`Erm´ // `Vignettes´ // `After Dinner´

Autore disco:

Francisco López & Luca Sigurtà // Sergio Sorrentino & Machinefabriek // John Russell & Andrea ICS Ferraris

Etichetta:

Frattonove (I)

Link:

www.fratto9.com
www.sergiosorrentino.com
www.machinefabriek.nu
www.franciscolopez.net
soundcloud.com/sigurta
john-russell.co.uk

Email:

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2013 // 2013 // 2014

Titoli:

1) Untitled # 294 2) Eaves // 1) Prefazione / Introductie 2) Caduta libera / Vrije Val3) Trotto / Draf 4) Buco nero / Zwart Gat 5) Echi del tempo / Echo’s Van De Tijd 6) Rettile / Slakkegang 7) Pendolare / Forens 8) Frammenti / Fragmenten 9) Perdersi / Dwaling 10) Ghirigoro / Doedel 11) Trasformazione / Transformatie 12) Alba / Dageraad 13) Nebbia fitta / Dichte Mist // 1) After-Dinner

Durata:

49:53 // 35:58 // 20:04

Con:

Francisco López, Luca Sigurtà // Sergio Sorrentino, Rutger Zuydervelt // John Russell, Andrea ICS Ferraris

dopo colazione, pranzo e cena

x Adua Quaglietta (no ©)

Questi tre dischi sembrano essere latori dello stesso motivo: la collaborazione a quattro mani fra un musicista italiano e un (importante) musicista straniero. In realtà si tratta di tre lavori essenzialmente diversi, sia nelle musiche proposte sia nel tipo di collaborazione che ha portato alla loro realizzazione.
Quella fra López e Sigurtà, ad esempio, è una collaborazione per procura, o meglio si tratta più di un confronto che di una collaborazione. I due, a partire dalla medesima fonte sonora, hanno elaborato in assoluta autonomia i propri brani. Sembrerebbe, sulla carta, un confronto privo di rischi, dal momento che i due artisti frequentano lo stesso ambito sonoro. E, a conti fatti, rischi non ce ne sono, anche se lo svolgimento segue un percorso ben diverso da quello che era lecito preventivare. I due sembrano infatti infiltrarsi l’uno nel mondo dell’altro. È così che Sigurtà mette in scena quelle valanghe di suono tipiche dello spagnolo mentre quest’ultimo brancola in quelle rotte disseminate da grumi di microsuoni che rendono speciali le navigazioni del piemontese.
Più audace, sempre sulla carta, è l’incontro fra il chitarrista, e concertista, Sergio Sorrentino e il manipolatore elettronico Rutger Zuydervelt (meglio noto come Machinefabriek), incontro che sembra essere avvenuto egualmente per procura. La procedura seguita è infatti quella di 13 composizioni eseguite sulla chitarra (classica nel primo brano ed elettrica nei restanti dodici) da Sorrentino e in un secondo tempo sporcate dalle pennellate dell’olandese volante. Da un canto suo Machinefabriek non è nuovo alle collaborazioni più estemporanee, mentre ho idea che per il chitarrista si tratti di una trovata forse non proprio inedita ma quasi. È abbastanza difficile riconoscere il suono della chitarra all’interno di queste distorsioni elettriche e/o meccaniche. Cazzo se mi sarebbe piaciuto un doppio CD con nel primo i materiali registrati da Sorrentino allo stato iniziale, in modo da poter capire dove arriva la sua mano e dove iniziano i trattamenti e le modifiche di Zuydervelt. Anche così, in questa veste unica e definitiva, il disco è travolgente e, lo dico senza parafrasare, è il mio preferito all’interno di questo trittico comunque interessante nel suo insieme.
Perché anche l’”After-Dinner” firmato Russell – Ferraris ha più d’un motivo per farsi apprezzare. In questo caso la collaborazione avviene per contatto diretto, e la lunga improvvisazione che mette a confronto la chitarra acustica dell’inglese e l’elettrica (più effetti) dell’italiano trasuda fisicità e spirito d’avventura, come un viaggio in una terra inesplorata.
Tre stanze, tre(dici) vignette e tre giornalini per altrettante prassi collaborative. Tre CD che proiettano altrettanti musicisti italiani verso una logica internazionale. In una fase storica come quella attuale, con il bel paese culturalmente chiuso dentro al suo culo, suonano come una bella scorreggia liberatoria … e anche ben rumorosa.
Grazie Frattonove.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 8/1/2016
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2016 ...

`Erm´ // `Vignettes´ // `After Dinner´  

`Embeddead´  

`Diplocomp – A Diplodisc Sampler´  

`Matrice´  

`Reforged´  

`Virus´  

`Virale´  

`Fiori dal limbo´  

`Burnout (August Sessions)´  

`Digital Kind Of Guy´  

`Sono andato a letto presto´  

`Madrigali´  

`Governo Laser´  

`DIE´ // `S’Û´  

`Difference Engines´  

`Crudité´  

`Naked Wolf´ // `Buiten Dienst´  

`All Impossible Worlds´  

`La Solitudine del Sole´ // `Fino alla fine della notte´  

`Greetings´  

`La prima volta´  

`Cloudriding´  

`More Nasty´ // `Svimmelhed´ // `Residual Ugly´  

`Il formicaio´ // `Nagual´ // `Hyppopotàmus´  

`Natura Morta´ // `Blind Sun New Century Christology´ // `Dust & Mirrors´  

`Pareti nude´  

`Radici´  

`Germanotta Youth´  

`Multiple´  

`Sotto assedio´ // `Il giorno delle altalene´ // `Endless Tapes EP´  

`Outta Kali Phobia´  

`Adesso´  

`Visible Music For Unheard Visions´  

`A Heart That Responds From Schooling´  

`Ultrasonic Bathing Apparatus´ // `Tape Crash #10´  

`AV.UR.NAV.´  

`Re-Mit´  

`Contra Mundum´  

`Pour en finir´ // `New Vocabulary´  

`Upper Hell´  

`Beyond Repair´  

`Capolavoro´  

`Passage´ // `AOUIE – Bass Clarinet Solo´  

`Tracce D’Africa´  

`In The Other House´ // `Perversions Of The Aging Savant´  

`The Clash Of The Titans´  

`Cacao´  

`URI´  

`Silence Be Alive (生きてこい沈黙)´  

`Silent Carnival´  

`Wander´  

`Dream In A Landscape´  

`Song Cycle´  

`Hotend – Do Tell Plays The Music Of Julius Hemphill´  

`Missa Brevis´  

`Tecniche Arcaiche live at Angelica´  

`Why Not´  

`A Path Made By Walking´  

`Glance And Many Avenues (Live At Apex, Göttingen 2013)´  

`Tapes Amateurs´  

`Doropea´  

`Super 8´  

`Soundcards 01´  

`The Third Season´  

`eXcavations´ // `Red Blue´  

`OU´  

`Olanda in Due (Live At NovaraJazz Italy 2015)´  

`Nox Lux´  

`Alchemy To Our Days´  

`Zwischenbrücken´  

`Al-khīmiyya - الخيمياء´  

`Meeting Points´