`1981´ // `Pop Ambient 2006´

Autore disco:

Markus Guentner // AA.VV.

Etichetta:

Kompakt (D)

Link:

www.kompakt-net.de

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2005 // 2006

Titoli:

1) Wanderung 2) Wenn Muisik Der Liebe Nahrung Ist 3) Jellyfish 4) Hi-Jacked 5) Sommergewitter 6) Umgebung 7) Der Wüstenplanet 8) Hotel Shangai // 1) Piano Tec 2) Iceblink 3) Baghira 4) Come To Where I Go 5) Edelgrün 6) Gymnopedie #1 7) M+K 8) Burning Bright 9) Albatros 10) Tropfstein 11) Wandel 12) Decline 13) Milk (Klimek Remix)

Durata:

65:39 // 72:35

Con:

Markus Guentner // Uli Teichmann / Pass Into Silence / Markus Guentner & La Grande Illusion / Dirk Leyers / The Orb / Klimek / Andrew Thomas / Ulf Lohmann / Köhncke+Heimermann / Triola / PopNoName / Mikkel Metal

Il miglior autunno possibile

x Ciro Fioratti

Quando percorri l'autostrada che da Friburgo porta a Colonia, la Foresta Nera ti accompagna per molti km. A qualcuno potrebbe non piacere un lunghissimo rettilineo circondato da alberi, campi e colline; il paesaggio è abbastanza monotono per diverse ore, soprattutto se lo si affronta a velocità politically correct (140 km/h). Quindi meglio munirsi di un buon sostegno musicale e cercare di godersi il viaggio attraverso gli intermittenti temporali primaverili.
Va da sé che l'ultima volta che ho affrontato il tragitto mi sono portato i primi cinque volumi della serie 'Pop Ambient' (Kompakt) che ormai dal 2001, annualmente, offre uno dei migliori panorami in ambito ambient music. Scorrendo i vari anni si nota subito come uno degli autori con più contributi sia Markus Guentner, che per Kompakt ha recentemente pubblicato un gran disco, "1981".
L'atmosfera è naturalmente quella descritta dalla sopracitata serie, ma non mancano interessanti spunti, fino a toccare l’ambito Schaffel (non ditemi che non sapete ancora cos'è lo Schaffel...).
"Wanderung" ti accoglie proprio con la pioggia battente lungo un sentiero boschivo fatto al 50% di "Zauberberg" (Gas) e al 50% di micro-dub.
"Wenn Musik Der Liebe Nahrung Ist" ha un titolo che già solo quello merita (mano al vocabolario miei prodi), ma emoziona ancora di più con il passare dei minuti, fino a trasformarsi in una specie di soul-ambient con tanto di inserti vocali ad hoc.
Il battito Schaffel comincia a farsi sentire (lento) in tutta la sua potenza come base di appoggio della ciclica "Jellyfish", che della medusa ha tutta la sinuosità e l'eleganza, ma si scatena fino a toccare la frenesia TB303 simil-rock di "Hi-Jacked".
Il cardiopalma termina solo con l’arrivo di "Sommergewitter", che suona come una "Radiance III" di Basic Channel rallentata.
Il classico Guentner da Pop Ambient ritorna nello scampanellio che introduce il lentissimo glitch dub di "Umgebung"; e la formula del glitch dub ritorna in qualche modo anche nella misteriosa e profonda "Der Wüstenplanet", che rallenta quasi fino a una staticità liquida negli ultimi due minuti. A chiudere gli archi risonanti di "Hotel Shangai" graffiati da una puntina di giradischi, unico cedimento scusabile alla moda di qualche tempo fa.
Ancora meglio forse fa "Pop Ambient 2006", e non credo di esagerare se giudico questo come il miglior volume finora pubblicato.
A parte i territori di raffinato minimalismo pianistico à la D Haines (cfr. "Blither" su Sigma) di Uli Teichmann, le arcate luminescenti un po' anni '90 di Pass Into Silence che aprono il CD e qualche altra sparsa eccezione, il denominatore comune dei vari contributi sembra essere la chitarra (A pensarci bene un piccolo segno premonitore c'era già nel volume 2005, una bellissima traccia di Dj Koze, "Hummel"...).
Uno dopo l'altro Wolfgang Voigt (che sospetto essere il curatore della serie oltre che dell’artwork) infila una serie di brani fenomenali, a partire proprio dal nostro Guentner, questa volta in combutta con La Grande Illusion, che ingentilisce il suono aggiungendo tocchi di pianoforte su un tessuto di scuri archi e arpeggi di chitarra, appunto.
Lo segue la prima delle rivelazioni: Dirk Leyers. Nel suo caso dobbiamo di certo parlare di Digital Jazz, etichetta usata mille volte a descrivere chissà cosa, lo so, ma provate ad immaginare se la vecchia ECM fosse nata nel XXI secolo. Eccezionale!
A seguire arrivano The Orb, che nel precedente volume avevano proposto una "Falkenbrück" un po' debole; mi rimangio tutti i cattivi pensieri ascoltando "Edelgrün", divertente e ricercata come ai vecchi tempi, con una lezioncina Basic Channel in più e Thomas Fehlmann all’ennesima potenza.
Con Klimek (aka Random Inc, aka S. Meissner degli Autopoiesis) mi aspetta un'altra prova di fiducia, la rilettura di uno dei miei autori preferiti, cioè Satie. Anche qui devo ricredermi: la sua versione della "Gymnopedie n°1" è la migliore rilettura del francese dai tempi di Akira Rabelais, delicata, malinconica e solitaria al giusto grado.
Altro brano, altra rivelazione: Andrew Thomas (già su Kompakt con un CD intitolato "Fearsome Jewel"). Suo il migliore brano del CD, minimale ma mai ripetitivo, lucidamente sporco, di quelli che ti lasciano spaesato, inquieto e senza parole per descriverlo. Urrà! Altro classico di "Pop Ambient" è Ulf Lohmann, che aggiorna il verbo ambient con sample vocali accelerati, quasi un All per bambini, ma un po' troppo simile come costruzione a "Wasted Years" del 2005.
Justus Köhncke e Fred Heimermann rifanno "Albatros" dei Fleetwood Mac in versione microwave pressurizzata, con chitarra dark e minacce isolazioniste incluse. Fantastica!
Triola è il nome dietro cui si nasconde un altro guru di Colonia, Jörg Burger, da sempre il più ritmico della compagnia, che quest'anno si presenta un poco più malinconico del solito.
Il padrone di casa (il sospetto che sia Voigt è fortissimo) utilizza per il secondo anno successivo il moniker PopNoName; puro e opaco come una nebbia che a poco a poco si infiltra nella testa, "Wandel" ritorna a bazzicare i territori di "Zauberberg", ma in modo meno monolitico, e c'è qualcosa di maligno che mi ricorda addirittura Lull (A dire il vero il brano sembra una short edit di qualcosa di più lungo...speriamo in un nuovo lavoro!).
Mikkel Metal è all'esordio su Kompakt proprio quest'anno (cfr. “Victimizer”); la sua "Decline" è costruita sul classico suono ambient di Colonia, sovrapposto a incrostazioni digitali che potrebbero ricordare qualcosa di Ekkehard Ehlers.
Chiude ancora Klimek con un remix di un suo brano tutto arpeggi spezzati e spazi infiniti a seguire.
Brano dopo brano sono passate quasi due ore e mezza e sarei arrivato tranquillamente a Colonia se solo stessi percorrendo quel lungo rettilineo. Ma come si dice: se non puoi andare a Colonia, sarà Colonia a venire da te…
E' già ora di sbilanciamenti: questa raccolta sarà uno dei miei CD dell'anno, troppo bella!
Ai pochi che hanno amato (e amano) Gas il consiglio è di procurarsi immediatamente una copia di "1981" e di seguire senza timore la serie "Pop Ambient" negli anni a venire.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 20/5/2006
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2006 ...

