`Laze biose´

Autore disco:

Uochi Toki

Etichetta:

Burp Publications (I)

Link:

www.burpenterprise.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2005

Titoli:

1) i fonici 2) i rapporti 3) le metafore 4) i mezzi di trasporto 5) l'estetica 6) le città 7) il pezzo serio 8) i gesti di cattiveria 9) il primo semestre 10) il secondo semestre 11) i batteristi 12) le armi (aka il pezzo jam) 13) l'outro

Durata:

55:33

Con:

Rico, Genn, Dery, Napo, Drim, Borde, Fottuto Gallese, Begi-1

Un disco coraggioso

x Salvatore Borrelli

Alva Noto indossa calzini bianchi e mocassini aderenti: il bianco aderisce; filtro ideale, semantica oscena della robotica, frusta virile. I fonici dei Sailor Moon, disfunzione sincronica dell'SM-58, 414, SM-57, cardioide, C-1000, D-112. I rapporti sono un equivoco, logica dell'indiscernibile leibniziana, random gente affettata, iperboli di altri fogli non pronunciati, alterità in cui la parola dissimula, orbite longitudinali. 'Andare a letto per me significa andare a dormire', ed il motivo e l'emotivo s'incrociano, segni De Saussuriani di porte, incroci, potenziali agganci logici, insediamenti logici. Causazioni e case, caso di canzoni; ed Alva Noto è a letto, dorme: l'hip-burp non è il suo forte, benché 'è la metafora il forte'. E di apostoli, di progenie se ne fanno nel circuito dell'elettronica bianca, nel noise bianco e ricade qui, in questo nuovo Uochi Toki, disco portentosamente curato, fino all'inverosimile, meno rozzo, ma non per questo meno dolente del primo lavoro. Psicanalisi: 'Noi chi siamo, chi siamo? Siamo merda'. Stomaci 'non raviolabili', giacché 'siamo come degli atomi che compongono molecole' mentre nel sottofondo il grigliarsi parossistico di un'emulazione vocale ed il brano deve pur finire sul 'metaforizzare', e Le metafore si conclude così. Non sono Mezzi di trasporto quanto piuttosto l'eminenza che emerge dentro la voce: si tratta di un messaggio che si può riconciliare con la pronuncia, lo schiacci, l'ammanti, eppure emerge come una doppia metafore, un double blind sì osceno, numerico. Osservazioni della realtà sono Uochi Toki. Anche la copertina è una croce trasversale di Franko B. in cui geografie iniziali/iniziatiche partono come un'epigrafe continuativa: non si leggono titoli, ma è il mondo che emerge; e basta ascoltarlo. L'hip-Drop è un messaggio, talvolta ha assonanze con la 'deiezione', ovvero 'puntigli' in cui emergono metafore da 'oratorio', pensieri da ribadire. È impossibile questo rivolgimento linguistico in questa recensione che non vuole dire niente perché parte da calzini bianchi, Alva Noto è la metafora del digitale che si sgretola e la parola semmai è la metafora di un'altra parola! L'estetica non è quella che fanno in TV, tanto per piacere agli Hip-Bloggers, 'ma una ruota con quattro teste di ragazze diverse'. Incredibile questo dromedario di linguistica applicabile: non ci sono paesaggi, persone, musiche; si tratta solo di offese, in cui 'il cantore' si pone come un santuario totemico di fronte all'oltraggio della parola, la trascrive, la distrugge e getta troppa diarrea in faccia a coloro che l'ascoltano. In questo tutto il disco che stiamo ascoltando consiste in un atto di automasochismo che sta a metà tra la pratica paternalistica-declamatoria e la critica della morale (in)attiva. È musica polisemia e polemica: una serie di disastri che s'infliggono all'orecchio, e sono tutti gratuiti, e Uochi Toki ha la massima gratuità del gratuito e bisogna stroncare dischi del genere per amarli alla follia. Le città sono tutte uguali, sì copro-genia ovunque, rabbia un po' ovunque, ma si tratta di parole. È bello leggere le parole, bello sentirsele sputare in faccia, ma quanti cristalli randagi come se il tema fosse solo 'la lotta'; ma non è un romanzo di Houellebecq. A volte le storie raccontate sono belle da sentire ma bisogna costatarne l'onticità invisibile che le regge, accettarne la datità che le interrompe quando non esisteranno più a cantare. In dischi come questi l'onticità diventa la promanazione dell'individualità e questi individui devono per forza esistere come figure storiche, e quindi tutto è tutto, e l'uno è tutto. Per comprendere questa recensione bisogna ascoltare troppe volte questo disco, bisogna sputarci sopra questa recensione, perché non si possono recensire parole soprattutto quando mancano i fondamenti del sonoro. Belle parole, non c'è da dire, belle per un libro, e belle per un disco. Ed Alva Noto è nel Rem, e se bussi otto volte alla sua porta dorme ed è contento di dormire. Appare inderogabile talvolta il tributo che si versa sul sangue della musica: alcuni dischi sono epifanie, tutto quello che parte da lì è segnato a significare un luogo che parte altrove da sé: eppure i dischi vivono; basta traslare la metafora della sinergia oggettuale di Noto e trasformarla in un disco di Hip-hop deragliante come in questo caso. La musica è una cosa che nasce sempre come una metafora, volerla condensare in messaggi è operazione rischiosa, se non altro rischiosissima. È come condensare il cielo in una stanza, e le metafore sono sempre illeggibili perché puntando all'autoriferimento implodono nella diacronia del soggetto. Uochi Toki ha un'imprescindibile logica fantapolitica: è un disco che io ascolterei a 15 anni ma dovrei rinascere nuovamente ed è quindi è un bel disco che mi riporta a tutte quelle idee che diventano stirneriane mentre nel passatismo revisionistico erano marxiste. Bisogna avere coraggio a pronunciarle: non è impresa facile. Per un gruppo del genere qualsiasi recensione, qualunque testo sarebbe inesatto, inconcludente, dato che questa musica è il testo stesso: sono brevi e pungenti storie che vanno studiate, sono poesie urbane compiacenti, un po' retrò, sono asili filosofici per poppanti allo sbaraglio, ma solo 'asili' perché la grammatica aulica è altrove e se la fai 'alta' sei fuori se la fai bassa 'sei urbano'. E questa recensione è un messaggio criptato, perché si vendono troppi (pochi) dischi inutili e questo è quello utile, ma prima bisogna superare un po' i manuali scolastici, le rabbie antiche, gli inciuci adolescenziali, qualche fenomeno di ribellismo sociale. È bello il massacro che confà l'oscenità denunciata dei testi, ma è una rabbia interna; certo se fosse esterna sarebbe inumana, ma poiché è interna si ciba di qualcosa che si sfrena e si consuma dentro il linguaggio che risarcisce le sue inconcludenze. Per conoscere il nemico bisogna usare il suo linguaggio? Per descrivere il reale bisogna a forza di cose denunciarlo alla sua stregua? Per descrivere l'orrido bisogna pignorare il temibile che ci scontenta? Bel disco, molto utile quando si sceglie l'Università e si è bravi bravi cari studenti. Ai diciottenni piace; se ci aggiungi l'estetica del calzino di Noto, piace anche ai neo-avanguadisti digitali stanchi di ascoltare messaggi del terzo spazio privi di parole intriganti come queste.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 26/6/2006
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2006 ...

