`Scatole Sonore – 1 dicembre 2005´ // `Scatole Sonore – 5 gennaio 2006´

Autore disco:

Impro Ensemble del 01-12-05 // Roberto Fega, Fabrizio Spera & Burkhard Beins, Punck e Set Impro del 05-01-06

Etichetta:

idoscalodischi / l’antascorrevole (I) // rialtosantambrogio (I)

Link:

idroscalo.widerstand.org
www.rialtosantambrogio.org

Formato:

CD-R

Anno di Pubblicazione:

2005

Titoli:

1) senza titolo // 1-4) senza titolo

Durata:

22:22 // 2h ca.

Con:

Paolo Ippoliti, Laura Lovreglio, dr. Who, Adriano Scerna, Marco Ramassotto // Roberto Fega, Fabrizio Spera, Burkhard Beins, Adriano Zanni

la rivincita del rigattiere

x e. g. (no ©)

“Scatole Sonore” può far pensare a calcolatori, campionatori, drum machine, synth e musical box vari. Niente di più sbagliato, perché ciò che è uscito dalle valigette dei musicisti la sera del 5 Gennaio era soprattutto una collezione di rigatteria. La rassegna, organizzata al Rialto Sant’Ambrogio di Roma, ha avuto inizio il primo di Dicembre ed è destinata a protrarsi con scadenza mensile (ogni primo Giovedì del mese) assumendo così un vero aspetto da ‘fiera’. Si tratta di una cosa organizzata con arguzia e singolarità, dal momento che i musicisti invitati si producono dapprima in un proprio set per interagire infine tutti insieme nella ripresa finale. Queste ultime improvvisazioni estemporanee, e solo esse, sono destinate alla pubblicazione su CD-R; e il CD-R di cui ci occupiamo è quello relativo alla prima tornata della rassegna. Per cui si tratta di materiale estremamente interessante, pur se non sia affatto lecito pensare di trovare fra di esso il cosiddetto capolavoro. Ma chi ascolta oggi un disco pensando di trovare il capolavoro mi sembra essere leggermente fuori tempo massimo. Lo so che anche a me qualche volta sfugge quel luogo comune, causa una deformazione professionale e anni di letture bacate nel groppone, ma oggi è assolutamente fuori luogo ragionare in simili termini. L’ultimo ‘disco capolavoro’, e con ciò intendo disco nel suo aspetto complessivo di oggetto e non solo limitatamente alla musica che contiene, è il “Sgt. Pepper’s” dei Beatles. Pensateci un attimo e, indipendentemente che la musica di quel disco vi piaccia o no, converrete che ho ragione. Con il “Sgt. Pepper’s”, studiato a lungo e realizzato proprio come oggetto totale (dalla struttura dei brani pensata proprio per il supporto, alla loro registrazione, alla grafica…), i Beatles stigmatizzarono tutto ciò che poteva essere un disco; dopo di esso non ci sono state che delle inutili ripetizioni e oggi il disco non può essere considerato altrimenti che come veicolo in grado di trasmettere a distanza quella certa musica. Se mai è la musica di quel disco che potrebbe essere un capolavoro; ma oggi, soprattutto nella musica improvvisata e sperimentale, mi sembra si tenda a ragionare in un altro modo. Derek Bailey non ha mai fatto un capolavoro, i suoi dischi sono spesso raffazzonati, sono raccolta di attimi e, già per il fatto di essere costretti su supporto, perdono parte della loro essenza reale. Se mai Derek Bailey è stato un ‘capolavoro’ in sé, nella sua figura e nel suo pensiero. Questa è l'essenza del fare musica oggi.
Questa lunga premessa, che può apparire fuori luogo, serve bene a inquadrare la rassegna in questione, il CD e il rapporto che c’è fra la prima e il secondo. Non è un caso se gli organizzatori hanno deciso di rendere disponibile su supporto solo l’improvvisazione collettiva finale, chiaramente la parte più a rischio, e devo dire che il taglio scarno (probabilmente non voluto) della confezione riesce a rendere perfettamente l’idea di ciò che vuol essere: la documentazione di un attimo vissuto pienamente e degno della massima attenzione.