`v3´  

`Looping I-VI (and other assorted love songs)´  

`Singles. Period.´  

`Exkursion´  

`Triste´  

`Conceal´  

`Lumottu Karkkipurkki´ // `Kellari Juniversumi (reprint)’  

`Status´  

`Crown Of Marches´ // `Horse Frenzy´  

`Ridin' The Stang´  

`Folk Roots, New Routes´ // `Folk, Blues & Beyond…´ // `Rock On´  

`Axel Dörner & Robin Hayward´ // `Activity Center & Phil Minton´  

`Soundtrack Stories´  

`Dishoek´  

`HHHH´  

`7 Million´  

`Voice In The Wilderness: Dissenting Soundscapes And Songs Of G. W.’s America´  

`The Way Of The Animal Powers´ // `Growing & Mark Evan Burden´  

`Vol 4´ // `Greatest Hits´ // `Fear The Windows´  

`Nomis´  

`Big Ears – Fitzgerald’s Manifesto´  

`Small Explosions that are yours to keep´ // `Norden´  

`Musica onirica per film immaginari´  

`Longitude / Cratere´  

`Myrninerest´  

`Uchu Ni Karamitsuiteiru Waga Itami´ // `Global Ancient Atmosphere´ // `Venerdì 30 Settembre 2005 – Teatro Ariosto´  

