`Wander´

Autore disco:

Wander

Etichetta:

Nothing Out There (F)

Link:

canardsauvage.com/not
www.matteotranchesi.net/

Email:

Formato:

CD-R

Anno di Pubblicazione:

2015

Titoli:

1) Between The Shadows 2) I Remember 3) Dust And Weins 4) Floating 5) Little Sparks 6) Last Summer

Durata:

35:48

Con:

Vincenzo De Luce, Matteo Tranchesi

... piano … pianissimo …

x Anselmo Sejfuli (no ©)

Messi a riposo gli Zero Centigrade, spero solo temporaneamente, Vincenzo De Luce intreccia le corde della sua chitarra con quelle di Matteo Tranchesi. I due ci trasportano nei meandri di una Napoli assolata, desertosa e in pieno regime di siesta, e dopo 35 minuti del loro vagabondare, non solo l’assenza di Tonino Taiuti, ma pure le immagini di una città caotica e violenta trasmesse dai media, finiscono con l’essere dimenticate.
Quello che si ascolta in “Wander” è un folk strumentale acustico e soft ma, come nel caso della macchina burroughsiana, non è affatto privo di mordente.
Poco altro da dire se non che accanto, o meglio al di sotto, della Napoli caciarona dei Bennato, della De Sio, del compianto Pino Daniele e degli Alma Megretta, comunque apprezzabili, esiste anche una Napoli più sommersa, silenziosa e meditabonda.
Una Napoli che, al pari del Vesuvio, pare che dorma mentre in realtà è viva e vegeta oltreché estremamente attiva.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 3/9/2016
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2016 ...

`Erm´ // `Vignettes´ // `After Dinner´  

`Embeddead´  

`Diplocomp – A Diplodisc Sampler´  

`Matrice´  

`Reforged´  

`Virus´  

`Virale´  

`Fiori dal limbo´  

`Burnout (August Sessions)´  

`Digital Kind Of Guy´  

`Sono andato a letto presto´  

`Madrigali´  

`Governo Laser´  

`DIE´ // `S’Û´  

`Difference Engines´  

`Crudité´  

`Naked Wolf´ // `Buiten Dienst´  

`All Impossible Worlds´  

`La Solitudine del Sole´ // `Fino alla fine della notte´  

`Greetings´  

`La prima volta´  

`Cloudriding´  

`More Nasty´ // `Svimmelhed´ // `Residual Ugly´  

`Il formicaio´ // `Nagual´ // `Hyppopotàmus´  

`Natura Morta´ // `Blind Sun New Century Christology´ // `Dust & Mirrors´  

`Pareti nude´  

`Radici´  

`Germanotta Youth´  

`Multiple´  

`Sotto assedio´ // `Il giorno delle altalene´ // `Endless Tapes EP´  

`Outta Kali Phobia´  

`Adesso´  

`Visible Music For Unheard Visions´  

`A Heart That Responds From Schooling´  

`Ultrasonic Bathing Apparatus´ // `Tape Crash #10´  

`AV.UR.NAV.´  

`Re-Mit´  

`Contra Mundum´  

`Pour en finir´ // `New Vocabulary´  

`Upper Hell´  

`Beyond Repair´  

`Capolavoro´  

`Passage´ // `AOUIE – Bass Clarinet Solo´  

`Tracce D’Africa´  

`In The Other House´ // `Perversions Of The Aging Savant´  

`The Clash Of The Titans´  

`Cacao´  

`URI´  

`Silence Be Alive (生きてこい沈黙)´  

`Silent Carnival´  

`Wander´  

`Dream In A Landscape´  

`Song Cycle´  

`Hotend – Do Tell Plays The Music Of Julius Hemphill´  

`Missa Brevis´  

`Tecniche Arcaiche live at Angelica´  

`Why Not´  

`A Path Made By Walking´  

`Glance And Many Avenues (Live At Apex, Göttingen 2013)´  

`Tapes Amateurs´  

`Doropea´  

`Super 8´  

`Soundcards 01´  

`The Third Season´  

`eXcavations´ // `Red Blue´  

`OU´  

`Olanda in Due (Live At NovaraJazz Italy 2015)´  

`Nox Lux´  

`Alchemy To Our Days´  

`Zwischenbrücken´  

`Al-khīmiyya - الخيمياء´  

`Meeting Points´