`v3´  

`Looping I-VI (and other assorted love songs)´  

`Singles. Period.´  

`Exkursion´  

`Triste´  

`Conceal´  

`Lumottu Karkkipurkki´ // `Kellari Juniversumi (reprint)’  

`Status´  

`Crown Of Marches´ // `Horse Frenzy´  

`Ridin' The Stang´  

`Folk Roots, New Routes´ // `Folk, Blues & Beyond…´ // `Rock On´  

`Axel Dörner & Robin Hayward´ // `Activity Center & Phil Minton´  

`Soundtrack Stories´  

`Dishoek´  

`HHHH´  

`7 Million´  

`Voice In The Wilderness: Dissenting Soundscapes And Songs Of G. W.’s America´  

`The Way Of The Animal Powers´ // `Growing & Mark Evan Burden´  

`Vol 4´ // `Greatest Hits´ // `Fear The Windows´  

`Nomis´  

`Big Ears – Fitzgerald’s Manifesto´  

`Small Explosions that are yours to keep´ // `Norden´  

`Musica onirica per film immaginari´  

`Longitude / Cratere´  

`Myrninerest´  

`Uchu Ni Karamitsuiteiru Waga Itami´ // `Global Ancient Atmosphere´ // `Venerdì 30 Settembre 2005 – Teatro Ariosto´  