`L’Ange´  

`Frame´  

`Oggi ho indossato la tua mancanza´  

`Essence of 3EEM´  

`Pneuma´ // `Solo Voce´ // `Songs To Cry By For The Golden Age Of Nothing´  

`AnteNata´  

`Steppers+´  

`Flowers You Can Eat´  

`Werthmuller´ // `Hypermagic Mountain´  

`Spring Estuary´  

`Le baptême de la solitude´ // `Free For(m) Rimbaud´ // `Platessa´  

`Lay Your Soul Bare´  

`Dalbukki´ // `White Room´  

`The Anabaptist Loop´  

`Psicopatologia del Serial Killer´  

`Before and After Dinner´  

`Healing Memories And Other Scattering Times´ // `Invisible Pyramid: Elegy Box´  

`Filament Box´  

`Angles Of Repose´ // `The Eleventh Hour´  

`Blackwhitemusic´  

`Osci´  

`Krško - Valencia´  

`Pelt´ // `Catonapotato´ // `The Naive Shaman´  

`[mezza luna piena]´  

`Kiss the light goodbye´  

`Uncolored (swing'n'pop around rose)´  

`Just Before Dawn´  

`A M.B. Iehn Tale´  

`A Year Of The Aural Gauge Operation´  

`Emerald Stars´  

`The Unsaid Words´  

`A Delay Is Better´ // `Skymother Mountain´  

`Instorments´  

`III´  

`Baggerboot´  

`Farewell Aldebaran´  

`Aube Reworks Stefano Gentile´  

`Every Still Day´  

`Essays On Radio: Can I Have 2 Minutes Of Your Time´  

`Automatic Guerrini´ // `Unclocked´  

`Rex Xhu Ping´  

`Somelove´  

`Memento Rumori´  

`Rhythmajik´  

`Pour un pianiste (1973 – 1974)´  

`Simulando un Refugio´  

`Kill The Vultures´  

`B-interrail´  

`Trans-Sister Radio´  

`Swimming In It´  

`Echran´  

`Wander (Beequeen)´  

`The Tail Of The Tiger´  

`Dark Skies At Noon´  

`Scatole Sonore – 1 dicembre 2005´ // `Scatole Sonore – 5 gennaio 2006´  

`Paquet Surprise´  

`Dis_Patched´  

`For birds, planes & cello (a continuous field recording with cello)´  

`Everyone Alive Wants Answers´  

`Uotha´  

`Mini Dakedo Demo Album´  

`Sisyphus´  

`White Rooms´  

`Resonant Objects´  

`Very Rec´ // `This is Stunt Rock Vol. 3´  

`The Circle Is Not Round´  

`Tapestries´  

`Rebuilding Pantaleone’s Tree´  

`The Golden Morning Breaks´  

`Reveal'd To None As Yet - An Expedience To Utterly Vanish Consciousness While Still Alive´ //`PSF & Alchemy (20th Anniversary Live)´  

`Going Round In Serpentines´  

`The Quality Of Something Audible´  

`Before The Libretto´  

`Hex: Or Printing In The Infernal Method´  

`Electric Violence´  

`Sanhedolin´ // `Tokyo Flashback 5´  

`Sihl´  

`Arche-Lymb´  

`L’après, l’(a)-Dieu (40mt, under)´  

`The Ape Of Naples´  

`Contrappunti´ // `Cantina Tapes´  

`Februar´  

`Fugues´ // `Broken Wings Lead Arms To The Sun´  

`... A Gift for ... (°!°)´  

`Valve Division´ // `Piano Solo´  

`Common Chord´  

`Bias’  

`Paesaggi di Libero Ascolto´  

`Kaikkeuden Kauneus Ja Kasittamattomyys´ // `Sateenkaarisuudelma´  

`Punctum Contra Punctum´  

`Demons from Nipples´  

`A Strange Day´  

`L’île re-sonante´ // `Elemental II´  

`Key on a tongue´ // `Con le dovute eccezioni (la tregua reggerà)´ // `Zeno´  

`A-A:Alpha.Beta_Errata Corrige´ // `Circostanze (Tribute to Phill Niblock)´  

`1981´ // `Pop Ambient 2006´  

`Lantern´  

`Out To Lunch´  

`First Thus´ // `Architectures On Air And Other Works´  

`I.K.K. - Purpur´  

`Kainkwatett´ // `Seumsund / Sundseum´ // `Spare Parts & The Ideology Toolkit´  

`Oninneembaar´  

`Spoil, Microbe´ // `First Cut´  

`Manuale audiofonico sull’assenza di senno´ // `Il Duo Azure´ // `Live at Barcone – Torino – 16.10.2004´  

`Fuck Work´  

`The Day´  

`Queezy Epiphany Coming Through The Wall´ // `Stop Touching My Cat´ // `Wrong Faced Cat Feed Collapse´  

