`Visible Music For Unheard Visions´

Autore disco:

Giovanni Dal Monte

Etichetta:

SonicaBotanica (I)

Link:

www.giovannidalmonte.com
www.ilpomodiadamo.it

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2015

Titoli:

1) Cafe Richmond 2) Waves That Never Will Be Heard 3) Tremor 1 4) From The Cage 5) Tremor 2 6) Shadows That Never Will Be Seen 7) Let’s Go Minimal

Durata:

42:00

Con:

Giovanni Dal Monte

rust never sleeps

x Faliero Collegrande (no ©)

Fra i dischi di elettronica che abbiamo recensito di recente questo è certamente il più indicato a rappresentare al meglio il dopo Aphex. Non è un caso se Dal Monte (noto anche come La Jovenc) una decina d’anni orsono ha vinto il Premio Avanguardia Italiana al MEI e il LiveIxem, e se inoltre si è esibito o ha presentato propri lavori in buona parte del globo. Non consideratelo quindi un pivello alle sue prime armi dacché è in esercizio fin dagli anni Ottanta, e il fatto che siamo abituati a misurare l’attività di un musicista in base ai dischi pubblicati è solo una nostra/vostra distorsione mentale, ma forse è il momento di darsi una mossa perché dietro al lavoro di un qualsiasi Dal Monte ci sono oggi numerosi risvolti (molto al di là del dualismo disco-concerti a cui ci hanno abituato gli stereotipi della musica pop nell’epoca dell’industria discografica).
Credo di poter dividere i 7 brani di questo CD in due tipologie essenziali: da una parte i materiali più tribali, ritmici e post-industrial e dall’altra quelli con precisi riferimenti neoclassici, il tutto seguendo anche gli sprazzi di luce che Dal Monte ha catturato in forma di campioni dalle musiche di Kaffe Matthews, Tristan Honsinger, Musorgskij e Marlene Dietrich, nomi che rendono bene l’idea guida del musicista, una progettualità che lo porta ad attingere dalla tradizione classica come dalla musica improvvisata e dalla moderna musica elettronica come dalla musica leggera (alla maniera di un John Wall).
Il suo è un suono che rende spesso l’idea di meccanismi semi-inceppati dalla ruggine, e nella struttura dei brani appare evidente la continua ricerca di un proprio vocabolario. Non è un caso se i titoli meno interessanti, seppur musicalmente riuscitissimi, sono quelli che prendono più alla lettera gli schemi della scuola WARP (Tremor 1 e 2). Il resto è oro, magari grezzo e non puro, ma comunque prezioso in grado di brillare. Lo è il post-industrial di Cafe Richmond, lo sono le derive neo-classiche di Waves That Never Will Be Heard, From The Cage e Shadows That Never Will Be Seen e lo è l’hip hop futurista di Let’s Go Minimal (brano scritto in polemica con le secche del minimalismo contemporaneo), tutti elementi base al cui interno il razzolare di Dal Monte crea comunque quello scompiglio e quell’indisciplina necessari ad ogni tipo di movimento.
“Visible Music For Unheard Visions” è un disco disegnato a tinte forti, materialmente e/o emotivamente, e prima dell’ascolto è bene munirsi d’orecchie d'acciaio.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 3/6/2016
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2016 ...

`Erm´ // `Vignettes´ // `After Dinner´  

`Embeddead´  

`Diplocomp – A Diplodisc Sampler´  

`Matrice´  

`Reforged´  

`Virus´  

`Virale´  

`Fiori dal limbo´  

`Burnout (August Sessions)´  

`Digital Kind Of Guy´  

`Sono andato a letto presto´  

`Madrigali´  

`Governo Laser´  

`DIE´ // `S’Û´  

`Difference Engines´  

`Crudité´  

`Naked Wolf´ // `Buiten Dienst´  

`All Impossible Worlds´  

`La Solitudine del Sole´ // `Fino alla fine della notte´  

`Greetings´  

`La prima volta´  

`Cloudriding´  

`More Nasty´ // `Svimmelhed´ // `Residual Ugly´  

`Il formicaio´ // `Nagual´ // `Hyppopotàmus´  

`Natura Morta´ // `Blind Sun New Century Christology´ // `Dust & Mirrors´  

`Pareti nude´  

`Radici´  

`Germanotta Youth´  

`Multiple´  

`Sotto assedio´ // `Il giorno delle altalene´ // `Endless Tapes EP´  

`Outta Kali Phobia´  

`Adesso´  

`Visible Music For Unheard Visions´  

`A Heart That Responds From Schooling´  

`Ultrasonic Bathing Apparatus´ // `Tape Crash #10´  

`AV.UR.NAV.´  

`Re-Mit´  

`Contra Mundum´  

`Pour en finir´ // `New Vocabulary´  

`Upper Hell´  

`Beyond Repair´  

`Capolavoro´  

`Passage´ // `AOUIE – Bass Clarinet Solo´  

`Tracce D’Africa´  

`In The Other House´ // `Perversions Of The Aging Savant´  

`The Clash Of The Titans´  

`Cacao´  

`URI´  

`Silence Be Alive (生きてこい沈黙)´  

`Silent Carnival´  

`Wander´  

`Dream In A Landscape´  

`Song Cycle´  

`Hotend – Do Tell Plays The Music Of Julius Hemphill´  

`Missa Brevis´  

`Tecniche Arcaiche live at Angelica´  

`Why Not´  

`A Path Made By Walking´  

`Glance And Many Avenues (Live At Apex, Göttingen 2013)´  

`Tapes Amateurs´  

`Doropea´  

`Super 8´  

`Soundcards 01´  

`The Third Season´  

`eXcavations´ // `Red Blue´  

`OU´  

`Olanda in Due (Live At NovaraJazz Italy 2015)´  

`Nox Lux´  

`Alchemy To Our Days´  

`Zwischenbrücken´  

`Al-khīmiyya - الخيمياء´  

`Meeting Points´