`OU´

Autore disco:

Meanza & De

Etichetta:

Aut Records (D)

Link:

bobmeanza.altervista.org/blog/
ausland-berlin.de/filipe-dias-de
www.autrecords.com/

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2015

Titoli:

1) Spree 1 2) Spree 2 3) Nominale Steigung 4) OSC 5) Puppets 6) Età del Ferro 7) Floyk 8) Weg

Durata:

45:56

Con:

Bob Meanza (Michele Pedrazzi), Filipe Dias De

un incontro a distanza

x Beppe Sala (no ©)

Se lo stronzo che sta scrivendo vi dicesse che il portoghese Filipe Dias De, bel nome, e l’italianissimo Bob Meanza si sono incontrati, saltereste alla conclusione quasi ovvia che l’incontro è avvenuto in Catalunya, circa a metà strada. Errore madornale, mai fidarsi dell’ovvio, neppure il nizzardo Garibaldi e il savoiardo Vittorio Emanuele II (in realtà nato a Torino) si incontrarono a metà strada, cioè a Ventimiglia, bensì a Teano (più o meno fra Cassino e Caserta). Lì non vennero scambiate mozzarelle con pulenda, bensì si (ri)fece l’Italia; così oggi che s’ha da (ri)fare l’Europa l’incontro non può avvenire che a Berlino. Un’Italia e un’Europa, ben inteso, ben diverse da quelle immaginate dai padri sognatori.
Lo stronzo che sta scrivendo ha però mischiato le carte ben bene creando confusione nelle vostre testoline, perché quello fra Filipe Dias De e Bob Meanza è un incontro avvenuto a distanza, non geografica ma temporale, e quindi senza strette di mano.
Il portoghese è un po’ il Garibaldi della situazione, eroe dei due mondi che ha riportato dal suo soggiorno in Asia la conoscenza di strumenti musicali come il sitar, vari componenti del gamelan e di uno xylophono balinese (lo so che Garibaldi se ne andò a gironzolare in America Latina ma la licenza poetica dove la mettiamo).
È appunto con il sitar che De ha creato la materia prima di “OU”.
La manipolazione elettronica di Meanza, alla maniera di quando avvenne da parte del savoiardo, è stata poi ben pesante, tanto che raramente è possibile individuare le sonorità tipiche del classico strumento indiano. Quindi ad avere il sopravvento non sono quegli esotismi di maniera, che tanto affascinano il pubblico dei newagers, bensì futuriste tradizioni dette techno, ambient, elettro-elettronica e finanche industrial.
“OU” è un CD la cui sostanza contraddice l’umiltà di una confezione più povera di dieci nullatenenti. Difformemente da quell’Italia voluta a Teano, tutta immagine e poca sostanza.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 11/11/2016
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2016 ...

`Erm´ // `Vignettes´ // `After Dinner´  

`Embeddead´  

`Diplocomp – A Diplodisc Sampler´  

`Matrice´  

`Reforged´  

`Virus´  

`Virale´  

`Fiori dal limbo´  

`Burnout (August Sessions)´  

`Digital Kind Of Guy´  

`Sono andato a letto presto´  

`Madrigali´  

`Governo Laser´  

`DIE´ // `S’Û´  

`Difference Engines´  

`Crudité´  

`Naked Wolf´ // `Buiten Dienst´  

`All Impossible Worlds´  

`La Solitudine del Sole´ // `Fino alla fine della notte´  

`Greetings´  

`La prima volta´  

`Cloudriding´  

`More Nasty´ // `Svimmelhed´ // `Residual Ugly´  

`Il formicaio´ // `Nagual´ // `Hyppopotàmus´  

`Natura Morta´ // `Blind Sun New Century Christology´ // `Dust & Mirrors´  

`Pareti nude´  

`Radici´  

`Germanotta Youth´  

`Multiple´  

`Sotto assedio´ // `Il giorno delle altalene´ // `Endless Tapes EP´  

`Outta Kali Phobia´  

`Adesso´  

`Visible Music For Unheard Visions´  

`A Heart That Responds From Schooling´  

`Ultrasonic Bathing Apparatus´ // `Tape Crash #10´  

`AV.UR.NAV.´  

`Re-Mit´  

`Contra Mundum´  

`Pour en finir´ // `New Vocabulary´  

`Upper Hell´  

`Beyond Repair´  

`Capolavoro´  

`Passage´ // `AOUIE – Bass Clarinet Solo´  

`Tracce D’Africa´  

`In The Other House´ // `Perversions Of The Aging Savant´  

`The Clash Of The Titans´  

`Cacao´  

`URI´  

`Silence Be Alive (生きてこい沈黙)´  

`Silent Carnival´  

`Wander´  

`Dream In A Landscape´  

`Song Cycle´  

`Hotend – Do Tell Plays The Music Of Julius Hemphill´  

`Missa Brevis´  

`Tecniche Arcaiche live at Angelica´  

`Why Not´  

`A Path Made By Walking´  

`Glance And Many Avenues (Live At Apex, Göttingen 2013)´  

`Tapes Amateurs´  

`Doropea´  

`Super 8´  

`Soundcards 01´  

`The Third Season´  

`eXcavations´ // `Red Blue´  

`OU´  

`Olanda in Due (Live At NovaraJazz Italy 2015)´  

`Nox Lux´  

`Alchemy To Our Days´  

`Zwischenbrücken´  

`Al-khīmiyya - الخيمياء´  

`Meeting Points´