`When The Detail Lost Its Freedom´  

`Scatole Sonore (5 Gennaio 2006)´ // `Scatole Sonore (2 Febbraio 2006)´  

`Duo…´ // `Rocca´  

`Night Life´  

`Urueña´  

`Armonica´  

`Prontuario per giovani foglie´  

`The Garden Of Brokenness´  

`Tóg é go Bog é´ // `Here Comes The Bear´  

`Comes To Your House´  

`The Album´  

`It’s Morning´  

`Bipolar / Wring the Wrist´  

`Laze biose´  

`In My Father's House Are Many Mansions´  

`Dead Drunk´  

`A Thousand Incidents Arise´  

`Drones For Diasporas´  

`Hang Over Sunday´  

`Blueprint´  

`Piano Improvisations´ // `Solo Piano´  

`Ochre Land, Blue Blue Skies´ // `Misenlian´ // `Cloud´  

`Anaananaan´  

`Blog On Rimbaud´ // `Standard And Normal´  

`Bending The Tonic´  

`Colour Green´  

`Fair & Square´  

`Helping Hand´  

`Squarehorse´  

`Saw Mill Man´  

`The Complete Guide to Insufficiency´  

`Backyard Vol. 2´  

`Five Feet From Home´  

`Not Alone´  

`The Amateur Hermetic´ // `Product 06´ // `Untitled # 164´ // `The Air In The Sand´  

`Scatole Sonore (2 Marzo 2006)´ // `Scatole Sonore (6 Aprile 2006)´  

`The Return Of The 120 Magicians´  

`Comaneci´  

`The Men Album´  

`Ancora Saigon´  

`Bird Heart in Wool´  

`Clark´  

`Plans Drawn in Pencil´  

`The traditions of the past cannot be retrieved´  

`Naisnice´  

`Sixpériodes´  

`A Personal Account Of Conflict´  

`Inside A Moving Machine´  

`Roots and Fruits´  

`Introduction´ // `Live in Paris´  

`Preghiera per una stella´ // `Gravescapes´ // `Will You Please Be Quiet, Please?´  

`The House of Mourning´  

`Miastenia´  

`L'Orfeo Concluso´  

`April’s Fool´  

`Splintered´  

`Tagliare´  

`Annihilate This Week´ // `Red Room´ // `Figure 2´  

`I’m ep here´  

`The Even Times´  

`Wordless´  

`Songs and Sounds´  

`The Monkeys in The Zoo Have More Fun Than Me´  

`Un an´  

`Timing the 183k pulse: Eleven Intuitive Act on a Defined Vamp´  

`Baptism & Birthday´  

`Hidden Or Just Gone´  

`Homeogryllus Japonicus Orchestra 2004´  

`Å´  

`Dataplex´ // `Fflux´  

`Vedo Beat´  

`Trapping´  

`In the Morning Twilight´  

`Acoustic & Semiacoustic´  

`Check Point Charlie 2005´  

`Raus Aus Stavanger´  

`A Post-Fordist Parade In The Strike Of Events´  

`The Topography Of The Lungs´  

`Flux Compendium´ // `Gauticle´  

`The animation of lists and the archytan transpositions´ // `Gestaltsystem 0 :: Possible forms´  

`Hito´ // `Kusa´  

`Martedì 11 Luglio 2006 @ Auditorium di Roma´  

`Intervista´  

`Secousses Panoramiques´ // `Air.ratio´  

`The Red Tower´  

`Eclipse´  

`Incidental Amplifications´  

`Animamima´  

`Dub Ainu Deluxe´  

`Heartworn Highways´  

`Out´  

`Quatre tonalités pour enceintes urbaines´ // `Chloral Works I & II´  

`JJJ´  

`Black Ships ate the Sky´  

`Queries´  

`End Of Summer´ //`Gliding Clerks´ // `Oleo Strut´ // `Polvere´  

`Process´  

`The Sea Looks Green When The Sky Is Grey´  

`Don't Remember´  

`Glissandro 70´  

`L’écurie´ // `Satanische Vrede´  

`Metaprogramming From Within The Eye Of The Storm´ // `Gelbe Tupfen´  

`Necklace´  

`Improvised music for Imaginary Films´  

`Sauna: Um, Dois, Três´  

`Fades´  

`L’addimmuru´ // `Teufeltanzmasken´  

`Switch Parmenide´  

`Artefacts´  

`A Low Carbonation´  

`Lengvai / 60 x One Minute Audio Colours Of 2kHz Sound´  

`Ku´  

`Memory Like Water´  

`Archaea´  

`I Hope You are well, I am and I send you my fingers´  

`Plays Polmo Polpo´  

`Giuseppe Ielasi´  

`Memory Makes Noise´  

`Airre´ // `In A Persian Market´ // `The Consumer CD´ // `Das Duz Dae Duz Das´  

`Hundloka, Flockblomstriga 1´  

`Kokoro Mayikibo´  

`Rectal Exploration´  

`Episome´  

`Pink´  

`Thrtysxtrllnmnfstns´  

`Un Mondo in Me´  

`The Empty Space´  

`The Clearing´  

`Between Neck & Stomach´