Dal punto di vista musicale la prima tornata della rassegna era quella meno a rischio, dal momento che i musicisti coinvolti appartenevano, più o meno, allo stesso ambito dell’underground romano. Il brano scorre bene, fluido, vario e corale, pure se l’impressione è che i Logoplasm dettino in parte legge. Ma penso che questo sia addebitabile non tanto ad una superiorità qualitativa o ad una tendenza leaderistica del duo, quanto al fatto che in una situazione di 2 + 1 + 1 + 1 il 2 finisce logicamente per avere la meglio. Direi quindi che il CD, e quella che sarà la raccolta nel suo complesso, rappresenta qualcosa di più della semplice curiosità, bensì è un documento indispensabile per chi segue la scena sperimentale romana e un termometro sulla capacità di interazione fra musicisti che, spesso, hanno un diverso retroterra. E se questo non è un momento di crescita….
Il CD-R relativo alla seconda tornata della rassegna non è ancora stato realizzato, però mi sembra utile un piccolo reportage sulla serata allo scopo di spulciare ancor più meticolosamente fra i recessi di questa interessante iniziativa. Il primo set del 5 Gennaio ci ha presentato Roberto Fega in quello che, detto da lui, era il suo primo vero concerto in solitudine. Il folletto romano ha stupito con una performance ironica e ricca di sfumature, ma anche ‘viva’ e tesa al punto giusto. Qualche perplessità ha invece accompagnato il concerto di Fabrizio Spera e Burkhard Beins. Indubbiamente i due sanno sviluppare una trama logica, discorsiva e ricca di momenti altamente poetici… e allora? Beh, mi sembra che la loro sia una musica da prima serata, quando la mente è fresca e non offuscata, e da auditorium, dove il pubblico non è tentato da altre distrazioni. L’ora tarda e l’ambiente del Sant’Ambrogio, essenzialmente un club, non mi sono sembrati adatti agli esili intrecci del duo; soprattutto si è rivelata nociva la situazione di promiscuità fra la saletta dei concerti e la sala bar. Nonostante ciò la classe e l’abilità dei due è riuscita in più di un momento a farsi strada nel brusio di fondo. Punck, terzo incomodo, ha viceversa torchiato e domato la sala con le sue potenti sferzate che, con il tempo, mostrano una sempre maggiore definizione e un sempre maggiore arricchimento di particolari. Si tratta, come non abbiamo mancato di rilevare in altre occasioni, di un musicista che va pian piano crescendo e trovando, sempre di più, una propria dimensione e un proprio mood caratteristico e caratterizzante.
Dopo un lungo intervallo è iniziato il set improvvisato che, visto il diverso retroterra e la diversa provenienza geografica dei musicisti, presentava chiaramente ben più rischi di quello andato in scena il mese precedente. Nel frattempo era comunque avvenuto un certo sfollamento e i rimasti avevano trovato il modo di annaffiare e placare gli spiriti più bollenti. I quattro, quasi trascinati da un Fega in particolare stato di grazia, si sono prodotti in una mezz’ora di performance dai caratteri confidenziali, una specie di ‘crooneraggio’ sonoro, e venata da una giusta dose di tasso alcolico: un ottimo suggello finale ad una serata indubbiamente positiva.
Altri due locali del Sant’Ambrogio erano contemporaneamente dedicati a performance di tipo extra-musicale, con proiezioni ed esibizione di una danzatrice. Ho seguito con interesse e piacere anche questo aspetto parallelo della rassegna, anche se non mi sento in grado di esprimere un giudizio a causa della mia ignoranza cronica a proposito di queste forme espressive. Attendiamo adesso gli sviluppi della rassegna, della quale potrete seguire il programma attraverso il nostro calendario.
Coppola finale.
Ho sentito qualcuno che, passando davanti ai tavoli apparecchiati dei musicisti, faceva questo commento: ‘Elettronica? Ma questa è l’età della pietra della musica!!!’.
Voi cosa ne pensate?


