // `Untitled # 164´ // `The Air In The Sand´  

`Scatole Sonore (2 Marzo 2006)´ // `Scatole Sonore (6 Aprile 2006)´  

`The Return Of The 120 Magicians´  

`Comaneci´  

`The Men Album´  

`Ancora Saigon´  

`Bird Heart in Wool´  

`Clark´  

`Plans Drawn in Pencil´  

`The traditions of the past cannot be retrieved´  

`Naisnice´  

`Sixpériodes´  

`A Personal Account Of Conflict´  

`Inside A Moving Machine´  

`Roots and Fruits´  

`Introduction´ // `Live in Paris´  

`Preghiera per una stella´ // `Gravescapes´ // `Will You Please Be Quiet, Please?´  

`The House of Mourning´  

`Miastenia´  

`L'Orfeo Concluso´  

`April’s Fool´  

`Splintered´  

`Tagliare´  

`Annihilate This Week´ // `Red Room´ // `Figure 2´  

`I’m ep here´  

`The Even Times´  

`Wordless´  

`Songs and Sounds´  

`The Monkeys in The Zoo Have More Fun Than Me´  

`Un an´  

`Timing the 183k pulse: Eleven Intuitive Act on a Defined Vamp´  

`Baptism & Birthday´  

`Hidden Or Just Gone´  

`Homeogryllus Japonicus Orchestra 2004´  

`Å´  

`Dataplex´ // `Fflux´  

`Vedo Beat´  

`Trapping´  

`In the Morning Twilight´  

`Acoustic & Semiacoustic´  

`Check Point Charlie 2005´  

`Raus Aus Stavanger´  

`A Post-Fordist Parade In The Strike Of Events´  

`The Topography Of The Lungs´  

`Flux Compendium´ // `Gauticle´  

`The animation of lists and the archytan transpositions´ // `Gestaltsystem 0 :: Possible forms´  

`Hito´ // `Kusa´  

`Martedì 11 Luglio 2006 @ Auditorium di Roma´  

`Intervista´  

`Secousses Panoramiques´ // `Air.ratio´  

`The Red Tower´  

`Eclipse´  

`Incidental Amplifications´  

`Animamima´  

`Dub Ainu Deluxe´  

`Heartworn Highways´  

`Out´  

`Quatre tonalités pour enceintes urbaines´ // `Chloral Works I & II´  

`JJJ´  

`Black Ships ate the Sky´  

`Queries´  

`End Of Summer´ //`Gliding Clerks´ // `Oleo Strut´ // `Polvere´  

`Process´  

`The Sea Looks Green When The Sky Is Grey´  

`Don't Remember´  

`Glissandro 70´  

`L’écurie´ // `Satanische Vrede´  

`Metaprogramming From Within The Eye Of The Storm´ // `Gelbe Tupfen´  

`Necklace´  

`Improvised music for Imaginary Films´  

`Sauna: Um, Dois, Três´  

`Fades´  

`L’addimmuru´ // `Teufeltanzmasken´  

`Switch Parmenide´  

`Artefacts´  

`A Low Carbonation´  

`Lengvai / 60 x One Minute Audio Colours Of 2kHz Sound´  

`Ku´  

`Memory Like Water´  

`Archaea´  

`I Hope You are well, I am and I send you my fingers´  

`Plays Polmo Polpo´  

`Giuseppe Ielasi´  

`Memory Makes Noise´  

`Airre´ // `In A Persian Market´ // `The Consumer CD´ // `Das Duz Dae Duz Das´  

`Hundloka, Flockblomstriga 1´  

`Kokoro Mayikibo´  

`Rectal Exploration´  

`Episome´  

`Pink´  

`Thrtysxtrllnmnfstns´  

`Un Mondo in Me´  

`The Empty Space´  

`The Clearing´  

`Between Neck & Stomach´