`Spring Estuary´

Autore disco:

Koji Asano

Etichetta:

Solstice (J)

Link:

www.kojiasano.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2005

Titoli:

1)Spring Estuary I 2) Spring Estuary II 3) Spring Estuary III 4) Spring Estuary IV

Durata:

48:08

Con:

Koji Asano

La musica ambient alla maniera di Koji Asano

x sergio eletto

Koji Asano è un giovane e brillante compositore, da tempo ardente estimatore del viaggio: Asano ha mosso le proprie radici dal Giappone abbastanza presto, girando e trattenendosi in diverse città importanti del vecchio continente, tra le quali Londra e Barcellona, dove il musicista sembra risiedere tutt’ora.
Koji è un’artista che racchiude l’autentica espressione del musicista ‘tutto fare’, dalle belle speranze, che non demorde mai e si ostina a pubblicare dischi affannosamente. Un ritmo produttivo vivace e sostanzioso che lo ha visto con tutte le forze impegnato nel licenziare, attraverso il ‘modico’ arco di tempo, compreso tra il 1999 e l’anno in corso, la titanica cifra di 39 album.
Tutti quanti i dischi, ricordiamo, rigorosamente auto-prodotti mediante la creazione-gestione della personale etichetta, Solstice; con la quale sono stati licenziati supporti ben curati ed eleganti nell’aspetto, in cui le copertine ritraggono affascinanti e colorati aspetti naturali(stici), come i primi piani dedicati a differenti specie di fiori, fotografate dallo stesso Koji, che simbolizzano il lato zen e mistico dell’autore.
. La decisione di battezzare l’arte sonora di Asano ‘vasta’ si spiega nell’abito indossato da ‘multi strumentista’ e da ‘multi sperimentatore’, provvisto di uno sguardo aperto a 360°, che lo porta a direzionarsi verso più percorsi: ogni album sembra seguire un tema, o meglio una sperimentazione precisa, sia essa acustica o elettro-acustica, sia essa di pura elettronica o a base di soli field recordings…
Questo fatto, però, non sembra rappresenti per forza di cose un bene e difatti non ricordo proprio con tanto entusiasmo le tre uscite incrociate di qualche anno fa che me lo fecero conoscere: “The Giant Squid”, “Wind Gauge” e “Zoo Telepathy”, equilibrate tra frastornanti esperimenti noise con un violino e discorsi più calmi di matrice ambient.
Anche il lavoro che andiamo a presentare alla bisogna, “Spring Estuary”, si edifica sopra movimentazioni di stampo ambient(ale), una scrittura sentitamente malinconica accompagna costantemente la mano del giapponese, durante la stesura del lavoro: il cd è composto da una sola suite dalla durata medio-lunga, divisa in quattro segmenti (o sentieri) dall’anima diversa e che, naturalmente, prendono il nome dal titolo che battezza il lavoro. I primi tre brani scorrono mediante tempi piuttosto brevi, mentre l’ultimo atto si espande, come un ventaglio in piena apertura, sopra spazi (iper)dilatati che sfiorano la mezz’ora abbondante.
Dalle armonie reiterate e dall’anima dissolta figura la prima parte, in cui lo spirito si identifica al meglio con le tristi melodie di un William Basinski. Il secondo episodio si avvicina con più vigore a richiami oscuri, vicini per estetica all’ambient isolazionista e glaciale di Main e Biosphere, ma dirige in parallelo anche maggior attenzione ai campionamenti esterni: il rumore di un piano che suona in lontananza e si contrasta con i drones circolari suonati in ‘primo piano’. Ancor più stridente è la terza strada optata che segna l’ingresso di un violoncello, o meglio ancora dell’eco distorto ricavato dalle corde, accarezzate con asperità da un archetto. Di sicuro il suono obliquo (e non poco fastidioso) del violoncello elettrificato risulta tra i momenti meno interessanti e più grezzi di tutto il lavoro. Più incorporeo e mistico il lungo corridoio posto in chiusura, dove un prolungato fruscio di suoni desertici cammina diritto per la sua strada, facendosi accompagnare da lievi e intermittenti sottili rintocchi di qualche oscuro strumento.
L’ultimo assaggio è quello ideale per conoscere da vicino la migliore verve musicale di Asano, ossia in cui senza troppe pretese, attraverso l’amata ambient, formula materiale semplice e piacevolmente orecchiabile.
Ricapitolando, ad ascolto terminato captiamo, seppur le note non lo chiariscano bene, che il violoncello ed il pianoforte sono i due strumenti che donano maggiore ispirazione e presenza ‘fisica’ a tutto il tragitto.
Asano sembra voler continuare a donare risalto in ogni suo lavoro, attraverso la manipolazione elettronica / elettro-elettronica, ad uno o a più strumenti acustici.
Egli ha scritto di continuo opere dando l’idea di paragonare la composizione ad una costruzione intercambiale, dove i pezzi vanno spostati per scoprire e sperimentare sempre nuove geometrie del suono: si è cimentato con partiture per piano, quartetti d’archi, gruppi di solo chitarre o di soli computers, ha ideato composizioni per danza e scritto colonne sonore per film e video-art.
A privilegiare in questo caso è l’elettronica, le diverse funzionalità che può intraprendere come strato di suono esteso, trasparente e sempre presente, ma soprattutto come filtro indispensabile per donare nuova linfa (e suono) a dei precisi strumenti.
Di sicuro controverso, il suono designato da Koji può farsi amare ed odiare allo stesso tempo, può provocare in un unico percorso emozioni altalenanti, può farti rilassare oppure farti irritare, ma sicuramente non può non affascinare la grazia con cui questo artista crea e propone un mondo autenticamente suo.
In bocca al lupo, Koji…