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 27/3/2006
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2006 ...

`v3´  

`Looping I-VI (and other assorted love songs)´  

`Singles. Period.´  

`Exkursion´  

`Triste´  

`Conceal´  

`Lumottu Karkkipurkki´ // `Kellari Juniversumi (reprint)’  

`Status´  

`Crown Of Marches´ // `Horse Frenzy´  

`Ridin' The Stang´  

`Folk Roots, New Routes´ // `Folk, Blues & Beyond…´ // `Rock On´  

`Axel Dörner & Robin Hayward´ // `Activity Center & Phil Minton´  

`Soundtrack Stories´  

`Dishoek´  

`HHHH´  

`7 Million´  

`Voice In The Wilderness: Dissenting Soundscapes And Songs Of G. W.’s America´  

`The Way Of The Animal Powers´ // `Growing & Mark Evan Burden´  

`Vol 4´ // `Greatest Hits´ // `Fear The Windows´  

`Nomis´  

`Big Ears – Fitzgerald’s Manifesto´  

`Small Explosions that are yours to keep´ // `Norden´  

`Musica onirica per film immaginari´  

`Longitude / Cratere´  

`Myrninerest´  

`Uchu Ni Karamitsuiteiru Waga Itami´ // `Global Ancient Atmosphere´ // `Venerdì 30 Settembre 2005 – Teatro Ariosto´  

