`Memory Makes Noise´

Autore disco:

Gianluca Becuzzi [Kinetix]

Etichetta:

Small Voices (I)

Link:

www.smallvoices.it

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2006

Titoli:

1-3) senza titolo

Durata:

59:59

Con:

Gianluca Becuzzi

il passaggio dall'antimateria alla materia

x Salvatore Borrelli

Accade che mentre indichiamo la presenza di una realtà a noi parallela, istantaneamente, questa indicazione ci preserva un orizzonte contemporaneamente parallelo, che è il fondo, un background materico, ossuto e deragliante, che la raffigurazione classica c'invita a chiamare "prospettiva", ma che una teoria della costellazioni chiamerebbe "buco nero", e che consiste nello sfondo, nel "retro" di ciò che appare agli occhi chiaramente. La manifestazione di questo "fondo", di questa prospettiva binaria dell'oggetto, la metafisica delle declinazioni nostalgiche la chiama "memoria"; è questa memoria che Gianluca Becuzzi qui ricuce con filo, aghi neurali e sinestetica precisione, dietro agli oggetti che mette in primo piano, che apparirebbero chiari ai suoi occhi ed ai nostri occhi, mette in funzione dei rimandi neri che io vedo somigliare ad un tramonto tarkovskijiano, che non è solo un tramonto ma pure un insieme di cose dentro questo tramonto: vento che sfiora alberi, piani sequenza che si muovono ma con l'anoressia del movimento, luoghi sfocati in lontananza che se apparissero chiari bucherebbero logicamente ogni preambolo di visibilità. Bergson in una delle più mirabili pagine sull'evoluzione creatrice, osservava come la memoria indicando la dissociazione e la distinzione di fronte alla ri-presa dell'evento, non registrerà l'attuale, ma si rappresenterà pure tutti i segni dello stadico come un contrasto e quindi un cambiamento, come un contrasto tra ciò che è stato e ciò che è. "Memory makes noise" per Gianluca rappresenta una pesantissima trasformazione, quasi una dislocazione comportamentale, tra Kinetix, ed il nome dell'autore che ora appare in primo piano, come se quasi questo passaggio, fosse l'incipt del lascito di una sigla, e contemporaneamente una precisa volontà di umanizzare il suo suono, implicando dentro la musica la materiail ricordo la memoria, ma più particolarmente, l'ascoltatore che lui stesso è, e dunque i suoi gusti personali, i suoi omaggi che vanno dalla concreta alla dronica tumefatta. E quindi ritorna sui suoi luoghi, sulla scena del cambiamento come in Bergson, rielabora frammenti di dischi altrui, senza nemmeno preoccuparsi di liquefarli perché, e questo è il punto forte del disco, il tempo crea rumore, sovrapposizioni ed i suoni qui convivono insieme al resto. Se nei lavori precedenti la differenza era data dal cambiamento della serie in continuità ripetitiva, qui il cambiamento rispetto al campione, e rispetto alla riconoscibilità del campione, non è dato dal processing (Becuzzi utilizza solo pochi filtri a quanto pare) ma dall’assembramento di un campione sull’altro, dalla continuità e dalla persistenza in cui i campioni si mantengono in uno spazio memoriale che li fa restare in parte sullo sfondo, e quindi in quel buco nero di cui si parlava all’inizio, in parte sul particolare dettaglio della vicinanza, che non è altro che una nuova memoria, una nuova visione della memoria. Il lavoro sonoro di Kinetix, come più di una volta mi sono trovato a dire, passava inevitabilmente dentro le maglie di un passatismo sonoro, a volte revisionista, altre volte commosso ed intrigante, che ricoglieva, sempre in una dimensione personale ma pericolosamente oltretempo, una serie di stigmate di portamento ikediano; era un lavoro simmetricamente intatto, organizzante, ma tuttavia rischiava, e questo sempre con molta volontà dietro, di presentarsi come una macchina in corso, come un potente meccanismo di vibrazioni ideografiche. "Memory makes noise" l'unica cosa che mantiene del precedente percorso di Kinetix è l'uso dell'interruzione, ovvero questi stacchi dati da un motivo e l'altro di noise, all'interno della composizione, stacchi di pochi secondi che è come se tagliassero radicalmente il lavoro in atto, e ne presentassero accanto un altro. L'uso del rumore bianco, come motivo di montaggio, è sempre stato un espediente di Kinetix, ma qui, in questo disco, il valore del "noise" ricompre una doppia semantica: da un lato serve all'avviamento della variazione, dall'altro ripercorre il meccanismo della memoria che crea noise, e che quindi si staglia improvvisamente su un altro piano in corso, avvitando i piani. Le tre lunghe composizioni, che simbolicamente si mantengono dentro l'ora, senza raggiungerla, si sgrovigliano dietro ombratili fragranze, intense, selvagge, a volte audacemente lopezziane. Mentre in Kinetix emergeva un resoconto matematico, intellettivo, freddo qui le cose si complicano, perché le masse sonore restano fluttuanti come in una giungla di smeraldi a rifrangersi e trovano luce non dalla riflessione del sole ma dal riflettersi vicendevolmente in giochi ai limiti dello slittamento. Si tratta di un lavoro che mi ricorda molto da vicino quello del compositore Paul Panhuysen, e particolarmente "Lost for words", per questa funzione cumulante e scintillante del mantenere nella risonanza gran parte dell'effetto percettivo e del lavorio sensibile. E questi flussi, poi, quando sono troppo intrappolati, negativi, o dolenti, si accostano ad una mistica operistica, un'effetto a volte celestiale che può ricordare il Basinski più fisico e meno computeristico. "Memory makes noise" è un disco molto completo: mantiene dentro di sé la totalità, il caos, ma soprattutto è un lavoro sensibile, emotivo, profondamente astratto e poetico. Un disco fondamentale.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 17/12/2006
  Torna al Menù Principale
 Archivio dell'anno 2006 ...