`L’Ange´  

`Frame´  

`Oggi ho indossato la tua mancanza´  

`Essence of 3EEM´  

`Pneuma´ // `Solo Voce´ // `Songs To Cry By For The Golden Age Of Nothing´  

`AnteNata´  

`Steppers+´  

`Flowers You Can Eat´  

`Werthmuller´ // `Hypermagic Mountain´  

`Spring Estuary´  

`Le baptême de la solitude´ // `Free For(m) Rimbaud´ // `Platessa´  

`Lay Your Soul Bare´  

`Dalbukki´ // `White Room´  

`The Anabaptist Loop´  

`Psicopatologia del Serial Killer´  

`Before and After Dinner´  

`Healing Memories And Other Scattering Times´ // `Invisible Pyramid: Elegy Box´  

`Filament Box´  

`Angles Of Repose´ // `The Eleventh Hour´  

`Blackwhitemusic´  

`Osci´  

`Krško - Valencia´  

`Pelt´ // `Catonapotato´ // `The Naive Shaman´  

`[mezza luna piena]´  

`Kiss the light goodbye´  

`Uncolored (swing'n'pop around rose)´  

`Just Before Dawn´  

`A M.B. Iehn Tale´  

`A Year Of The Aural Gauge Operation´  

`Emerald Stars´  

`The Unsaid Words´  

`A Delay Is Better´ // `Skymother Mountain´  

`Instorments´  

`III´  

`Baggerboot´  

`Farewell Aldebaran´  

`Aube Reworks Stefano Gentile´  

`Every Still Day´  

`Essays On Radio: Can I Have 2 Minutes Of Your Time´  

`Automatic Guerrini´ // `Unclocked´  

`Rex Xhu Ping´  

`Somelove´  

`Memento Rumori´  

`Rhythmajik´  

`Pour un pianiste (1973 – 1974)´  

`Simulando un Refugio´  

`Kill The Vultures´  

`B-interrail´  

`Trans-Sister Radio´  

`Swimming In It´  

`Echran´  

`Wander (Beequeen)´  

`The Tail Of The Tiger´  

`Dark Skies At Noon´  

`Scatole Sonore – 1 dicembre 2005´ // `Scatole Sonore – 5 gennaio 2006´  

`Paquet Surprise´  

`Dis_Patched´  

`For birds, planes & cello (a continuous field recording with cello)´  

`Everyone Alive Wants Answers´  

`Uotha´  

`Mini Dakedo Demo Album´  

`Sisyphus´  

`White Rooms´  

`Resonant Objects´  

`Very Rec´ // `This is Stunt Rock Vol. 3´  

`The Circle Is Not Round´  

`Tapestries´  

`Rebuilding Pantaleone’s Tree´  

`The Golden Morning Breaks´  

`Reveal'd To None As Yet - An Expedience To Utterly Vanish Consciousness While Still Alive´ //`PSF & Alchemy (20th Anniversary Live)´  

`Going Round In Serpentines´  

`The Quality Of Something Audible´  

`Before The Libretto´  

`Hex: Or Printing In The Infernal Method´  

`Electric Violence´  

`Sanhedolin´ // `Tokyo Flashback 5´  

`Sihl´  

`Arche-Lymb´  

`L’après, l’(a)-Dieu (40mt, under)´  

`The Ape Of Naples´  

`Contrappunti´ // `Cantina Tapes´  

`Februar´  

`Fugues´ // `Broken Wings Lead Arms To The Sun´  

`... A Gift for ... (°!°)´  

`Valve Division´ // `Piano Solo´  

`Common Chord´  

`Bias’  

`Paesaggi di Libero Ascolto´  

`Kaikkeuden Kauneus Ja Kasittamattomyys´ // `Sateenkaarisuudelma´  

`Punctum Contra Punctum´  

`Demons from Nipples´  

`A Strange Day´  

`L’île re-sonante´ // `Elemental II´  

`Key on a tongue´ // `Con le dovute eccezioni (la tregua reggerà)´ // `Zeno´  

`A-A:Alpha.Beta_Errata Corrige´ // `Circostanze (Tribute to Phill Niblock)´  

`1981´ // `Pop Ambient 2006´  

`Lantern´  

`Out To Lunch´  

`First Thus´ // `Architectures On Air And Other Works´  

`I.K.K. - Purpur´  

`Kainkwatett´ // `Seumsund / Sundseum´ // `Spare Parts & The Ideology Toolkit´  

`Oninneembaar´  

`Spoil, Microbe´ // `First Cut´  

`Manuale audiofonico sull’assenza di senno´ // `Il Duo Azure´ // `Live at Barcone – Torino – 16.10.2004´  

`Fuck Work´  

`The Day´  

`Queezy Epiphany Coming Through The Wall´ // `Stop Touching My Cat´ // `Wrong Faced Cat Feed Collapse´  