`L’Ange´  

`Frame´  

`Oggi ho indossato la tua mancanza´  

`Essence of 3EEM´  

`Pneuma´ // `Solo Voce´ // `Songs To Cry By For The Golden Age Of Nothing´  

`AnteNata´  

`Steppers+´  

`Flowers You Can Eat´  

`Werthmuller´ // `Hypermagic Mountain´  

`Spring Estuary´  

`Le baptême de la solitude´ // `Free For(m) Rimbaud´ // `Platessa´  

`Lay Your Soul Bare´  

`Dalbukki´ // `White Room´  

`The Anabaptist Loop´  

`Psicopatologia del Serial Killer´  

`Before and After Dinner´  

`Healing Memories And Other Scattering Times´ // `Invisible Pyramid: Elegy Box´  

`Filament Box´  

`Angles Of Repose´ // `The Eleventh Hour´  

`Blackwhitemusic´  

`Osci´  

`Krško - Valencia´  

`Pelt´ // `Catonapotato´ // `The Naive Shaman´  

`[mezza luna piena]´  

`Kiss the light goodbye´  

`Uncolored (swing'n'pop around rose)´  

`Just Before Dawn´  

`A M.B. Iehn Tale´  

`A Year Of The Aural Gauge Operation´  

`Emerald Stars´  

`The Unsaid Words´  

`A Delay Is Better´ // `Skymother Mountain´  

`Instorments´  

`III´  

`Baggerboot´  

`Farewell Aldebaran´  

`Aube Reworks Stefano Gentile´  

`Every Still Day´  

`Essays On Radio: Can I Have 2 Minutes Of Your Time´  

`Automatic Guerrini´ // `Unclocked´  

`Rex Xhu Ping´  

`Somelove´  

`Memento Rumori´  

`Rhythmajik´  

`Pour un pianiste (1973 – 1974)´  

`Simulando un Refugio´  

`Kill The Vultures´  

`B-interrail´  

`Trans-Sister Radio´  

`Swimming In It´  

`Echran´  

`Wander (Beequeen)´  

`The Tail Of The Tiger´  

`Dark Skies At Noon´  

`Scatole Sonore – 1 dicembre 2005´ // `Scatole Sonore – 5 gennaio 2006´  

`Paquet Surprise´  

`Dis_Patched´  

`For birds, planes & cello (a continuous field recording with cello)´  

`Everyone Alive Wants Answers´  

`Uotha´  

`Mini Dakedo Demo Album´  

`Sisyphus´  

`White Rooms´  

`Resonant Objects´  

`Very Rec´ // `This is Stunt Rock Vol. 3´  

`The Circle Is Not Round´  

`Tapestries´  

`Rebuilding Pantaleone’s Tree´  

`The Golden Morning Breaks´  

`Reveal'd To None As Yet - An Expedience To Utterly Vanish Consciousness While Still Alive´ //`PSF & Alchemy (20th Anniversary Live)´  

`Going Round In Serpentines´  

`The Quality Of Something Audible´  

`Before The Libretto´  

`Hex: Or Printing In The Infernal Method´  

`Electric Violence´  

`Sanhedolin´ // `Tokyo Flashback 5´  

`Sihl´  

`Arche-Lymb´  

`L’après, l’(a)-Dieu (40mt, under)´  

`The Ape Of Naples´  

`Contrappunti´ // `Cantina Tapes´  

`Februar´  

`Fugues´ // `Broken Wings Lead Arms To The Sun´  

`... A Gift for ... (°!°)´  

`Valve Division´ // `Piano Solo´  

`Common Chord´  

`Bias’  

`Paesaggi di Libero Ascolto´  

`Kaikkeuden Kauneus Ja Kasittamattomyys´ // `Sateenkaarisuudelma´  

`Punctum Contra Punctum´  

`Demons from Nipples´  

`A Strange Day´  

`L’île re-sonante´ // `Elemental II´  

`Key on a tongue´ // `Con le dovute eccezioni (la tregua reggerà)´ // `Zeno´  

`A-A:Alpha.Beta_Errata Corrige´ // `Circostanze (Tribute to Phill Niblock)´  

`1981´ // `Pop Ambient 2006´  

`Lantern´  

`Out To Lunch´  

`First Thus´ // `Architectures On Air And Other Works´  

`I.K.K. - Purpur´  

`Kainkwatett´ // `Seumsund / Sundseum´ // `Spare Parts & The Ideology Toolkit´  

`Oninneembaar´  

`Spoil, Microbe´ // `First Cut´  

`Manuale audiofonico sull’assenza di senno´ // `Il Duo Azure´ // `Live at Barcone – Torino – 16.10.2004´  

`Fuck Work´  

`The Day´  

`Queezy Epiphany Coming Through The Wall´ // `Stop Touching My Cat´ // `Wrong Faced Cat Feed Collapse´  

`When The Detail Lost Its Freedom´  

`Scatole Sonore (5 Gennaio 2006)´ // `Scatole Sonore (2 Febbraio 2006)´  

`Duo…´ // `Rocca´  

`Night Life´  

`Urueña´  

`Armonica´  

`Prontuario per giovani foglie´  

`The Garden Of Brokenness´  

`Tóg é go Bog é´ // `Here Comes The Bear´  

`Comes To Your House´  

`The Album´  

`It’s Morning´  

`Bipolar / Wring the Wrist´  

`Laze biose´  

`In My Father's House Are Many Mansions´  

`Dead Drunk´  

`A Thousand Incidents Arise´  

`Drones For Diasporas´  

`Hang Over Sunday´  

`Blueprint´  

`Piano Improvisations´ // `Solo Piano´  

`Ochre Land, Blue Blue Skies´ // `Misenlian´ // `Cloud´  

`Anaananaan´  

`Blog On Rimbaud´ // `Standard And Normal´  

`Bending The Tonic´  

`Colour Green´  

`Fair & Square´  

`Helping Hand´  

`Squarehorse´  

`Saw Mill Man´  

`The Complete Guide to Insufficiency´  

`Backyard Vol. 2´  

`Five Feet From Home´  

`Not Alone´  

`The Amateur Hermetic´ // `Product 06´ // `Untitled # 164´ // `The Air In The Sand´  

