`Nox Lux´

Autore disco:

Giona Vinti

Etichetta:

Old Bicycle Records (CH)

Link:

oldbicyclerecords.blogspot.it/

Formato:

MC

Anno di Pubblicazione:

2015

Titoli:

1) Nox Lux

Durata:

34:00 ca

Con:

Giona Vinti

la tempesta di neve

x Elisabetta Ciampini (no ©)

Ieri sera sono andata a vedere l’ultimo film di Quentin Tarantino, “The Hateful Eight”, che si svolge interamente all’interno della carrozza di una diligenza e all’interno di un emporio, mentre all’esterno infuria una tempesta di neve. È il freddo inverno dello Wyoming. L’interno dell’emporio, nonostante la tragedia che vi si sta svolgendo e nonostante i numerosi spifferi che aleggiano fra le assi delle pareti, appare come un ambiente sicuro. Sicuro rispetto alla furia degli elementi. All’interno dell’emporio, nonostante la cappa di morte che vi spira, non ci sono forse una chitarra e un pianoforte, un fuoco e una stufa accesi, una scacchiera con i suoi pezzi, il caffè, il cognac e lo stufato. Tutti segni di civiltà, e il falso boia si diletta comunque a spiegare che la differenza fra un’esecuzione legale e un’esecuzione sommaria sta nel fatto che nella prima manca il coinvolgimento passionale, al boia non interessa chi è e cosa ha fatto l’impiccato. Alla furia degli elementi non interessa sapere chi sono i rifugiati all’interno dell’emporio e neppure quali sono le passioni che li spingono ad agire. Anche l’interno della carrozza appare addirittura come un ambiente sicuro e rassicurante rispetto a quanto sta accadendo fuori. È così che la scena più inquietante non sta nelle sparatorie, nelle braccia mozzate, nel sangue vomitato a fiotti, nell’impiccagione … la scena più inquietante sta nel racconto fatto dal cacciatore di taglie al generale, quando nel flashback si vede il figlio di quest’ultimo nudo nella neve e disposto a tutto, proprio a tutto, pur di avere una coperta.
Cosa c’entra tutto questo con “Nox Lux” di Giona Vinti? Non lo so neppure io ….


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 6/12/2016
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2016 ...

`Erm´ // `Vignettes´ // `After Dinner´  

`Embeddead´  

`Diplocomp – A Diplodisc Sampler´  

`Matrice´  

`Reforged´  

`Virus´  

`Virale´  

`Fiori dal limbo´  

`Burnout (August Sessions)´  

`Digital Kind Of Guy´  

`Sono andato a letto presto´  

`Madrigali´  

`Governo Laser´  

`DIE´ // `S’Û´  

`Difference Engines´  

`Crudité´  

`Naked Wolf´ // `Buiten Dienst´  

`All Impossible Worlds´  

`La Solitudine del Sole´ // `Fino alla fine della notte´  

`Greetings´  

`La prima volta´  

`Cloudriding´  

`More Nasty´ // `Svimmelhed´ // `Residual Ugly´  

`Il formicaio´ // `Nagual´ // `Hyppopotàmus´  

`Natura Morta´ // `Blind Sun New Century Christology´ // `Dust & Mirrors´  

`Pareti nude´  

`Radici´  

`Germanotta Youth´  

`Multiple´  

`Sotto assedio´ // `Il giorno delle altalene´ // `Endless Tapes EP´  

`Outta Kali Phobia´  

`Adesso´  

`Visible Music For Unheard Visions´  

`A Heart That Responds From Schooling´  

`Ultrasonic Bathing Apparatus´ // `Tape Crash #10´  

`AV.UR.NAV.´  

`Re-Mit´  

`Contra Mundum´  

`Pour en finir´ // `New Vocabulary´  

`Upper Hell´  

`Beyond Repair´  

`Capolavoro´  

`Passage´ // `AOUIE – Bass Clarinet Solo´  

`Tracce D’Africa´  

`In The Other House´ // `Perversions Of The Aging Savant´  

`The Clash Of The Titans´  

`Cacao´  

`URI´  

`Silence Be Alive (生きてこい沈黙)´  

`Silent Carnival´  

`Wander´  

`Dream In A Landscape´  

`Song Cycle´  

`Hotend – Do Tell Plays The Music Of Julius Hemphill´  

`Missa Brevis´  

`Tecniche Arcaiche live at Angelica´  

`Why Not´  

`A Path Made By Walking´  

`Glance And Many Avenues (Live At Apex, Göttingen 2013)´  

`Tapes Amateurs´  

`Doropea´  

`Super 8´  

`Soundcards 01´  

`The Third Season´  

`eXcavations´ // `Red Blue´  

`OU´  

`Olanda in Due (Live At NovaraJazz Italy 2015)´  

`Nox Lux´  

`Alchemy To Our Days´  

`Zwischenbrücken´  

`Al-khīmiyya - الخيمياء´  

`Meeting Points´