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 24/1/2006
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2006 ...

`v3´  

`Looping I-VI (and other assorted love songs)´  

`Singles. Period.´  

`Exkursion´  

`Triste´  

`Conceal´  

`Lumottu Karkkipurkki´ // `Kellari Juniversumi (reprint)’  

`Status´  

`Crown Of Marches´ // `Horse Frenzy´  

`Ridin' The Stang´  

`Folk Roots, New Routes´ // `Folk, Blues & Beyond…´ // `Rock On´  

`Axel Dörner & Robin Hayward´ // `Activity Center & Phil Minton´  

`Soundtrack Stories´  

`Dishoek´  

`HHHH´  

`7 Million´  

`Voice In The Wilderness: Dissenting Soundscapes And Songs Of G. W.’s America´  

`The Way Of The Animal Powers´ // `Growing & Mark Evan Burden´  

`Vol 4´ // `Greatest Hits´ // `Fear The Windows´  

`Nomis´  

`Big Ears – Fitzgerald’s Manifesto´  

`Small Explosions that are yours to keep´ // `Norden´  

`Musica onirica per film immaginari´  

`Longitude / Cratere´  

`Myrninerest´  

`Uchu Ni Karamitsuiteiru Waga Itami´ // `Global Ancient Atmosphere´ // `Venerdì 30 Settembre 2005 – Teatro Ariosto´  