`Scatole Sonore (2 Marzo 2006)´ // `Scatole Sonore (6 Aprile 2006)´  

`The Return Of The 120 Magicians´  

`Comaneci´  

`The Men Album´  

`Ancora Saigon´  

`Bird Heart in Wool´  

`Clark´  

`Plans Drawn in Pencil´  

`The traditions of the past cannot be retrieved´  

`Naisnice´  

`Sixpériodes´  

`A Personal Account Of Conflict´  

`Inside A Moving Machine´  

`Roots and Fruits´  

`Introduction´ // `Live in Paris´  

`Preghiera per una stella´ // `Gravescapes´ // `Will You Please Be Quiet, Please?´  

`The House of Mourning´  

`Miastenia´  

`L'Orfeo Concluso´  

`April’s Fool´  

`Splintered´  

`Tagliare´  

`Annihilate This Week´ // `Red Room´ // `Figure 2´  

`I’m ep here´  

`The Even Times´  

`Wordless´  

`Songs and Sounds´  

`The Monkeys in The Zoo Have More Fun Than Me´  

`Un an´  

`Timing the 183k pulse: Eleven Intuitive Act on a Defined Vamp´  

`Baptism & Birthday´  

`Hidden Or Just Gone´  

`Homeogryllus Japonicus Orchestra 2004´  

`Å´  

`Dataplex´ // `Fflux´  

`Vedo Beat´  

`Trapping´  

`In the Morning Twilight´  

`Acoustic & Semiacoustic´  

`Check Point Charlie 2005´  

`Raus Aus Stavanger´  

`A Post-Fordist Parade In The Strike Of Events´  

`The Topography Of The Lungs´  

`Flux Compendium´ // `Gauticle´  

`The animation of lists and the archytan transpositions´ // `Gestaltsystem 0 :: Possible forms´  

`Hito´ // `Kusa´  

`Martedì 11 Luglio 2006 @ Auditorium di Roma´  

`Intervista´  

`Secousses Panoramiques´ // `Air.ratio´  

`The Red Tower´  

`Eclipse´  

`Incidental Amplifications´  

`Animamima´  

`Dub Ainu Deluxe´  

`Heartworn Highways´  

`Out´  

`Quatre tonalités pour enceintes urbaines´ // `Chloral Works I & II´  

`JJJ´  

`Black Ships ate the Sky´  

`Queries´  

`End Of Summer´ //`Gliding Clerks´ // `Oleo Strut´ // `Polvere´  

`Process´  

`The Sea Looks Green When The Sky Is Grey´  

`Don't Remember´  

`Glissandro 70´  

`L’écurie´ // `Satanische Vrede´  

`Metaprogramming From Within The Eye Of The Storm´ // `Gelbe Tupfen´  

`Necklace´  

`Improvised music for Imaginary Films´  

`Sauna: Um, Dois, Três´  

`Fades´  

`L’addimmuru´ // `Teufeltanzmasken´  

`Switch Parmenide´  

`Artefacts´  

`A Low Carbonation´  

`Lengvai / 60 x One Minute Audio Colours Of 2kHz Sound´  

`Ku´  

`Memory Like Water´  

`Archaea´  

`I Hope You are well, I am and I send you my fingers´  

`Plays Polmo Polpo´  

`Giuseppe Ielasi´  

`Memory Makes Noise´  

`Airre´ // `In A Persian Market´ // `The Consumer CD´ // `Das Duz Dae Duz Das´  

`Hundloka, Flockblomstriga 1´  

`Kokoro Mayikibo´  

`Rectal Exploration´  

`Episome´  

`Pink´  

`Thrtysxtrllnmnfstns´  

`Un Mondo in Me´  

`The Empty Space´  

`The Clearing´  

`Between Neck & Stomach´