`v3´  

`Looping I-VI (and other assorted love songs)´  

`Singles. Period.´  

`Exkursion´  

`Triste´  

`Conceal´  

`Lumottu Karkkipurkki´ // `Kellari Juniversumi (reprint)’  

`Status´  

`Crown Of Marches´ // `Horse Frenzy´  

`Ridin' The Stang´  

`Folk Roots, New Routes´ // `Folk, Blues & Beyond…´ // `Rock On´  

`Axel Dörner & Robin Hayward´ // `Activity Center & Phil Minton´  

`Soundtrack Stories´  

`Dishoek´  

`HHHH´  

`7 Million´  

`Voice In The Wilderness: Dissenting Soundscapes And Songs Of G. W.’s America´  

`The Way Of The Animal Powers´ // `Growing & Mark Evan Burden´  

`Vol 4´ // `Greatest Hits´ // `Fear The Windows´  

`Nomis´  

`Big Ears – Fitzgerald’s Manifesto´  

`Small Explosions that are yours to keep´ // `Norden´  

`Musica onirica per film immaginari´  

`Longitude / Cratere´  

`Myrninerest´  

`Uchu Ni Karamitsuiteiru Waga Itami´ // `Global Ancient Atmosphere´ // `Venerdì 30 Settembre 2005 – Teatro Ariosto´  