`L’Ange´  

`Frame´  

`Oggi ho indossato la tua mancanza´  

`Essence of 3EEM´  

`Pneuma´ // `Solo Voce´ // `Songs To Cry By For The Golden Age Of Nothing´  

`AnteNata´  

`Steppers+´  

`Flowers You Can Eat´  

`Werthmuller´ // `Hypermagic Mountain´  

`Spring Estuary´  

`Le baptême de la solitude´ // `Free For(m) Rimbaud´ // `Platessa´  

`Lay Your Soul Bare´  

`Dalbukki´ // `White Room´  

`The Anabaptist Loop´  

`Psicopatologia del Serial Killer´  

`Before and After Dinner´  

`Healing Memories And Other Scattering Times´ // `Invisible Pyramid: Elegy Box´  

`Filament Box´  

`Angles Of Repose´ // `The Eleventh Hour´  

`Blackwhitemusic´  

`Osci´  

`Krško - Valencia´  

`Pelt´ // `Catonapotato´ // `The Naive Shaman´  

`[mezza luna piena]´  

`Kiss the light goodbye´  

`Uncolored (swing'n'pop around rose)´  

`Just Before Dawn´  

`A M.B. Iehn Tale´  

`A Year Of The Aural Gauge Operation´  

`Emerald Stars´  

`The Unsaid Words´  

`A Delay Is Better´ // `Skymother Mountain´  

`Instorments´  

`III´  

`Baggerboot´  

`Farewell Aldebaran´  

`Aube Reworks Stefano Gentile´  

`Every Still Day´  

`Essays On Radio: Can I Have 2 Minutes Of Your Time´  

`Automatic Guerrini´ // `Unclocked´  

`Rex Xhu Ping´  

`Somelove´  

`Memento Rumori´  

`Rhythmajik´  

`Pour un pianiste (1973 – 1974)´  

`Simulando un Refugio´  

`Kill The Vultures´  

`B-interrail´  

`Trans-Sister Radio´  

`Swimming In It´  

`Echran´  

`Wander (Beequeen)´  

`The Tail Of The Tiger´  

`Dark Skies At Noon´  

`Scatole Sonore – 1 dicembre 2005´ // `Scatole Sonore – 5 gennaio 2006´  

`Paquet Surprise´  

`Dis_Patched´  

`For birds, planes & cello (a continuous field recording with cello)´  

`Everyone Alive Wants Answers´  

`Uotha´  

`Mini Dakedo Demo Album´  

`Sisyphus´  

`White Rooms´  

`Resonant Objects´  

`Very Rec´ // `This is Stunt Rock Vol. 3´  

`The Circle Is Not Round´  

`Tapestries´  

`Rebuilding Pantaleone’s Tree´  

`The Golden Morning Breaks´  

`Reveal'd To None As Yet - An Expedience To Utterly Vanish Consciousness While Still Alive´ //`PSF & Alchemy (20th Anniversary Live)´  

`Going Round In Serpentines´  

`The Quality Of Something Audible´  

`Before The Libretto´  

`Hex: Or Printing In The Infernal Method´  

`Electric Violence´  

`Sanhedolin´ // `Tokyo Flashback 5´  

`Sihl´  

`Arche-Lymb´  

`L’après, l’(a)-Dieu (40mt, under)´  

`The Ape Of Naples´  

`Contrappunti´ // `Cantina Tapes´  

`Februar´  

`Fugues´ // `Broken Wings Lead Arms To The Sun´  

`... A Gift for ... (°!°)´  

`Valve Division´ // `Piano Solo´  

`Common Chord´  

`Bias’  

`Paesaggi di Libero Ascolto´  

`Kaikkeuden Kauneus Ja Kasittamattomyys´ // `Sateenkaarisuudelma´  

`Punctum Contra Punctum´  

`Demons from Nipples´  

`A Strange Day´  

`L’île re-sonante´ // `Elemental II´  

`Key on a tongue´ // `Con le dovute eccezioni (la tregua reggerà)´ // `Zeno´  

`A-A:Alpha.Beta_Errata Corrige´ // `Circostanze (Tribute to Phill Niblock)´  

`1981´ // `Pop Ambient 2006´  

`Lantern´  

`Out To Lunch´  

`First Thus´ // `Architectures On Air And Other Works´  

`I.K.K. - Purpur´  

`Kainkwatett´ // `Seumsund / Sundseum´ // `Spare Parts & The Ideology Toolkit´  

`Oninneembaar´  

`Spoil, Microbe´ // `First Cut´  

`Manuale audiofonico sull’assenza di senno´ // `Il Duo Azure´ // `Live at Barcone – Torino – 16.10.2004´  

`Fuck Work´  

`The Day´  

`Queezy Epiphany Coming Through The Wall´ // `Stop Touching My Cat´ // `Wrong Faced Cat Feed Collapse´  

`When The Detail Lost Its Freedom´  

`Scatole Sonore (5 Gennaio 2006)´ // `Scatole Sonore (2 Febbraio 2006)´  

`Duo…´ // `Rocca´  

`Night Life´  

`Urueña´  

`Armonica´  

`Prontuario per giovani foglie´  

`The Garden Of Brokenness´  

`Tóg é go Bog é´ // `Here Comes The Bear´  

`Comes To Your House´  

`The Album´  

`It’s Morning´  

`Bipolar / Wring the Wrist´  

`Laze biose´  

`In My Father's House Are Many Mansions´  

`Dead Drunk´  

`A Thousand Incidents Arise´  

`Drones For Diasporas´  

`Hang Over Sunday´  

`Blueprint´  

`Piano Improvisations´ // `Solo Piano´  

`Ochre Land, Blue Blue Skies´ // `Misenlian´ // `Cloud´  

`Anaananaan´  

`Blog On Rimbaud´ // `Standard And Normal´  

`Bending The Tonic´  

`Colour Green´  

`Fair & Square´  

`Helping Hand´  

`Squarehorse´  

`Saw Mill Man´  

`The Complete Guide to Insufficiency´  

`Backyard Vol. 2´  

`Five Feet From Home´  

`Not Alone´  

`The Amateur Hermetic´ // `Product 06´ // `Untitled # 164´ // `The Air In The Sand´  

