`Meeting Points´

Autore disco:

Guus Janssen

Etichetta:

Bimhuis (NL)

Link:

www.bimhuis.nl
www.guusjanssen.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2015

Titoli:

1) Koto à Gogo 2) Rondo 3) April 4) Vrij Naar AT 5) Meeting Point 6) Pogo 1 7) Pogo 2 8) Peer’s Counting Song 9) Janus Bifrons

Durata:

66:31

Con:

Guus Janssen, Michael Moore, Oene van Geel, Ernst Glerum, Wim Janssen, Ernst Reijseger, Han Bennink, Lee Konitz, Peter van Bergen, Sanne van Hek, Wolter Wierbos, Raphael Vanoli, John Engels

un fantastico pezzo di storia

x Marcaccio (no ©)

Guus Janssen: pianista olandese della seconda generazione (quella nata nel dopoguerra e successiva ai Mengelberg, ai Maarten Van Regteren Altena e ai Bennink). Questa raccolta di inediti lo coglie in varie situazioni dal 1989 al 2014. Un bel pezzo di storia, indubbiamente, anche perché al percorso personale del pianista si sovrappone la storia del Bimhuis, tempio della musica olandese nel quale tutti gli eventi delle registrazioni sono avvenuti.
April, Meeting Point e Peer’s Counting Song sono duetti, rispettivamente con il batterista Han Bennink, con il sassofonista Lee Konitz e con John Engels, anche lui batterista. Di grande interesse il secondo e il terzo pezzo perché affrontati con strumentisti dall’impostazione più tradizionale (Konitz e Engels).
Le pagine più avventurose paiono quelle con un quintetto comprensivo di Michael Moore alle ance, Oene van Geel alla viola, Ernst Glerum al basso e Win Janssen alla batteria (Koto à Gogo, Janus Bifrons e Vrij Naar AT), dove a spiccare è lo spettacolare puntillismo a incastri di Vrij Naar AT.
Altro punto forte, ma di punti deboli in realtà non ce n’è, è Rondo del Clusone Quartet, con Moore, Bennink ed Ernst Reijseger. Dentro ci sta di tutto: dal rock alla musica cinese, dalla fanfara militare all’overture classica, dal ragtime allo swing, in una girandola che potrebbe essere infinita.
Resta da dire di Pogo 1 e 2, che provengono dallo stesso concerto, attribuite a un settetto con Glerum, Wim Janssen alla batteria, Peter Van Bergen al sax tenore, Sanne Van Hek alla tromba, Wolter Wierbos al trombone e Raphael Vanoli alla chitarra. Sembra qui di assistere ai più classici intrighi new thing alla Mingus e/o alla Taylor.
In conclusione si tratta di un CD vario e coinvolgente, dove la presenza di strumentisti dalla vena folle come Han Bennink e Ernst Reijseger non poteva che avere il suo peso.
Delicatessen.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 11/11/2016
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2016 ...

`Erm´ // `Vignettes´ // `After Dinner´  

`Embeddead´  

`Diplocomp – A Diplodisc Sampler´  

`Matrice´  

`Reforged´  

`Virus´  

`Virale´  

`Fiori dal limbo´  

`Burnout (August Sessions)´  

`Digital Kind Of Guy´  

`Sono andato a letto presto´  

`Madrigali´  

`Governo Laser´  

`DIE´ // `S’Û´  

`Difference Engines´  

`Crudité´  

`Naked Wolf´ // `Buiten Dienst´  

`All Impossible Worlds´  

`La Solitudine del Sole´ // `Fino alla fine della notte´  

`Greetings´  

`La prima volta´  

`Cloudriding´  

`More Nasty´ // `Svimmelhed´ // `Residual Ugly´  

`Il formicaio´ // `Nagual´ // `Hyppopotàmus´  

`Natura Morta´ // `Blind Sun New Century Christology´ // `Dust & Mirrors´  

`Pareti nude´  

`Radici´  

`Germanotta Youth´  

`Multiple´  

`Sotto assedio´ // `Il giorno delle altalene´ // `Endless Tapes EP´  

`Outta Kali Phobia´  

`Adesso´  

`Visible Music For Unheard Visions´  

`A Heart That Responds From Schooling´  

`Ultrasonic Bathing Apparatus´ // `Tape Crash #10´  

`AV.UR.NAV.´  

`Re-Mit´  

`Contra Mundum´  

`Pour en finir´ // `New Vocabulary´  

`Upper Hell´  

`Beyond Repair´  

`Capolavoro´  

`Passage´ // `AOUIE – Bass Clarinet Solo´  

`Tracce D’Africa´  

`In The Other House´ // `Perversions Of The Aging Savant´  

`The Clash Of The Titans´  

`Cacao´  

`URI´  

`Silence Be Alive (生きてこい沈黙)´  

`Silent Carnival´  

`Wander´  

`Dream In A Landscape´  

`Song Cycle´  

`Hotend – Do Tell Plays The Music Of Julius Hemphill´  

`Missa Brevis´  

`Tecniche Arcaiche live at Angelica´  

`Why Not´  

`A Path Made By Walking´  

`Glance And Many Avenues (Live At Apex, Göttingen 2013)´  

`Tapes Amateurs´  

`Doropea´  

`Super 8´  

`Soundcards 01´  

`The Third Season´  

`eXcavations´ // `Red Blue´  

`OU´  

`Olanda in Due (Live At NovaraJazz Italy 2015)´  

`Nox Lux´  

`Alchemy To Our Days´  

`Zwischenbrücken´  

`Al-khīmiyya - الخيمياء´  

`Meeting Points´