`L’Ange´  

`Frame´  

`Oggi ho indossato la tua mancanza´  

`Essence of 3EEM´  

`Pneuma´ // `Solo Voce´ // `Songs To Cry By For The Golden Age Of Nothing´  

`AnteNata´  

`Steppers+´  

`Flowers You Can Eat´  

`Werthmuller´ // `Hypermagic Mountain´  

`Spring Estuary´  

`Le baptême de la solitude´ // `Free For(m) Rimbaud´ // `Platessa´  

`Lay Your Soul Bare´  

`Dalbukki´ // `White Room´  

`The Anabaptist Loop´  

`Psicopatologia del Serial Killer´  

`Before and After Dinner´  

`Healing Memories And Other Scattering Times´ // `Invisible Pyramid: Elegy Box´  

`Filament Box´  

`Angles Of Repose´ // `The Eleventh Hour´  

`Blackwhitemusic´  

`Osci´  

`Krško - Valencia´  

`Pelt´ // `Catonapotato´ // `The Naive Shaman´  

`[mezza luna piena]´  

`Kiss the light goodbye´  

`Uncolored (swing'n'pop around rose)´  

`Just Before Dawn´  

`A M.B. Iehn Tale´  

`A Year Of The Aural Gauge Operation´  

`Emerald Stars´  

`The Unsaid Words´  

`A Delay Is Better´ // `Skymother Mountain´  

`Instorments´  

`III´  

`Baggerboot´  

`Farewell Aldebaran´  

`Aube Reworks Stefano Gentile´  

`Every Still Day´  

`Essays On Radio: Can I Have 2 Minutes Of Your Time´  

`Automatic Guerrini´ // `Unclocked´  

`Rex Xhu Ping´  

`Somelove´  

`Memento Rumori´  

`Rhythmajik´  

`Pour un pianiste (1973 – 1974)´  

`Simulando un Refugio´  

`Kill The Vultures´  

`B-interrail´  

`Trans-Sister Radio´  

`Swimming In It´  

`Echran´  

`Wander (Beequeen)´  

`The Tail Of The Tiger´  

`Dark Skies At Noon´  

`Scatole Sonore – 1 dicembre 2005´ // `Scatole Sonore – 5 gennaio 2006´  

`Paquet Surprise´  

`Dis_Patched´  

`For birds, planes & cello (a continuous field recording with cello)´  

`Everyone Alive Wants Answers´  

`Uotha´  

`Mini Dakedo Demo Album´  

`Sisyphus´  

`White Rooms´  

`Resonant Objects´  

`Very Rec´ // `This is Stunt Rock Vol. 3´  

`The Circle Is Not Round´  

`Tapestries´  

`Rebuilding Pantaleone’s Tree´  

`The Golden Morning Breaks´  

`Reveal'd To None As Yet - An Expedience To Utterly Vanish Consciousness While Still Alive´ //`PSF & Alchemy (20th Anniversary Live)´  

`Going Round In Serpentines´  

`The Quality Of Something Audible´  

`Before The Libretto´  

`Hex: Or Printing In The Infernal Method´  

`Electric Violence´  

`Sanhedolin´ // `Tokyo Flashback 5´  

`Sihl´  

`Arche-Lymb´  

`L’après, l’(a)-Dieu (40mt, under)´  

`The Ape Of Naples´  

`Contrappunti´ // `Cantina Tapes´  

`Februar´  

`Fugues´ // `Broken Wings Lead Arms To The Sun´  

`... A Gift for ... (°!°)´  

`Valve Division´ // `Piano Solo´  

`Common Chord´  

`Bias’  

`Paesaggi di Libero Ascolto´  

`Kaikkeuden Kauneus Ja Kasittamattomyys´ // `Sateenkaarisuudelma´  

`Punctum Contra Punctum´  

`Demons from Nipples´  

`A Strange Day´  

`L’île re-sonante´ // `Elemental II´  

`Key on a tongue´ // `Con le dovute eccezioni (la tregua reggerà)´ // `Zeno´  

`A-A:Alpha.Beta_Errata Corrige´ // `Circostanze (Tribute to Phill Niblock)´  

`1981´ // `Pop Ambient 2006´  

`Lantern´  

`Out To Lunch´  

`First Thus´ // `Architectures On Air And Other Works´  

`I.K.K. - Purpur´  

`Kainkwatett´ // `Seumsund / Sundseum´ // `Spare Parts & The Ideology Toolkit´  

`Oninneembaar´  

`Spoil, Microbe´ // `First Cut´  

`Manuale audiofonico sull’assenza di senno´ // `Il Duo Azure´ // `Live at Barcone – Torino – 16.10.2004´  

`Fuck Work´  

`The Day´  

`Queezy Epiphany Coming Through The Wall´ // `Stop Touching My Cat´ // `Wrong Faced Cat Feed Collapse´  

`When The Detail Lost Its Freedom´  

`Scatole Sonore (5 Gennaio 2006)´ // `Scatole Sonore (2 Febbraio 2006)´  

`Duo…´ // `Rocca´  

`Night Life´  

`Urueña´  

`Armonica´  

`Prontuario per giovani foglie´  

`The Garden Of Brokenness´  

`Tóg é go Bog é´ // `Here Comes The Bear´  

`Comes To Your House´  

`The Album´  

`It’s Morning´  

`Bipolar / Wring the Wrist´  

`Laze biose´  

`In My Father's House Are Many Mansions´  

`Dead Drunk´  

`A Thousand Incidents Arise´  

`Drones For Diasporas´  

`Hang Over Sunday´  

`Blueprint´  

`Piano Improvisations´ // `Solo Piano´  

`Ochre Land, Blue Blue Skies´ // `Misenlian´ // `Cloud´  

`Anaananaan´  

`Blog On Rimbaud´ // `Standard And Normal´  

`Bending The Tonic´  

`Colour Green´  

`Fair & Square´  

`Helping Hand´  

`Squarehorse´  

`Saw Mill Man´  

`The Complete Guide to Insufficiency´  

`Backyard Vol. 2´  

`Five Feet From Home´  

`Not Alone´  

`The Amateur Hermetic´ // `Product 06´ // `Untitled # 164´ // `The Air In The Sand´  

