figli di un dio minore: kletka red    
di mario biserni (no ©)




Una delle ultime volte che mi è capitato di vedere Andy Moor gli ho chiesto notizie dei Kletka Red. Mi ha risposto che si erano praticamente sciolti per mancanza di ingaggi. Avendo assistito a una delle loro notevoli performance mi sono posto il quesito del perché non avessero attecchito, neppure nel circuito indipendente, pur esibendo una compagine composta da musicisti di un certo richiamo (almeno in quell’ambito al quale mi sto riferendo).
La loro era infatti un'autentica internazionale del contropotere, con Leonid Soybelman - nato nell'Unione Sovietica, oggi Moldavia, e poi leader degli estoni Ne Zhdali; Andy Moor - scozzese già con Dog Faced Hermans e The Ex; e Tony Buck - australiano, già nei giapponesi Ground Zero e nei Peril.
Nel primo CD, in quattro dei dodici brani, compariva anche il contrabbassista canadese Joe Wiliamson che poi, nel secondo disco, risulterà a pieno titolo parte integrante del gruppo. Probabilmente è stata proprio questa dislocazione geografica dispersiva, nonostante una generica scelta della città di Berlino quale campo base, a creare una prima serie di problemi per lo svolgimento di un’attività incalzante e continuativa.
In secondo luogo la scelta del marchio sul quale pubblicare il disco d'esordio non è stata eccessivamente appropriata e può essere risultata fuorviante.
"Hijacking", del 1996, uscì infatti nella collana Radical Jewish Culture dell'etichetta Tzadik diretta da John Zorn. Il catalogo della collana, che era incentrato su musiche tradizionali e/o jazz di chiara origine klezmer, era chiaramente indirizzato a una precisa tipologia di pubblico, e i Kletka Red avevano in realtà poco a che fare con quel catalogo, a esclusione dell'origine ebraica di Soybelman e della ripresa di alcune canzoni derivate dal multiforme patrimonio folklorico dell'est europeo.
Il consenso alla loro musica doveva viceversa essere ricercato in quella fascia di pubblico legata alle fazioni diy (do it yourself) del punk, del post punk e del noise.
L'interpretazione che davano della tradizione non era infatti ortodossa e si poneva in quel solco free-rock tracciato da teppisti sonori tipo Captain Beefheart e Pere Ubu, per affiancarsi a maestri della dissonanza, a loro quasi contemporanei, qual’erano The Ex, The Fall e Minutemen, e con una forte tendenza alla destrutturazione d’impostazione tipicamente free jazz.
Ancora più scatafasciosi, rispetto a quelli ripresi dalla tradizione, erano poi i brani di loro composizione (anche se il rapporto era di 9 su 12 in favore dei primi).
Gli elementi tipicizzanti della loro musica stavano nella voce espressiva di Soybelman, che ricordava vagamente quella di Enzo Jannacci, nei suoi tocchi hendrixiani sulla chitarra e nella libertà esecutiva di Tony Buck, libertà che lo slegava spesso da qualsiasi concetto di accompagnamento ritmico. Rispetto a Hendrix va detto che Soybelman ne rappresentava comunque l’aspetto più sobrio, meno pittorico e meno pittoresco (a differenza, ad esempio, di un Prince che ne ritraeva l’aspetto più glamour), e anche quest'assenza di sex appeal può aver giocato a loro sfavore.
Ben quattro anni (troppi, in un mondo che andava scorrendo sempre più veloce) separarono “Hijacking” dal suo successore, “Hybrid”, pubblicato nel 2000 su Explain: per il mercato americano e su Red Note per quello europeo.
I cambiamenti erano evidenti: i brani cantati passarono da 4 su 12 a 7 su 9 e la ripresa di brani tradizionali si limitava ai soli Kosiak Lubvie e Pardon, grand merci (che però traevano origine dal Rembetiko greco, dando così un po’ il là alla riscoperta di questo stile musicale che vedrà poi proprio in Andy Moor uno dei maggiori artefici).
In “Hybrid” c’era meno follia, più moderazione se preferite questa espressione, e l’impostazione era di conseguenza maggiormente orientata in senso rock.
L’anno 2000 rappresentò però un punto di svolta: sempre meno spazio era riservato ai gruppi d’impostazione tradizionale e sempre più consensi riscuotevano i vari progetti di orintamento elettronico (attraverso generi musicali come hip hop, trip hop, drum and bass, techno, dubstep …).
L’attenzione del pubblico e della stampa era ormai rivolta altrove e “Hybrid” rappresentò per i Kletka Red il canto del cigno.


DISCOGRAFIA:
• "Hijacking" (CD) – Tzadik 1996
• "Hybrid" (CD) – Explain: / Red Note 2000




ANGOLI MUSICALI 2016  

marino josé malagnino (intervista)  

tre giorni con maria monti  

gianni mimmo  

claudio parodi (intervista)  

i gufi  

figli di un dio minore: hugo largo  

figli di un dio minore: san agustin  

tempi moderni (IIª tranche)  

figli di un dio minore: ヒカシュー (hikashu)  

Bourbonese Qualk (intervista a Simon Crab)  

Andrea Belfi & Stefano Pilia (intervista)  

corvo records  

infrantumi: vent’anni dopo  

Rock Over Beethoven – Il Rock Neoclassico  

lili refrain  

vittore baroni  

christoph gallio  

jacopo andreini  

musica moderna  

ladies of the canyon  

tempi moderni  

hyaena reading (intervista con francesco petetta)  

Baxamaxam  

Xabier Iriondo  

Osvaldo Coluccino  

Osvaldo Arioldi Schwartz (Officine Schwartz)  

Zero Centigrade  

i cantautori  

(la famosa etichetta) Trovarobato  

die schachtel: della maggiore età  

4 donne  

violoncello  

Chaos Tape(S)  

compilation  

D.S. al Coda (the record label)  

Osaka Kyoto Sounds
(con intervista a Go Tsushima dei Psychedelic Desert)
 

(etre) / Wondrous Horse / Harps Of Fuchsia Kalmia  

tamia  

drum, bass... and carmel  

L’Enfance Rouge (articolo e intervista a François R. Cambuzat)  

chinoise (con intervista a Yan Jun)  

figli di un dio minore: ghigo  

figli di un dio minore: fifty foot hose  

figli di un dio minore: ich schwitze nie  

figli di un dio minore: rites of spring / happy go licky  

figli di un dio minore: crust  

figli di un dio minore: antelope  

figli di un dio minore: kletka red  

figli di un dio minore: the blocking shoes  

figli di un dio minore: debora iyall / romeo void  

figli di un dio minore: stretchheads  

figli di un dio minore: bobby jameson  

figli di un dio minore: distorted pony  

figli di un dio minore: dark side of the moon  

figli di un dio minore: los saicos  

figli di un dio minore: the centimeters  

figli di un dio minore: chetro & co.  

figli di un dio minore: songs in the key of z  

figli di un dio minore: mondii  

figli di un dio minore: TCH (this crepuscular hour)  

figli di un dio minore: bridget st. john  

figli di un dio minore: thule