`When The Detail Lost Its Freedom´  

`Scatole Sonore (5 Gennaio 2006)´ // `Scatole Sonore (2 Febbraio 2006)´  

`Duo…´ // `Rocca´  

`Night Life´  

`Urueña´  

`Armonica´  

`Prontuario per giovani foglie´  

`The Garden Of Brokenness´  

`Tóg é go Bog é´ // `Here Comes The Bear´  

`Comes To Your House´  

`The Album´  

`It’s Morning´  

`Bipolar / Wring the Wrist´  

`Laze biose´  

`In My Father's House Are Many Mansions´  

`Dead Drunk´  

`A Thousand Incidents Arise´  

`Drones For Diasporas´  

`Hang Over Sunday´  

`Blueprint´  

`Piano Improvisations´ // `Solo Piano´  

`Ochre Land, Blue Blue Skies´ // `Misenlian´ // `Cloud´  

`Anaananaan´  

`Blog On Rimbaud´ // `Standard And Normal´  

`Bending The Tonic´  

`Colour Green´  

`Fair & Square´  

`Helping Hand´  

`Squarehorse´  

`Saw Mill Man´  

`The Complete Guide to Insufficiency´  

`Backyard Vol. 2´  

`Five Feet From Home´  

`Not Alone´  

`The Amateur Hermetic´ // `Product 06´ // `Untitled # 164´ // `The Air In The Sand´  

`Scatole Sonore (2 Marzo 2006)´ // `Scatole Sonore (6 Aprile 2006)´  

`The Return Of The 120 Magicians´  

`Comaneci´  

`The Men Album´  

`Ancora Saigon´  

`Bird Heart in Wool´  

`Clark´  

`Plans Drawn in Pencil´  

`The traditions of the past cannot be retrieved´  

`Naisnice´  

`Sixpériodes´  

`A Personal Account Of Conflict´  

`Inside A Moving Machine´  

`Roots and Fruits´  

`Introduction´ // `Live in Paris´  

`Preghiera per una stella´ // `Gravescapes´ // `Will You Please Be Quiet, Please?´  

`The House of Mourning´  

`Miastenia´  

`L'Orfeo Concluso´  

`April’s Fool´  

`Splintered´  

`Tagliare´  

`Annihilate This Week´ // `Red Room´ // `Figure 2´  

`I’m ep here´  

`The Even Times´  

`Wordless´  

`Songs and Sounds´  

`The Monkeys in The Zoo Have More Fun Than Me´  

`Un an´  

`Timing the 183k pulse: Eleven Intuitive Act on a Defined Vamp´  

`Baptism & Birthday´  

`Hidden Or Just Gone´  

`Homeogryllus Japonicus Orchestra 2004´  

`Å´  

`Dataplex´ // `Fflux´  

`Vedo Beat´  

`Trapping´  

`In the Morning Twilight´  

`Acoustic & Semiacoustic´  

`Check Point Charlie 2005´  

`Raus Aus Stavanger´  

`A Post-Fordist Parade In The Strike Of Events´  

`The Topography Of The Lungs´  

`Flux Compendium´ // `Gauticle´  

`The animation of lists and the archytan transpositions´ // `Gestaltsystem 0 :: Possible forms´  

`Hito´ // `Kusa´  

`Martedì 11 Luglio 2006 @ Auditorium di Roma´  

`Intervista´  

`Secousses Panoramiques´ // `Air.ratio´  

`The Red Tower´  

`Eclipse´  

`Incidental Amplifications´  

`Animamima´  

`Dub Ainu Deluxe´  

`Heartworn Highways´  

`Out´  

`Quatre tonalités pour enceintes urbaines´ // `Chloral Works I & II´  

`JJJ´  

`Black Ships ate the Sky´  

`Queries´  

`End Of Summer´ //`Gliding Clerks´ // `Oleo Strut´ // `Polvere´  

`Process´  

`The Sea Looks Green When The Sky Is Grey´  

`Don't Remember´  

`Glissandro 70´  

`L’écurie´ // `Satanische Vrede´  

`Metaprogramming From Within The Eye Of The Storm´ // `Gelbe Tupfen´  

`Necklace´  

`Improvised music for Imaginary Films´  

`Sauna: Um, Dois, Três´  

`Fades´  

`L’addimmuru´ // `Teufeltanzmasken´  

`Switch Parmenide´  

`Artefacts´  

`A Low Carbonation´  

`Lengvai / 60 x One Minute Audio Colours Of 2kHz Sound´  

`Ku´  

`Memory Like Water´  

`Archaea´  

`I Hope You are well, I am and I send you my fingers´  

`Plays Polmo Polpo´  

`Giuseppe Ielasi´  

`Memory Makes Noise´  

`Airre´ // `In A Persian Market´ // `The Consumer CD´ // `Das Duz Dae Duz Das´  

`Hundloka, Flockblomstriga 1´  

`Kokoro Mayikibo´  

`Rectal Exploration´  

`Episome´  

`Pink´  

`Thrtysxtrllnmnfstns´  

`Un Mondo in Me´  

`The Empty Space´  

`The Clearing´  

`Between Neck & Stomach´