`Scatole Sonore (2 Marzo 2006)´ // `Scatole Sonore (6 Aprile 2006)´  

`The Return Of The 120 Magicians´  

`Comaneci´  

`The Men Album´  

`Ancora Saigon´  

`Bird Heart in Wool´  

`Clark´  

`Plans Drawn in Pencil´  

`The traditions of the past cannot be retrieved´  

`Naisnice´  

`Sixpériodes´  

`A Personal Account Of Conflict´  

`Inside A Moving Machine´  

`Roots and Fruits´  

`Introduction´ // `Live in Paris´  

`Preghiera per una stella´ // `Gravescapes´ // `Will You Please Be Quiet, Please?´  

`The House of Mourning´  

`Miastenia´  

`L'Orfeo Concluso´  

`April’s Fool´  

`Splintered´  

`Tagliare´  

`Annihilate This Week´ // `Red Room´ // `Figure 2´  

`I’m ep here´  

`The Even Times´  

`Wordless´  

`Songs and Sounds´  

`The Monkeys in The Zoo Have More Fun Than Me´  

`Un an´  

`Timing the 183k pulse: Eleven Intuitive Act on a Defined Vamp´  

`Baptism & Birthday´  

`Hidden Or Just Gone´  

`Homeogryllus Japonicus Orchestra 2004´  

`Å´  

`Dataplex´ // `Fflux´  

`Vedo Beat´  

`Trapping´  

`In the Morning Twilight´  

`Acoustic & Semiacoustic´  

`Check Point Charlie 2005´  

`Raus Aus Stavanger´  

`A Post-Fordist Parade In The Strike Of Events´  

`The Topography Of The Lungs´  

`Flux Compendium´ // `Gauticle´  

`The animation of lists and the archytan transpositions´ // `Gestaltsystem 0 :: Possible forms´  

`Hito´ // `Kusa´  

`Martedì 11 Luglio 2006 @ Auditorium di Roma´  

`Intervista´  

`Secousses Panoramiques´ // `Air.ratio´  

`The Red Tower´  

`Eclipse´  

`Incidental Amplifications´  

`Animamima´  

`Dub Ainu Deluxe´  

`Heartworn Highways´  

`Out´  

`Quatre tonalités pour enceintes urbaines´ // `Chloral Works I & II´  

`JJJ´  

`Black Ships ate the Sky´  

`Queries´  

`End Of Summer´ //`Gliding Clerks´ // `Oleo Strut´ // `Polvere´  

`Process´  

`The Sea Looks Green When The Sky Is Grey´  

`Don't Remember´  

`Glissandro 70´  

`L’écurie´ // `Satanische Vrede´  

`Metaprogramming From Within The Eye Of The Storm´ // `Gelbe Tupfen´  

`Necklace´  

`Improvised music for Imaginary Films´  

`Sauna: Um, Dois, Três´  

`Fades´  

`L’addimmuru´ // `Teufeltanzmasken´  

`Switch Parmenide´  

`Artefacts´  

`A Low Carbonation´  

`Lengvai / 60 x One Minute Audio Colours Of 2kHz Sound´  

`Ku´  

`Memory Like Water´  

`Archaea´  

`I Hope You are well, I am and I send you my fingers´  

`Plays Polmo Polpo´  

`Giuseppe Ielasi´  

`Memory Makes Noise´  

`Airre´ // `In A Persian Market´ // `The Consumer CD´ // `Das Duz Dae Duz Das´  

`Hundloka, Flockblomstriga 1´  

`Kokoro Mayikibo´  

`Rectal Exploration´  

`Episome´  

`Pink´  

`Thrtysxtrllnmnfstns´  

`Un Mondo in Me´  

`The Empty Space´  

`The Clearing´  

`Between Neck & Stomach´