`Scatole Sonore (2 Marzo 2006)´ // `Scatole Sonore (6 Aprile 2006)´  

`The Return Of The 120 Magicians´  

`Comaneci´  

`The Men Album´  

`Ancora Saigon´  

`Bird Heart in Wool´  

`Clark´  

`Plans Drawn in Pencil´  

`The traditions of the past cannot be retrieved´  

`Naisnice´  

`Sixpériodes´  

`A Personal Account Of Conflict´  

`Inside A Moving Machine´  

`Roots and Fruits´  

`Introduction´ // `Live in Paris´  

`Preghiera per una stella´ // `Gravescapes´ // `Will You Please Be Quiet, Please?´  

`The House of Mourning´  

`Miastenia´  

`L'Orfeo Concluso´  

`April’s Fool´  

`Splintered´  

`Tagliare´  

`Annihilate This Week´ // `Red Room´ // `Figure 2´  

`I’m ep here´  

`The Even Times´  

`Wordless´  

`Songs and Sounds´  

`The Monkeys in The Zoo Have More Fun Than Me´  

`Un an´  

`Timing the 183k pulse: Eleven Intuitive Act on a Defined Vamp´  

`Baptism & Birthday´  

`Hidden Or Just Gone´  

`Homeogryllus Japonicus Orchestra 2004´  

`Å´  

`Dataplex´ // `Fflux´  

`Vedo Beat´  

`Trapping´  

`In the Morning Twilight´  

`Acoustic & Semiacoustic´  

`Check Point Charlie 2005´  

`Raus Aus Stavanger´  

`A Post-Fordist Parade In The Strike Of Events´  

`The Topography Of The Lungs´  

`Flux Compendium´ // `Gauticle´  

`The animation of lists and the archytan transpositions´ // `Gestaltsystem 0 :: Possible forms´  

`Hito´ // `Kusa´  

`Martedì 11 Luglio 2006 @ Auditorium di Roma´  

`Intervista´  

`Secousses Panoramiques´ // `Air.ratio´  

`The Red Tower´  

`Eclipse´  

`Incidental Amplifications´  

`Animamima´  

`Dub Ainu Deluxe´  

`Heartworn Highways´  

`Out´  

`Quatre tonalités pour enceintes urbaines´ // `Chloral Works I & II´  

`JJJ´  

`Black Ships ate the Sky´  

`Queries´  

`End Of Summer´ //`Gliding Clerks´ // `Oleo Strut´ // `Polvere´  

`Process´  

`The Sea Looks Green When The Sky Is Grey´  

`Don't Remember´  

`Glissandro 70´  

`L’écurie´ // `Satanische Vrede´  

`Metaprogramming From Within The Eye Of The Storm´ // `Gelbe Tupfen´  

`Necklace´  

`Improvised music for Imaginary Films´  

`Sauna: Um, Dois, Três´  

`Fades´  

`L’addimmuru´ // `Teufeltanzmasken´  

`Switch Parmenide´  

`Artefacts´  

`A Low Carbonation´  

`Lengvai / 60 x One Minute Audio Colours Of 2kHz Sound´  

`Ku´  

`Memory Like Water´  

`Archaea´  

`I Hope You are well, I am and I send you my fingers´  

`Plays Polmo Polpo´  

`Giuseppe Ielasi´  

`Memory Makes Noise´  

`Airre´ // `In A Persian Market´ // `The Consumer CD´ // `Das Duz Dae Duz Das´  

`Hundloka, Flockblomstriga 1´  

`Kokoro Mayikibo´  

`Rectal Exploration´  

`Episome´  

`Pink´  

`Thrtysxtrllnmnfstns´  

`Un Mondo in Me´  

`The Empty Space´  

`The Clearing´  

`Between Neck & Stomach´