`Olanda in Due (Live At NovaraJazz Italy 2015)´

Autore disco:

Michiel Braam & Bo Van De Graaf

Etichetta:

Icdisc (NL)

Link:

www.toondist.nl
www.icompani.nl

Email:

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2015

Titoli:

1) Shinjuku 2) A Colored Bird 3) Beer In The Stad 4) Parigi, o cara 5) André Hazes De Vlieger 6) Memories Of You 7) Gloomy Sunday 8) Q 1 9) Bentrovato 10) Bang Voor De Bullebak 11) Pietà ti prenda del mio dolor 12) SMRTLP (TRJRKR)

Durata:

42:12

Con:

Michiel Braam, Bo Van De Graaf

buon (troppo) vecchio jazz, e decidete voi se associare il (troppo) a buon o a vecchio

x Marina Inguaggiato (no ©)

Non riesco proprio a scriver male di questi due leoncini del jazz olandese. Non ci riesco neppure quando ne avrei più d’un motivo, come in questa occasione dove i due paiono spudoratamente correre dietro all’applauso della platea, sin dalla scelta di inserire nella scaletta due arie di Giuseppe Verdi (da “La Traviata” e dall’”Aida”).
Contemporaneamente fa piacere veder sottrarre ai sontuosi templi della lirica queste pagine che, comunque sia, hanno fatto la storia della musica.
Ancor più piacere fa l’idea di un Verdi affiancato a perle della musica moderna quali sono Memories Of You di Eubie Blake (sì, quella che ha rifatto anche l’amatissimo Robert Wyatt) e Gloomy Sunday del pianista ungherese Rezső Seress.
A completare il quadro c’è qualcosa recuperato da autori della tradizione olandese (Harry Bannink e Nico Haak), oltre a quattro o cinque temi che portano le firme di Braam o Van De Graaf.
Lo spirito è quello tipico dei jazzisti olandesi, fra lo scanzonato e il dissacratorio, e il disco finisce così quasi sempre per strappare il sorriso.
Sono comunque convinta che - siamo sotto le stalle di un sempre più paralitico festival di sanremo e quindi permettetemi la citazione - «si può dare di più».


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 8/11/2016
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2016 ...

`Erm´ // `Vignettes´ // `After Dinner´  

`Embeddead´  

`Diplocomp – A Diplodisc Sampler´  

`Matrice´  

`Reforged´  

`Virus´  

`Virale´  

`Fiori dal limbo´  

`Burnout (August Sessions)´  

`Digital Kind Of Guy´  

`Sono andato a letto presto´  

`Madrigali´  

`Governo Laser´  

`DIE´ // `S’Û´  

`Difference Engines´  

`Crudité´  

`Naked Wolf´ // `Buiten Dienst´  

`All Impossible Worlds´  

`La Solitudine del Sole´ // `Fino alla fine della notte´  

`Greetings´  

`La prima volta´  

`Cloudriding´  

`More Nasty´ // `Svimmelhed´ // `Residual Ugly´  

`Il formicaio´ // `Nagual´ // `Hyppopotàmus´  

`Natura Morta´ // `Blind Sun New Century Christology´ // `Dust & Mirrors´  

`Pareti nude´  

`Radici´  

`Germanotta Youth´  

`Multiple´  

`Sotto assedio´ // `Il giorno delle altalene´ // `Endless Tapes EP´  

`Outta Kali Phobia´  

`Adesso´  

`Visible Music For Unheard Visions´  

`A Heart That Responds From Schooling´  

`Ultrasonic Bathing Apparatus´ // `Tape Crash #10´  

`AV.UR.NAV.´  

`Re-Mit´  

`Contra Mundum´  

`Pour en finir´ // `New Vocabulary´  

`Upper Hell´  

`Beyond Repair´  

`Capolavoro´  

`Passage´ // `AOUIE – Bass Clarinet Solo´  

`Tracce D’Africa´  

`In The Other House´ // `Perversions Of The Aging Savant´  

`The Clash Of The Titans´  

`Cacao´  

`URI´  

`Silence Be Alive (生きてこい沈黙)´  

`Silent Carnival´  

`Wander´  

`Dream In A Landscape´  

`Song Cycle´  

`Hotend – Do Tell Plays The Music Of Julius Hemphill´  

`Missa Brevis´  

`Tecniche Arcaiche live at Angelica´  

`Why Not´  

`A Path Made By Walking´  

`Glance And Many Avenues (Live At Apex, Göttingen 2013)´  

`Tapes Amateurs´  

`Doropea´  

`Super 8´  

`Soundcards 01´  

`The Third Season´  

`eXcavations´ // `Red Blue´  

`OU´  

`Olanda in Due (Live At NovaraJazz Italy 2015)´  

`Nox Lux´  

`Alchemy To Our Days´  

`Zwischenbrücken´  

`Al-khīmiyya - الخيمياء´  

`Meeting Points´