`Why Not´

Autore disco:

Attribution

Etichetta:

Autoproduzione (I)

Link:

www.sands-zine.com/recensioni.php?IDrec=1953

Email:

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2015

Titoli:

1) Sleet 2) Woman 3) Cold Turkey 4) Sexy Tired 5) Fast 6) Scofunk 7) Worried Life Blues 8) Take Me 9) Who Said 10) Mal di schiena

Durata:

55:09

Con:

Marco Pasinetti, Sebastiano Pezzoli, Stefano Guidi, Guido Bombardieri, Alessio Palmieri, Maurizio Bazzana, Alessandro Bottachiari, Fidel Fogaroli, Andrès Pasinetti, Andy Brevi

perché no?

x Armando Lo Capo (no ©)

Chi si ricorda della recensione a “Outta Kali Phobia” di CarmenSita?
«Non vorrei apparire troppo entusiasta, ma per me questo disco è stato una piccola rivelazione», così terminavo in quell’occasione.
Adesso è il caso di riprendere in mano quelle parole, dacché il chitarrista degli Attribution (o Attribution Band) suona anche nei Ramadogs, una band che spesso ha accompagnato CarmenSita, e allo stesso tempo può accadere che la stessa Carmen Cangiano salga sul palco con gli Attribution.
Come nel caso di CarmenSita i riferimenti di questo “Why Not” sembrano vertere nel rock dei primi anni ’70. La stessa dimensione di power trio e gli hendrixsmi del chitarrista Pasinetti volgono verso una direzione ben precisa.
Ma, come nel caso di “Outta Kali Phobia”, quelle influenze basilari vanno a contaminarsi con vari elementi centripeti che ne rafforzano le strutture altrimenti un po’ logore. In questo caso a inserirsi all’interno di quelle forme (di soppianto? non direi proprio!) ci sono il jazz rock, trainato dalla presenza di una sezione fiati e di tastiere elettriche congiunti a rinforzo del trio, o anche generi successivi, quali il grunge e il funk-metal, che all’hard rock e al jazz rock devono molto.
In particolare si può ascoltare un rifacimento di Cold Turkey con al centro un bell’assolo di sax dai sapori molto jazz (dovrebbe essere di Guido Bombardieri). C’è poi Worried Life Blues, che è un bel blues zeppelino. Scofunk parrebbe invece essere una variante sul tema della signora in giallo.
Quando pensi poi di aver inquadrato la situazione arriva Take Me, una ballata un po’ folk nella quale senbra di sentire i James (chissà se li conoscono? Chissà se gli piacciono?).
Il disco si chiude infine con un bonus che il flauto di Andrès Pasinetti proietta in ambito progressive.
Probabilmente è già stato detto, visto il titolo del disco che invita a farlo, ma comunque lo ribadisco: perché no?


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 27/9/2016
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2016 ...

`Erm´ // `Vignettes´ // `After Dinner´  

`Embeddead´  

`Diplocomp – A Diplodisc Sampler´  

`Matrice´  

`Reforged´  

`Virus´  

`Virale´  

`Fiori dal limbo´  

`Burnout (August Sessions)´  

`Digital Kind Of Guy´  

`Sono andato a letto presto´  

`Madrigali´  

`Governo Laser´  

`DIE´ // `S’Û´  

`Difference Engines´  

`Crudité´  

`Naked Wolf´ // `Buiten Dienst´  

`All Impossible Worlds´  

`La Solitudine del Sole´ // `Fino alla fine della notte´  

`Greetings´  

`La prima volta´  

`Cloudriding´  

`More Nasty´ // `Svimmelhed´ // `Residual Ugly´  

`Il formicaio´ // `Nagual´ // `Hyppopotàmus´  

`Natura Morta´ // `Blind Sun New Century Christology´ // `Dust & Mirrors´  

`Pareti nude´  

`Radici´  

`Germanotta Youth´  

`Multiple´  

`Sotto assedio´ // `Il giorno delle altalene´ // `Endless Tapes EP´  

`Outta Kali Phobia´  

`Adesso´  

`Visible Music For Unheard Visions´  

`A Heart That Responds From Schooling´  

`Ultrasonic Bathing Apparatus´ // `Tape Crash #10´  

`AV.UR.NAV.´  

`Re-Mit´  

`Contra Mundum´  

`Pour en finir´ // `New Vocabulary´  

`Upper Hell´  

`Beyond Repair´  

`Capolavoro´  

`Passage´ // `AOUIE – Bass Clarinet Solo´  

`Tracce D’Africa´  

`In The Other House´ // `Perversions Of The Aging Savant´  

`The Clash Of The Titans´  

`Cacao´  

`URI´  

`Silence Be Alive (生きてこい沈黙)´  

`Silent Carnival´  

`Wander´  

`Dream In A Landscape´  

`Song Cycle´  

`Hotend – Do Tell Plays The Music Of Julius Hemphill´  

`Missa Brevis´  

`Tecniche Arcaiche live at Angelica´  

`Why Not´  

`A Path Made By Walking´  

`Glance And Many Avenues (Live At Apex, Göttingen 2013)´  

`Tapes Amateurs´  

`Doropea´  

`Super 8´  

`Soundcards 01´  

`The Third Season´  

`eXcavations´ // `Red Blue´  

`OU´  

`Olanda in Due (Live At NovaraJazz Italy 2015)´  

`Nox Lux´  

`Alchemy To Our Days´  

`Zwischenbrücken´  

`Al-khīmiyya - الخيمياء´  

`Meeting Points´